Innovazione

Hyperloop One sotto accusa. Ecco cosa succede

di

Hyperloop

Brogan BamBrogan, co-fondatore di Hyperloop One, ha accusato i vertici dell’azienda di aver sperperato denaro per assumere parenti non qualificati per quel tipo di lavoro. Le risposte dell’azienda

Caos e accuse in casa Hyperloop One, la start-up impegnata nella realizzazione del treno supersonico ideato da Elon Musk (ma Elon Musk non fa parte dell’azienda). Dopo che Brogan BamBrogan, co-fondatore di Hyperloop One, ha accusato i vertici dell’azienda di favorire i familiari per i lavori correlati con la costruzione del treno, i vertici dell’azienda, come racconta il New York Times, hanno accusato BamBrogan di voler creare una nuova azienda che si dedicasse allo stesso core business, portando via idee e personale. Ma partiamo dall’inizio.

Cosa è Hyperloop?

Hyperloop è il  treno magnetico che promette di viaggiare a 1.200 chilometri orari, all’interno di capsule posate su tubi d’acciaio. L’idea del treno supersonico è stata lanciata da Elon Musk, Ceo di SpaceX eTesla Motors, circa 4 anni fa. L’idea è stata lanciata in open source: tutti possono occuparsi della realizzazione di questo futuristico treno pensato per percorrere 560 chilometri in soli 35 minuti.

Hyperloop One, la storia

L’azienda Hyperloop One è stata co-fondata dall’attuale presidente, Shervin Pishevar (managing partner diSherpa Capital, fondo di investimenti). Ha raccolto, per portare avanti il suo core business, oltre 100 milioni di dollari, attraverso fondi di venture capital.

È nato un prototipo e l’azienda ha effettuato anche il primo test, solo qualche settimana fa, nel deserto del Nevada. Si è trattato di una verifica breve, durata lo spazio di un paio di secondi. Il ‘treno’ ha subito un’accelerazione di 116 miglia orarie in un secondo e nove (da zero a 60 mph in 1.1 secondi), prima di terminare la sua corsa. Alcune dinamiche, come il fatto che la pista fosse corta e che ci fosse comunque il fattore di resistenza dell’aria, hanno inciso sul test in sé.

Hyperloop One: le accuse

Hyperloop One

Brogan BamBrogan

L’ex co-founder e CTO Brogan BamBrogan insieme ad altri tre dipendenti di Hyperloop One, ha intentato una causa contro contro Shervin Pishevar, il CEO Rob Lloyd, l’ex-responsabile legale Afshin Pishevar (fratello del primo Pishevar) e l’investitore Joe Lonsdale. L’accusa è di aver sperperato denaro per assumere parenti dei vertici, non qualificati per quel tipo di lavoro. Non solo: BamBrogan ha anche denunciato il fatto di aver trovato, sulla propria scrivania, un cappio come strumento di minaccia durante un pranzo con investitori russi interessati all’impresa di Hyperloop.

Alle accuse, però, hanno risposto i vertici dell’azienda, affermando che Brogan BamBrogan stesse progettando di dare vita ad un’altra azienda che si occupasse della realizzazione del treno, portando via non solo idee, ma anche personale.

La querela da parte di BamBrogan “dimostra che questi uomini hanno fallito il loro colpo di stato per cercare di prendere in consegna Hyperloop One e che hanno cospirato, successivamente, di avviare la propria società concorrente”, ha commentato Orin Snyder, avvocato dei vertici di Hyperloop One.

“E’ pura finzione”, invece, ha ribattuto un portavoce di BamBrogan. Le accuse dovranno essere verificate. Quale futuro per il treno superveloce?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati