Advertisement skip to Main Content

Droni

Guerra Ucraina, l’Iran invierà droni per Mosca?

Secondo il consigliere per la sicurezza nazionale Usa il governo di Teheran si sta preparando a fornire alla Russia "diverse centinaia" di droni, inclusi alcuni equipaggiati con armi

 

Droni dall’Iran in Russia per sostenere Mosca nella guerra in Ucraina.

Ne sono convinti gli Stati Uniti.

“Le informazioni in nostro possesso indicano che le autorità iraniane hanno in programma di fornire alla Russia diverse centinaia di droni, anche a scopo offensivo, nel prossimo futuro”, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, durante un briefing organizzato alla Casa Bianca in vista del viaggio del presidente Joe Biden in Medio Oriente. Lo hanno riportato diversi media statunitensi.

Dal canto suo, Teheran non ha né ammesso né smentito.

I droni hanno svolto un ruolo fondamentale nella guerra sia per l’Ucraina che per la Russia. Le forze ucraine hanno utilizzato con successo gli Uav da combattimento armati Bayraktar di fabbricazione turca e gli Stati Uniti e altri alleati hanno fornito a Kiev molti tipi di droni più piccoli. (Qui l’approfondimento di Startmag sui droni ricevuti da Kiev dagli Usa).

Le dichiarazioni di Sullivan arrivano quando il Cremlino ha reso noto che Putin si recherà nella capitale dell’Iran la prossima settimana per incontrare il presidente turco Erdogan.

Tutti i dettagli.

COSA SOSTIENE IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA NAZIONALE USA

Sullivan ha anche affermato che gli Stati Uniti hanno informazioni che mostrano che l’Iran si sta preparando ad addestrare le forze russe per utilizzare questi droni.

Ha aggiunto che non era chiaro se l’Iran avesse già consegnati i droni in Russia.

IL COMMENTO DEGLI ESPERTI

“Le truppe russe potrebbero essere addestrate per utilizzare rapidamente la tecnologia, ha affermato a Politico Michael Kofman, direttore del programma di ricerca nel Russia Studies Program al Center for Naval Analyses. Ma senza una conoscenza specifica dei droni, è difficile ottenere una sequenza temporale esatta.

“Le forze russe hanno perso un gran numero di droni da ricognizione. La loro capacità di produzione di droni armati è ancora in fase di sviluppo”, ha affermato Kofman. “Potrebbero essere interessati alle munizioni iraniane o [droni da combattimento]. Questa è un’area in cui l’Iran potrebbe avere più capacità”.

LA POSIZIONE DI TEHERAN

“La storia della cooperazione tra la Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione Russa nel campo di alcune nuove tecnologie risale a prima dell’inizio della guerra in Ucraina e recentemente non ci sono stati sviluppi speciali in questa relazione” ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanani Chafi dall’agenzia di stampa iraniana Fars.

Come già detto, le dichirazioni di Sullivan giungono poco ​​​​prima della visita del presidente Biden in Israele e Arabia Saudita questa settimana. Nessuno dei due paesi ha finora aderito alle sanzioni contro la Russia per la sua guerra in Ucraina, segnala la Bbc.

LA GUERRA DEI DRONI

Dall’inizio della guerra a febbraio, gli Stati Uniti hanno stanziato decine di miliardi di dollari per sostenere l’Ucraina con armi, munizioni e aiuti umanitari.

In particolare, gli Usa hanno già inviato a Kiev 121 droni Phoenix Ghost costruiti negli Usa. Inoltre Washington aveva già consegnato i droni Switchblade sviluppati dalla società statunitense AeroVironment e già in funzione in Ucraina. Rispetto agli Switchblade, i cosiddetti droni kamikaze, i Phoenix Ghost hanno un “raggio d’azione” più ampio, aveva precisato il portavoce del Pentagono.

Ma il piano dell’amministrazione Biden per vendere all’Ucraina quattro droni armati MQ-1C Grey Eagle è stato sospeso. Si teme infatti che i radar e le apparecchiature di sorveglianza dei droni potrebbero creare un rischio per la sicurezza per gli Stati Uniti se cadessero nelle mani della Russia.

Back To Top