Innovazione

Elezioni Usa: è l’e-mail la grande perdente

di

e-mail

Donald Trump o Hilary Clinton: tra pochi giorni si deciderà chi sarà il vincitore che dovrà salire alla Casa Bianca. Il perdente delle elezioni Usa, però, è stato già deciso: è l’e-mail

Ogni elezione ha le sue tendenze tech. Le elezioni Usa del 2016 , che vedono contrapporsi Donald Trump e Hilary Clinton, saranno ricordare come le elezioni di Snapchat, di Periscope, di Twitter e di Facebook. Ma non solo: questa campagna elettorale sarà ricordata anche per una tecnologia molto più datata, quella dell’e-mail.

Non vogliamo discutere degli scandali americani, né del fatto che l’Fbi abbia annunciato in una lettera al Congresso la riapertura delle indagini sul caso delle e-mail e dei server privati utilizzati da Hillary Clinton quando era segretaria di Stato.

Vogliamo approfondire il fallimento della tecnologia e per farlo dobbiamo partire dai fatti. WikiLeaks, negli ultimi mesi, ha messo online decine di documenti ed email riservati sulle attività del Partito Democratico negli Stati Uniti e la corrispondenza di John Podesta, uno dei consulenti della campagna elettorale di Clinton.

E-mail poco sicura: il fallimento della tecnologia

e-mailNella campagna della candidata alla Casa Bianca, l’e-mail viene utilizzata per trasmettere notizie, impostare tattiche e strategie, teorizzare, fare passi indietro e fare pettegolezzo. La posta elettronica si è rivelata come un luogo unico dove condividere tutto. L’e-mail è stata preferita alle telefonate e agli incontri faccia a faccia, nonostante i suoi forti limiti.

Perchè? Forse, perchè la posta elettronica, come scrive il New York Times, è così invitante quanto inevitabile. A più di 50 anni dalla sua nascita, la mail resta ancora uno degli strumenti più utilizzati per discutere i nostri affari. Essa raccoglie i nostri spostamenti e anche i nostri segreti: alla posta elettronica, forse, “raccontiamo” troppo. Più di quanto dovuto, e lo scandalo che ha coinvolto Hilary Clinton lo dimostra.

L’e-mail ci trasmette un senso di sicurezza che, però, non ha mai offerto. La posta elettronica si rivela la tecnologia meno adatta, in questi tempi, per politica e affari. Basta un buon hacker perchè tutto quello che vorremmo nascondere venga alla luce.

Anche un sistema di comunicazione più moderno, come Slack o HipChat, scrive il New York Times, sarebbe stato sì violabile, ma avrebbe permesso d impostare una politica di archiviazione (dopo alcuni giorni o settimane, le conversazioni vengono cancellate).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati