skip to Main Content

Putin sta perdendo la guerra energetica all’Europa?

Russia Gas

La guerra energetica di Putin sta andando male quanto quella in Ucraina. Ecco perché. L’articolo del Financial Times

Nell’ultimo mese, i prezzi del gas naturale sono crollati. Dopo aver sfiorato i 150 euro per megawattora (48 dollari per milione di unità termiche britanniche) all’inizio di dicembre, questa settimana sono scesi al di sotto dei 60p/MWh (19 dollari per mmbtu), favoriti da un periodo di tempo stagionalmente mite che ha frenato la domanda di riscaldamento.

I prezzi rimangono comunque elevati rispetto agli standard storici. Le bollette delle famiglie sono ancora indubbiamente dolorose e l’industria ha subito un duro colpo. Ma il gas è tornato a un livello quasi gestibile per la maggior parte delle economie dell’Europa occidentale.

I prezzi sono circa il doppio del livello che un tempo avremmo considerato alto in un inverno normale, ma non sono più 10 volte tanto, come l’estate scorsa, quando la Russia ha interrotto completamente il suo principale gasdotto verso l’Europa.

Le carenze diffuse, che una volta erano legittimamente temute, non si sono materializzate. Al contrario, gli impianti di stoccaggio del gas in Europa – la misura chiave della capacità del continente di superare comodamente questo inverno e il prossimo – sono pieni per il periodo dell’anno.

L’INVERNO MITE (FINORA)

Normalmente, a questo punto dell’inverno, ci si aspetterebbe che i livelli di stoccaggio siano scesi a circa il 60% o meno della capacità. Invece, sono ancora quasi all’80%, con i livelli della più grande economia europea, la Germania, che si avvicinano al 90%.

Non è detto che sia saggio rallegrarsi per le temperature primaverili registrate in molti Paesi europei durante il periodo natalizio, visto ciò che ci dice sul cambiamento del clima. Ma si può perdonare un sorriso ironico da parte di coloro che conoscono abbastanza la storia russa da trovare divertente il fatto che il Generale Inverno sembra aver disertato per sostenere i Paesi che appoggiano l’Ucraina.

Ci sono ancora preoccupazioni su ciò che accadrà in seguito. Un’ondata di freddo prolungata a febbraio o marzo potrebbe iniziare a ridurre le scorte europee, anche se le previsioni meteo, per ora, sembrano ragionevolmente benevole.

COSA FARANNO RUSSIA E CINA

È possibile che la Russia si muova per tagliare la piccola quantità di gas che ancora raggiunge l’Europa attraverso l’Ucraina e la Turchia. Ma la maggior parte delle previsioni del settore prevede che la stagione di rifornimento degli stoccaggi di gas in primavera e in estate parta da una base elevata, placando i timori che l’inverno 2023/24 possa rappresentare una sfida maggiore, visti i flussi russi molto più bassi rispetto alla prima metà dello scorso anno. L’Europa è ora meglio posizionata per gestire eventuali ulteriori tagli russi.

Un’altra minaccia è rappresentata da ciò che accadrà alla domanda cinese una volta che sarà uscita dalle politiche di blocco di Covid-19. In questo momento, i serbatoi di gas cinesi sono in gran parte pieni dopo un periodo di crescita depressa. Ma verso la fine dell’anno, l’industria si aspetta che la domanda cinese di gas naturale liquefatto importato – gli stessi carichi via mare su cui l’Europa ha fatto affidamento in gran parte per sostituire i flussi russi – aumenti.

Questo potrebbe non essere un problema immediato se l’Europa sta iniziando a riempire lo stoccaggio da una base elevata questa primavera. Ma la situazione potrebbe essere un po’ più tesa di quanto non lo sia all’inizio dell’inverno 2023/24, se la domanda cinese dovesse tornare a farsi sentire.

Sarebbe quindi sciocco escludere un’ulteriore volatilità dei prezzi. Ma la strategia energetica armata della Russia ha davvero i giorni contati. L’anno scorso, per Mosca, l’aumento dei prezzi del gas ha più che compensato la perdita di volumi venduti. È improbabile che ciò si ripeta. Le sanzioni occidentali hanno anche dimezzato il prezzo che Mosca può ottenere per il suo petrolio, colpendo il bilancio del Cremlino.

Entro il 2024/25 inizierà ad arrivare sul mercato globale una maggiore quantità di GNL, alleggerendo la situazione dell’offerta e rendendo molto meno probabili picchi di prezzo estremi. Anche se i prezzi potrebbero non tornare completamente alla media dell’ultimo decennio, la curva di previsione non prevede più un ritorno ai prezzi che hanno minacciato una profonda e prolungata recessione in Europa.

L’EUROPA NON HA ANCORA VINTO LA GUERRA ENERGETICA

Tutto ciò non suggerisce che l’Europa possa permettersi l’autocompiacimento. Gli analisti segnalano con esitazione che l’unico piccolo rischio per il bilancio del gas europeo nei prossimi mesi potrebbe essere la ripresa della domanda industriale. Gli impegni presi per espandere le energie rinnovabili e altre fonti di generazione di energia pulita devono essere accelerati per eliminare la debolezza strategica sfruttata da Putin.

Governi come quello tedesco hanno dimostrato di sapersi muovere rapidamente in caso di crisi, realizzando in pochi mesi terminali galleggianti di GNL per aprire alternative al gas russo. La stessa urgenza deve ora essere applicata alle soluzioni a lungo termine, siano esse l’eolico offshore, l’idrogeno o il nucleare, accelerando al contempo il processo a lungo termine di riduzione dell’uso del gas per il riscaldamento. Questo sarà l’unico modo per dichiarare con decisione la vittoria nella guerra dell’energia.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore