skip to Main Content

Fincantieri, come svolazza Vard

Fincantieri Vard

La norvegese Vard, controllata di Fincantieri, sprinta sull’eolico off-shore. Nuovo contratto per un valore complessivo di 140 milioni di euro

 

Fincantieri mette a segno un altro importante ordine nel settore delle energie rinnovabili offshore grazie alla controllata Vard.

Vard ha firmato con la norvegese Norwind Offshore i contratti per la progettazione e la costruzione di 2 Commissioning Service Operations Vessel, con opzioni per altre 2 navi della stessa tipologia, e per la vendita e la conversione di una Platform Supply Vessel, che diventerà un Service Operation Vessel. Lo rende noto il gruppo cantieristico di Trieste con una nota.

I contratti per le 3 navi ferme hanno un valore complessivo indicativo di 140 milioni di euro.

Si tratta del terzo contratto per l’eolico offshore concluso da Vard dall’inizio dell’anno.

Lo scorso aprile Vard ha ricevuto l’ordine per la costruzione di 3 unità SOV destinate a servire il parco eolico di Dogger Bank, nel Mare del Nord. Quest’ultimo, una volta completato, sarà il più esteso al mondo. Su questo sito convergono le attività di alcuni tra i maggiori operatori del settore al mondo, tra cui SSE Renewables, Equinor ed Eni.

Ad agosto la società ha siglato il contratto per la progettazione e la costruzione di 2 Construction Service Operation Vessel (CSOV) per la società norvegese Rem Offshore.

Solo un anno fa la controllata di Fincantieri faceva il suo ingresso nel settore delle energie rinnovabili, al fianco di Mol e Ttm, due delle maggiori compagnie di shipping al mondo.

Tutti i dettagli.

COSA PREVEDE IL NUOVO CONTRATTO: LA REALIZZAZIONE DI DUE COMMISSIONING SERVICE OPERATIONS VESSEL

I Commissioning Service Operations Vessel sono basati sul design Vard 4 19, realizzati su misura per attività di supporto e manutenzione in tutto il mondo presso i parchi eolici offshore.

La prima nave per Norwind sarà allestita e consegnata in Norvegia nel secondo trimestre del 2023. Lo scafo sarà costruito invece a Braila, in Romania. La seconda nave sarà costruita e consegnata a Vung Tau, in Vietnam, con la consegna prevista nel terzo trimestre del 2024.

LA CONVERSIONE DI UNA PLATFORM SUPPY VESSEL

La terza unità, un Platform Supply Vessel di proprietà di Vard, è stata in funzione in Asia e Australia e ora raggiungerà Brattvaag, in Norvegia, per un’estesa operazione di conversione e allestimento. La nave sarà consegnata nel secondo trimestre del 2022 come Service Operation Vessel.

COSA FA LA NORVEGESE NORWIND OFFSHORE

Norwind Offshore è una società di recente costituzione che offrirà navi specializzate per operazioni relative allo sviluppo e al supporto del settore eolico offshore. Ha una lunga storia nel comparto offshore e marittimo, durante la quale ha sviluppato con Vard una forte relazione attraverso la realizzazione di un’ampia gamma di unità offshore avanzate.

VARD SI RAFFORZA NEL SETTORE RINNOVABILI OFFSHORE

Quotata alla borsa di Singapore e controllata da Fincantieri da gennaio 2013, Vard Group è uno dei leader mondiali nella costruzione di navi specializzate per il mercato offshore, si legge sul sito dell’azienda.

Quest’ultimo contratto consente a Vard di rafforzare la propria posizione in questo particolare settore del mercato offshore e in quello delle navi speciali ad alta prestazione anche nelle condizioni ambientali più impegnative.

Il settore delle energie rinnovabili offshore è in una fase di transizione da industria solo europea a mercato globale. Avendo già sviluppato numerosi concept di questo tipo di unità — spiega il gruppo cantieristico di Trieste —, Vard potrà sfruttare il trend in crescita del comparto, in cui emergono importanti attività che si apprestano ad essere avviate sia in Asia che in Nord America, oltre a un livello di investimenti ancora elevato in Europa.

PROSEGUE LA STRATEGIE DI DIVERSIFICAZIONE

Prosegue dunque la strategia di diversificazione di Fincantieri per la controllata norvegese.

A inizio agosto, la controllata di Fincantieri ha consegnato alla società armatrice francese Ponant “Le Commandant Charcot”, nave da crociera destinata ai viaggi polari.

Si tratta in assoluto della prima nave da crociera con tecnologia rompighiaccio ibrida con propulsione a LNG per i viaggi polari. L’exploration vessel ibrido elettrico con propulsione LNG è stato sviluppato da Ponant, Stirling Design International, Aker Arctic e Vard.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore