skip to Main Content

Case Giapponesi

Che cosa cambierà per Nissan con Ariya

Tutte le prossime mosse di Nissan dopo l'era Ghosn tra lancio di Ariya, il Suv elettrico svelato il 15 luglio, e il nuovo logo

 

“Ariya è più di una macchina. È un nuovo capitolo”. È un concetto che il ceo di Nissan Makoto Uchida ha ripetuto più volte durante la presentazione di Ariya, il nuovo Suv elettrico svelato questa mattina. Arriverà sui mercati nel 2021, undici anni dopo Nissan Leaf, la berlina che fino a pochi mesi fa è stata il veicolo elettrico più venduto al mondo di sempre (circa 470mila unità), per venire poi superata dalla Tesla Model 3 (oltre 500mila).

UN NUOVO CAPITOLO PER NISSAN

“Ariya fonde le maggiori competenze di Nissan: mobilità elettrica e crossover”, ha detto il Coo Ashwani Gupta. Ma al di là dei dettagli tecnici – trazione integrale, batterie da 63 o 87 kWh, sistema avanzato di assistenza alla guida, connettività estesa –, Ariya possiede un grande valore simbolico per Nissan.

Attraverso questo nuovo modello, cioè – che non a caso sfoggerà il rinnovato logo dell’azienda –, la casa automobilistica giapponese spera di spingere una narrazione diversa di se stessa dopo lo caso legato all’arresto del manager Carlos Ghosn.

COSA DICONO LE PREVISIONI SU ARIYA

Il “caso Ghosn” ha avuto delle ripercussioni economiche su Nissan: vendite e profitti crollati; l’annuncio – lo scorso luglio – del taglio di 12.500 posti di lavoro in tutto il mondo e della riduzione del 10 per cento della produzione.

Nissan punta insomma su Ariya per la sua ripartenza. Secondo esperti sentiti da Reuters, Nissan punterebbe a venderne appena 30mila nel primo anno di disponibilità globale. Ariya sarà acquistabile in Giappone da metà 2021, mentre non è ancora chiaro quando avranno inizio le vendite in Europa, negli Stati Uniti e in Cina.

LA CONCORRENZA CON TESLA E FORD

Ariya è il primo modello elettrico di Nissan dopo Leaf. La concorrenza nel settore delle auto elettriche è oggi complicata dalla posizione dominante assunta da Tesla di Elon Musk: per fare un paragone, l’anno scorso sono state vendute più di 300mila Model 3.

Ma Nissan Ariya dovrà competere sia con il nuovo Suv elettrico di Tesla, il Model Y (disponibile da metà marzo scorso), sia con il crossover Mustang Mach-E di Ford (disponibile forse entro la fine dell’anno). Tutti e tre i modelli avranno probabilmente un costo simile, stimato attorno ai 50mila dollari.

Con Ariya la casa di Yokohama punta ad un reset d’immagine. A differenza di quanto fatto da Tesla con le sue auto, Nissan non è mai riuscita ad elevare Leaf ad oggetto del desiderio, ad uno status symbol: colpa del design o forse del prezzo accessibile.

IL NUOVO LOGO DI NISSAN

Dopo molti schizzi e diversi modelli, è stato svelato il nuovo logo di Nissan: “Il risultato è un logo con un’impressione bidimensionale, che riproduce il senso di leggerezza e flessibilità, come di sospensione fra più mondi. Il processo è iniziato in 3D per essere poi sviluppato in 2D: il badge del marchio illuminato è stato prima disegnato, estraendo l’area illuminata per rappresentare il marchio in forma 2D”, si legge nel comunicato di Nissan.

Back To Top