Mobilità

Renault-Nissan, come sbandano sempre di più i rapporti Francia-Giappone nel caso Ghosn

di

renault nisssan

Tutte le nuove accuse contro Carlos Ghosn, ex presidente della Nissan-Renault-Mitsubishi Motors.

Nuove accuse contro Carlos Ghosn: abuso di fiducia aggravata. Il pubblico ministero giapponese ha formalizzato una nuova incriminazione nei confronti di Carlos Ghosn, ex presidente della Nissan-Renault-Mitsubishi Motors.

Si tratterebbe della terza accusa consecutiva: da metà novembre Ghosn è impelagato in una battaglia legale che non sembra promettere una buona fine per l’ex presidente delle case auto.

LA NUOVA ACCUSA

Ghosn, secondo l’accusa, avrebbe trasferito fondi societari a una succursale in Oman per interessi personali, provocando una perdita di 5 milioni di dollari alla Nissan. I

n particolare, secondo i pm due pagamenti separati per 5 milioni di dollari complessivi sono stati effettuati dal conto di una filiale di Nissan sul conto di un concessionario in Oman e i soldi sarebbero poi successivamente stati trasferiti dal conto del concessionario a un altro conto di una società libanese vicina a Ghosn, spiega Japan Today.

LE VECCHIE ACCUSE

Carlos Ghosn è stato arrestato il 19 novembre 2018 per non aver dichiarato compensi per un totale di 9 miliardi di yen, circa 80 milioni di dollari tra il 2010 e il 2017, oltre alla contestazione di una serie di illeciti finanziari, tra cui il trasferimento di circa 15 milioni di dollari ad una succursale saudita tra il 2009 e il 2012.

L’ex tycoon, dopo un breve periodo di libertà su cauzione, è stato arrestato ad inizio aprile e la nuova accusa è stata formalizzata il giorno in cui l’ultimo periodo di detenzione di Ghosn sarebbe scaduto.

GHOSN RESPINGE ACCUSE

Carlos Ghosn ha sempre respinto le accuse. “Sono stato accusato indebitamente e e detenuto ingiustamente”, ha detto l’ex Presidente delle case auto durante l’ udienza preliminare.

Ghosn ha affermato di essere vittima di una manovra pensata in consiglio di amministrazione e ha accusato gli ex colleghi di averlo “pugnalato alle spalle”.

LA DENUNCIA DI NISSAN

La stessa Nissan ha presentato una denuncia penale nei confronti dell’ex tycoon sulla gestione dei fondi discrezionali e i presunti investimenti illeciti ai danni dell’azienda. Le precedenti incriminazioni riguardavano l’aver sottostimato i propri guadagni in due diverse istanze per un periodo di oltre 8 anni, e un altro caso di abuso di fiducia aggravata per la copertura di perdite personali tramite trasferimenti a società prestanome in Arabia Saudita.

LO SCENARIO

Sul tavolo ci sono le questioni che riguardano i rapporti di forza tra le due aziende, considerati sbilanciati dalla casa nipponica, dal momento che Nissan genera gran parte delle redditività del gruppo ma possiede appena il 15% della Renault e senza diritti di voto, a differenza del marchio francese che controlla il 43% di Nissan. In un video pubblicato prima del suo ultimo arresto, a inizio aprile, Ghosn si è detto estraneo alle accuse ribadendo di essere vittima di una complotto da parte dei vertici della azienda nipponica, minacciata dal progetto di fusione delle due entità.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati