Economia

Lavoro, che cosa faranno Di Maio e Salvini su salari, voucher e apprendistato

di

voucher lavoro

Una legge per il salario minimo orario. Rivedere la cancellazione dei voucher. Riduzione del cuneo contributivo. Nessun accenno all’articolo 18 dello Statuto dei lavori che il Movimento 5 Stelle in campagna elettorale voleva reintrodurre contestando il Jobs Act.

Ecco le novità che si desumono dal capitolo sul lavoro contenuto nell’ultima bozza del contratto di programma fra Movimento 5 Stelle e Lega in vista del governo fra Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

LA PREMESSA GIALLO-VERDE

Ecco la premessa del documento giallo-verde: “Appare di primaria importanza garantire una retribuzione equa al lavoratore in modo da assicurargli una vita e un lavoro dignitoso in condizioni di libertà, equità, sicurezza e dignità, in attuazione dei principi sanciti dall’articolo 36 della Costituzione”.

UNA LEGGE PER IL SALARIO MINIMO

A tal fine “si ritiene necessaria l’introduzione per legge di un salario minimo orario che, per tutte le categorie di lavoratori e settori produttivi in cui la retribuzione minima non sia fissata dalla contrattazione collettiva, stabilisca per legge che ogni ora di ogni lavoratore non possa essere pagata al di sotto di una certa cifra”. Inoltre “non potranno essere più gratuiti neppure gli apprendistati per le libere professioni”, è scritto.

COME LIMARE IL CUNEO

Per favorire una pronta ripresa dell’occupazione e liberare le imprese dal peso di oneri spesso inutili e gravosi, “occorre porre in essere da un lato una riduzione strutturale del cuneo contributivo e dall’altro una semplificazione, razionalizzazione e riduzione, anche attraverso la digitalizzazione, degli adempimenti burocratici connessi alla gestione amministrativa dei rapporti di lavoro, che incidono pesantemente sul costo del lavoro in termini di tempo, efficienza e risorse dedicate”, si legge.

EVVIVA I VOUCHER

Critiche a una delle innovazioni introdotte dai governi a guida Pd: “La cancellazione totale dei voucher ha creato non pochi disagi ai tanti settori per i quali questo mezzo di pagamento rappresentava uno strumento indispensabile e la sua  sostituzione con il c.d. «libretto famiglia» e con il «contratto di prestazione occasionale» ha soltanto reso più complesso il ricorso al lavoro accessorio, col rischio di un aumento del sommerso”.

COSA FARE

Infine, serve “una riforma complessiva della normativa vigente volta ad introdurre un apposito strumento, agile ma chiaro e semplice, che non si presti ad abusi, attivabile per via telematica attraverso un’apposita piattaforma digitale, per la gestione dei rapporti di lavoro accessorio. Al fine di tutelare la sicurezza occupazionale e sociale, si ritiene di primaria importanza lo sviluppo e il rafforzamento di politiche attive che facilitino l’occupazione, la ricollocazione ed adeguate misure di sostegno al reddito e di protezione sociale”.

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE SUL PROGRAMMA M5S-LEGA:

ECCO LA BOZZA COMPLETA DEL PROGRAMMA

(PENSIONI, CHE COSA C’E’ SCRITTO NELLA BOZZA DI PROGRAMMA DI MAIO-SALVINI)

(ALITALIA, MPS, ILVA, LEONARDO-FINMECCANICA. TUTTI GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA M5S-LEGA)

(COME IL GOVERNO LEGA-M5S INCENTIVERA’ LE AUTO ELETTRICHE)

(FLAT TAX, ECCO I PRO E I CONTRO DELLA STEP TAX STUDIATA DA DI MAIO E SALVINI)

(ECCO QUALE SARA’ LA VERA SVOLTA DEL GOVERNO M5S-LEGA IN POLITICA ECONOMICA)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati