skip to Main Content

La recessione casserà le rivoluzioni sul lavoro? Report Atlantic

Recessione Lavoro

Ecco i tre motivi per cui è sicuro che una recessione ucciderà la rivoluzione del lavoro a distanza

 

A volte, una tendenza che sembra inevitabile si rivela una fragile creatura delle circostanze. Per esempio, nel corso degli anni 2010, una flotta di società di consumer-tech ha preso fondi di venture capital per fornire servizi sovvenzionati, tra cui Uber e Lyft per il ride-sharing e DoorDash e Postmates per la consegna di cibo.

Come ho scritto questo mese, queste aziende hanno beneficiato di un contesto di bassi tassi d’interesse, in cui gli investitori erano desiderosi di far bruciare liquidità e crescere aziende con ambizioni di conquista del mondo. Poi la festa è finita: i tassi di interesse sono aumentati insieme ai salari nominali, gli investitori hanno chiesto profitti e ora un Uber da qui alla fine dell’isolato costa circa 100 dollari.

Recentemente mi sono chiesto se la rivoluzione del lavoro da casa possa subire un destino simile. È chiaro che la pandemia e la rapida ripresa economica hanno aiutato il lavoro a distanza in diversi modi. Il coronavirus ha chiuso gli uffici e il conseguente mercato del lavoro ristretto ha dato ai lavoratori il potere di lasciare il lavoro, di lottare per ottenere più soldi e di rifiutare la tradizione purgatoriale del pendolarismo quotidiano.

Ma proprio come la rivoluzione di Uber si è basata su un insieme specifico di condizioni economiche che si sono modificate molto rapidamente, il lavoro a distanza potrebbe essere sensibile a cambiamenti economici repentini – scrive The Atlantic.

Per capire dove voglio arrivare, dobbiamo purtroppo parlare dell’economia statunitense, che non è molto divertente. L’inflazione è ostinatamente aggrappata ai massimi di 40 anni e i prezzi nominali della benzina hanno stabilito un record. La Federal Reserve sta cercando di raffreddare la domanda aumentando i tassi di interesse, anche se i prezzi dell’energia stanno aumentando soprattutto a causa di fattori globali, come la guerra in Ucraina che limita l’offerta di petrolio. Anche se una flessione non è inevitabile, la Fed rischia di distruggere così tanto la domanda da portare gli Stati Uniti in recessione nel prossimo anno o due. E anche se la crescita non dovesse diventare negativa, l’aumento dei tassi di interesse produrrà quasi certamente meno investimenti, meno crescita, licenziamenti e aumento della disoccupazione.

Nel prossimo futuro, quindi, il management potrebbe riprendere il sopravvento sul lavoro, mentre le Grandi Dimissioni si trasformano in un Grande Rallentamento del Lavoro. La cultura aziendale assomiglierà di più a ciò che vogliono i capi, piuttosto che a ciò che vogliono i lavoratori, e questo potrebbe significare molti più lavoratori in ufficio. Secondo i sondaggi condotti dall’economista di Stanford, Nicholas Bloom, quasi l’80% dei dipendenti dichiara di preferire lavorare a casa almeno un giorno alla settimana. Ma i manager sono divisi sulla questione se i lavoratori a distanza siano produttivi quanto quelli in ufficio.

Si stanno già intravedendo piccoli scorci di come una situazione economica negativa potrebbe far scoppiare la bolla del work from home (WFH). Alcune settimane fa, Elon Musk ha intimato ai suoi dipendenti di tornare in ufficio o di perdere il lavoro. Inizialmente sembrava una semplice minaccia da parte di un eccentrico CEO con una passione per la prossimità all’ufficio. Ma giorni dopo Tesla ha annunciato che probabilmente avrebbe dovuto licenziare il 10% della sua forza lavoro, suggerendo che Musk stesse usando la minaccia di tornare in ufficio per convincere alcuni dei suoi dipendenti a licenziarsi da soli, senza l’indignazione di annunciare un licenziamento di grandi dimensioni.

Questa strategia moralmente discutibile è ampiamente utilizzata. Come ha detto l’investitore Jason Calacanis nel mio podcast Plain English, diverse aziende tecnologiche, tra cui Apple, hanno provato (e in alcuni casi abbandonato) una versione di questa strategia di licenziamento furtiva. “Queste aziende sono troppo orgogliose per procedere a licenziamenti, quindi invece dicono: ‘Torna in ufficio o licenziati!'”.

Il miliardario immobiliare Stephen Ross ha articolato il rovescio della medaglia di questa dinamica, prevedendo che, così come i datori di lavoro potrebbero utilizzare una politica di rientro in ufficio per spingere i lavoratori a licenziarsi, i lavoratori potrebbero tornare per conquistare l’affetto dei loro capi prima che inizino i licenziamenti. “I datori di lavoro hanno esitato un po’ perché non volevano perdere i loro dipendenti”, ha dichiarato a Bloomberg. “Ma credo che quando si entra in una fase di recessione e le persone temono di non avere più un lavoro, questo porterà le persone a tornare in ufficio. Bisogna fare il necessario per mantenere il proprio lavoro e guadagnarsi da vivere”.

Il lavoro a distanza non è solo uno sviluppo macroeconomico. È una tendenza culturale che, come tutte le tendenze, è sensibile ai contraccolpi. Ecco una storia che si potrebbe raccontare e che porterebbe all’erosione delle norme del WFH.

Nelle aziende che non hanno una cultura sofisticata del lavoro a distanza, molti giovani lavoratori finiscono già alla deriva. In un periodo di recessione, un maggior numero di uffici potrebbe riportare questi giovani lavoratori in ufficio. Mentre costruiscono competenze reciproche e sentono che le loro fortune stanno aumentando, potrebbe formarsi un movimento scettico nei confronti del WFH tra la generazione Z, che potrebbe sfruttare questa opportunità per impegnarsi nel suo passatempo preferito: una sfacciata guerra generazionale. I giovani lavoratori farebbero dei TikTok virali su come i lavoratori più anziani abbiano un aspetto schifoso tutto il giorno, vagando con aria assonnata dai loro letti ai loro divani. Il WFH è per i Millennials imbranati e non uscire mai di casa è un po’ patetico! Il fatto che il lavoro a distanza possa essere una sfida per la fascia demografica più attiva sui social media potrebbe portare a luoghi imprevedibili.

Nonostante tutto questo, non sono pronto a prevedere con sicurezza che una recessione ucciderà la rivoluzione del lavoro a distanza, per tre motivi. In primo luogo, milioni di lavoratori della conoscenza preferiscono così profondamente il WFH che ci vorrebbe qualcosa di molto più forte di una recessione – il raddoppio del loro stipendio? – per convincerli ad aggiungere un pendolarismo al loro programma quotidiano.

In secondo luogo, le recessioni portano a fallimenti, soprattutto tra le aziende con strutture di costo disordinate (come, ad esempio, pagare a peso d’oro per uffici che non si usano mai). Quando le aziende più vecchie, favorevoli all’ufficio, muoiono, potrebbero sorgere aziende più giovani, che lavorano dappertutto, per occupare i loro spazi. In questo scenario, il lavoro a distanza non scomparirebbe in caso di recessione. Avanzerebbe, un funerale aziendale alla volta.

In terzo luogo, da un punto di vista puramente matematico, la cosa più razionale da fare per un’azienda con un ufficio zombie durante una recessione è tagliare le spese per tutto ciò che riguarda l’ufficio. “Ridurre la metratura degli uffici e passare al lavoro completamente a distanza significa risparmiare sui costi per molte aziende”, mi ha detto Adam Ozimek, economista e sostenitore del lavoro a distanza.

La crisi, se arriverà, sarà uno stress test per un fenomeno emergente. Il lavoro a distanza ha prosperato quando la pandemia imperversava, quando i manager erano alla disperata ricerca di dipendenti e quando i colletti bianchi sapevano di avere potere. La domanda è cosa succederà quando alcuni di questi venti si indeboliranno. “Alcuni datori di lavoro reagiranno a un rallentamento con un piano di rientro in ufficio”, ha detto Ozimek. “Alcuni potrebbero essere contenti che il 20% della forza lavoro se ne vada. Ma altri potrebbero essere davvero protettivi nei confronti dei loro migliori talenti e disposti a farsi in quattro per trattenerli”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore