Advertisement skip to Main Content

Uffici

Amazon, Google e Facebook smantellano gli uffici. Report Wsj

Le grandi società tecnologiche americane, come Amazon e Google, stanno abbandonando gli uffici: è un problema soprattutto per l'economia delle grandi città costiere degli Stati Uniti. L'approfondimento del Wall Street Journal.

Le grandi aziende tecnologiche stanno riducendo gli spazi per uffici nelle principali città costiere, lasciando alcuni proprietari esposti con edifici vuoti e perdite ingenti. La riduzione segna una brusca inversione di tendenza dopo anni in cui aziende come Amazon.com, Facebook di Meta Platforms e Alphabet, società madre di Google, avevano rafforzato i loro uffici aggiungendo migliaia di metri quadrati di spazio.

La loro espansione è continuata anche dopo lo scoppio della pandemia e l’inizio del lavoro a distanza di molti dipendenti. Le aziende tecnologiche sono state l’inquilino dominante in città della costa occidentale come Seattle e San Francisco, e nel 2021 sono arrivate a rivaleggiare con quelle del settore finanziario come maggiori utilizzatori di spazi per uffici a Manhattan.

LE BIG TECH VOGLIONO DISFARSI DEGLI UFFICI

Ora le grandi aziende tecnologiche stanno lasciando scadere i contratti di locazione o stanno cercando di disfarsi di alcuni uffici. Amazon sta abbandonando o non rinnovando alcuni contratti di locazione di uffici e l’anno scorso ha messo in pausa la costruzione della sua seconda sede nella Virginia settentrionale. Secondo la società di dati CoStar, Google ha messo in vendita degli uffici in subaffitto nella Silicon Valley. Anche Meta ha abbandonato alcuni uffici e sta affittando meno di quanto abbia fatto all’inizio della pandemia – scrive il WSJ.

Salesforce, l’azienda di software cloud-based, ha dichiarato in un recente deposito di titoli di aver affittato o posseduto circa 9000,00 mq di uffici a San Francisco a gennaio. Si tratta di appena la metà dei 150.000 metri quadrati di spazi per uffici che aveva dichiarato di avere in quella città un anno prima.

I giganti del settore tecnologico che cercano di disfarsi di una parte del loro posto di lavoro devono affrontare una forte concorrenza. Secondo l’agenzia di brokeraggio CBRE, gli spazi per uffici in subaffitto in 30 città con molti inquilini del settore tecnologico sono saliti ai livelli più alti da almeno un decennio. I 168,4 milioni di piedi quadrati di uffici in subaffitto nel primo trimestre sono leggermente diminuiti rispetto al picco del quarto trimestre 2023, ma sono quasi triplicati rispetto all’inizio del 2019.

Anche le aziende tecnologiche che stanno rinnovando o aggiungendo spazi vogliono meno di prima. Secondo CBRE, la quantità di nuovi uffici affittati dalle aziende tecnologiche è diminuita di quasi la metà nel quarto trimestre dello scorso anno rispetto al 2019.

L’IMPATTO ECONOMICO PER LE CITTÀ

Il vorace appetito delle aziende tecnologiche per gli uffici e gli altri immobili commerciali ha rappresentato una manna economica per le città. I nuovi spazi di lavoro di solito portavano un afflusso di dipendenti ben pagati, incrementavano il gettito fiscale delle città e si traducevano in maggiori affari per i commercianti e i proprietari di negozi locali.

Ora, il calo dell’appetito è un colpo per le città in un momento in cui è difficile trovare altri grandi affittuari. Per i proprietari, già alle prese con l’aumento dei tassi di interesse e il calo della domanda da parte di società finanziarie, studi legali e altri inquilini, l’inversione di tendenza del settore tecnologico è particolarmente dolorosa.

CROLLO DEI VALORI IMMOBILIARI IN VISTA?

In alcuni casi, il calo della domanda di tecnologia può portare a un crollo dei valori immobiliari. Prendiamo il 1800 Ninth Avenue, un edificio per uffici di 15 piani a Seattle. I pagamenti degli affitti da parte di Amazon hanno contribuito a triplicare il valore dell’edificio nel decennio successivo alla crisi finanziaria del 2008-2009.

Nel 2013, Amazon si è trasferita in circa due terzi dell’edificio. Alla fine di quell’anno, l’edificio è stato venduto per 150 milioni di dollari, quasi il doppio rispetto ai 77 milioni di dollari a cui era stato venduto solo due anni prima.

Il prezzo ha continuato a salire grazie alla forte domanda delle aziende tecnologiche e ai bassi tassi di interesse che hanno attirato grandi società di investimento nel mercato immobiliare commerciale di Seattle. Nel 2019, J.P. Morgan Asset Management ha acquistato l’edificio per 206 milioni di dollari.

Il contratto di locazione di Amazon scade quest’anno e l’azienda si trasferisce. L’edificio è in vendita. Secondo le stime di persone che hanno familiarità con la proprietà, l’edificio dovrebbe essere venduto a circa un quarto del prezzo del 2019.

“Valutiamo costantemente il nostro portafoglio immobiliare in base alle esigenze dinamiche e diversificate delle attività di Amazon, osservando le tendenze di utilizzo dei nostri uffici da parte dei dipendenti”, ha dichiarato una portavoce di Amazon in un comunicato.

Quando la pandemia ha sconvolto il mercato degli uffici negli Stati Uniti, le grandi aziende tecnologiche sono state inizialmente un punto di forza. Hanno continuato ad aggiungere spazio, scommettendo che alla fine ne avrebbero avuto bisogno con l’assunzione di altre persone e con il graduale ritorno dei dipendenti in ufficio.

“Le grandi aziende tecnologiche si sono dimostrate piuttosto resistenti”, ha dichiarato Brooks Hauf, senior director della società di brokeraggio Avison Young.

Le cose sono cambiate nel 2022. Il lavoro a distanza ha continuato a essere popolare e alcune grandi aziende tecnologiche hanno licenziato lavoratori, il che significa che avevano bisogno di meno spazio di quanto pensassero, ha dichiarato Colin Yasukochi, direttore esecutivo del Tech Insights Center di CBRE.

Secondo CBRE, tra il terzo trimestre del 2021 e il terzo trimestre del 2022 i contratti di locazione delle aziende tecnologiche sono diminuiti di circa la metà.

Da allora, le aziende legate al boom dell’intelligenza artificiale hanno affittato più spazi a San Francisco e in altre città. Ma questo non è bastato a dare una spinta significativa al mercato degli uffici. Secondo CBRE, il tasso di posti vacanti negli uffici di San Francisco ha raggiunto il record del 36,7% nel primo trimestre, rispetto al 3,6% dell’inizio del 2019.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top