skip to Main Content

Boeing

La crisi del 737 mette sotto stress le finanze di Boeing

Boeing ha avvertito che il flusso di cassa nel primo trimestre risulterà peggiore delle previsioni della società dello scorso gennaio a causa dei ritardi nella produzione. Fatti, numeri e approfondimenti

Boeing prevede perdite dopo gli incidenti recenti al 737-Max.

Ieri il Cfo (Chief financial officer) Brian West del colosso aerospaziale ha dichiarato che il flusso di cassa risulterà peggiore delle previsioni della società dello scorso gennaio a causa dei ritardi nella produzione a seguito dell’incidente dell’Alaska Airlines il 5 gennaio.

Allo stesso tempo il produttore di aeromobili americano ha affermato che il margine di profitto operativo della sua unità di aerei commerciali scenderebbe a circa il -20%. Si tratterebbe del margine di perdita più grande per l’unità Boeing in due anni, ovvero da quando la società aveva dovuto interrompere le consegne del suo 787 Dreamliner a causa di altri problemi di qualità in quel momento, rileva la Cnn.

Le azioni Boeing hanno invertito il calo iniziale, segnando un rialzo di quasi il 2% nelle negoziazioni di mercoledì a Wall Street. Il titolo è sceso di quasi il 27% dall’inizio dell’anno.

Tutti i dettagli.

LE PREVISIONI FINANZIARIE DI BOEING

Boeing riporterà una corposa perdita nel primo trimestre derivante dallo scoppio del tappo del portellone del 737 Max 9 dell’Alaska Airlines il 5 gennaio, ha detto mercoledì il direttore finanziario Brian West durante una conferenza di Bank of America. Il flusso di cassa in uscita raggiungerà i 4-4,5 miliardi di dollari nel primo trimestre, ha aggiunto West. Gli analisti si aspettavano 5 miliardi di dollari, secondo i dati compilati da Bloomberg.

Ciò è dovuto a una combinazione di consegne inferiori, volumi di produzione inferiori nella sua divisione commerciale e una certa pressione sul capitale circolante, spiega Reuters. Ci vorrà anche più tempo perché Boeing raggiunga l’obiettivo delineato nel 2022 di raggiungere un flusso di cassa annuo di circa 10 miliardi di dollari entro il 2025 o 2026.

“Ci vorrà più tempo del previsto per arrivarci”, ha ammesso West, senza approfondire ulteriormente. “Ma crediamo che le azioni che stiamo intraprendendo in questo momento ci posizionino meglio per il lungo termine”.

UN MOMENTO COMPLICATO PER IL PRODUTTORE USA

Lo scorso 6 gennaio la Federal Aviation Administration (Faa), l’ente regolatore delle compagnie aeree statunitensi, ha ordinato il fermo temporaneo e l’ispezione immediata di decine di jet Boeing 737 Max. Il provvedimento è la conseguenza dell’incidente che ha coinvolto un velivolo 737 Max 9 dell’Alaska Airlines venerdì 5 gennaio.

Ma quello del 5 gennaio è solo l’ultimo colpo per Boeing, che ha lottato con difetti di fabbricazione del 737, e ha continuato a sopportare le conseguenze di un blocco mondiale di 20 mesi imposto dalle autorità di regolamentazione dopo un paio di incidenti mortali a cinque mesi di distanza nel 2018 e nel 2019, in cui morirono complessivamente 346 persone. Le compagnie aeree avevano ripreso a usare gli aerei dello stesso modello solo dopo che erano stati sottoposti a varie modifiche da Boeing.

Dall’inizio di tale messa a terra, Boeing ha registrato perdite operative totali di 31,5 miliardi di dollari fino alla fine dello scorso anno.

LA CRISI DEL 737

La società ha registrato un utile operativo di 41 milioni di dollari per la sua unità di aerei commerciali nel quarto trimestre, ottenendo un margine di profitto dello 0,4%, il primo margine positivo per l’unità in quasi cinque anni.  Questa volta, la produzione del 737 Max è stata rallentata a causa del tappo della porta che è esploso da un 737 Max 9 su un volo Alaska Air subito dopo il decollo, lasciando un buco sul lato del jet.

Le perdite saranno in parte dovute al risarcimento concesso alle compagnie aeree proprietarie del Max 9, rimasto a terra per tre settimane dopo l’incidente. Il ceo di Alaska Air, Ben Minicucci, ha detto agli investitori il mese scorso che l’incidente è costato alla sua compagnia aerea circa 150 milioni di dollari e che si aspettava di essere risarcito per tali perdite da Boeing.

Gli altri fattori che contribuiranno alle perdite saranno “tutte le cose che stiamo facendo intorno alla fabbrica”, ha detto West, portando a un rallentamento della produzione nel suo stabilimento 737 Max a Renton Washington.

CHE SUCCEDERÀ ALLA PRODUZIONE…

West ha affermato che Boeing rallenterà la produzione del Max al di sotto dei 38 al mese che stava costruendo alla fine del 2023. Inizialmente aveva pianificato di aumentare la produzione quest’anno, ma quei piani per aumentare la produzione sono stati interrotti dalla Federal Aviation Administration mentre conduce un audit delle operazioni di Boeing. Ha concesso a Boeing 90 giorni per elaborare un piano per risolvere i problemi di qualità e sicurezza per i suoi aerei commerciali.

“Rallenteremo deliberatamente per ottenere questo risultato”, ha spiegato il direttore finanziato di Boeing alla conferenza della Bank of America. “Siamo noi che abbiamo preso la decisione di limitare le tariffe sul programma 737… E ne sentiremo l’impatto nei prossimi mesi.”

A PROPOSITO DI SPIRIT

Su una possibile acquisizione di Spirit, West ha detto che Boeing finanzierà qualsiasi accordo con un mix di contanti e debito, piuttosto che utilizzando azioni.

A inizio mese Boeing ha confermato di essere in trattative per acquisire Spirit AeroSystems Holdings, il fornitore di fusoliere per jet protagonista dei problemi di qualità sui jet 737 Max. L’accordo renderebbe la società con sede a Wichita, Kansas, nuovamente parte del colosso aerospaziale, dopo lo scorporo di due decenni fa

Pertanto West ha precisato che la società non utilizzerà il capitale proprio per finanziare una potenziale acquisizione ma utilizzerà un “mix di liquidità e debito”, aggiungendo che il rating di credito “investment grade” del gruppo rimane una priorità.

IL COMMENTO DEGLI ANALISITI

Rob Stallard, analista di Vertical Research Partners, ha commentato che il taglio di Boeing alle linee guida sul flusso di cassa è stato un “riconoscimento tardivo della situazione in cui si trova”, rileva il Financial Times. Ma temeva che la società fosse “eccessivamente ottimista” dato che non aveva alcuna garanzia su quale sarebbe stata la conclusione dei regolatori statunitensi sul 737 Max, e che la produzione rimaneva al di sotto dell’obiettivo del gruppo di 38 esemplari al mese.

“Con il potenziale rischio di integrazione di Spirit in cima e alcuni dei suoi programmi di difesa ancora in difficoltà, pensiamo che Boeing farebbe meglio ad abbandonare l’obiettivo di 10 miliardi di dollari [free cash flow] finché non avrà fatto maggiori progressi nel risolvere la sua miriade di problemi”, ha detto Stallard.

 

Back To Top