Economia

Ecco come flirtano Popolare Lazio, Ragusa, Puglia e Basilicata (in attesa della Pop Bari)

di

fintech

Tutti i dettagli sul progetto di fusione tra banche popolari. Al centro del risiko ci sono Popolare del Lazio, Banca Agricola Popolare di Ragusa e Popolare di Bari. Fatti, nomi e indiscrezioni

Entra nel vivo il risiko delle banche popolari di medie dimensioni del Centro e Sud Italia. A poche settimane dall’emendamento al decreto Crescita che consente a imprese e istituti di credito del Sud di utilizzare le attività fiscali differite (Dta) trasformandole in credito di imposta fino a 500 milioni di euro in caso di aggregazioni, ecco che c’è già chi si è messo in moto.

CHE COSA STANNO STUDIANO POPOLARE DEL LAZIO E POPOLARE DI RAGUSA

In particolare, secondo quanto appreso da MF-Milano Finanza in ambienti finanziari, due soggetti hanno avviato la macchina per promuovere il tanto auspicato (anche dalle istituzioni) polo delle popolari. A dare il via alle manovre sono nello specifico la Banca Popolare del Lazio (presieduta da Edmondo Maria Capecelatro e guidata dall’amministratore delegato Massimo Lucidi) e la Banca Agricola Popolare di Ragusa (presieduta da Arturo Schininà e gestita dal direttore generale Saverio Continella). I due istituti hanno già iniziato a sondare i potenziali advisor a cui affidare il mandato per la definizione del progetto di aggregazione sovra-regionale.

IL PROGETTO CON POPOLARE PUGLIA E BASILICATA

All’interno di questo schema, poi, dovrebbe rientrare anche la Popolare di Puglia e Basilicata, presieduta da Leonardo Patroni Griffi e guidata dall’amministratore delegato e direttore generale Alessandro Maria Piozzi.

IL RUOLO DELLA BANCA D’ITALIA E DI ASSOPOPOLARI

L’intenzione di Popolare Lazio e Popolare Ragusa è di addivenire nell’arco di pochi mesi alla definizione di una prima bozza di piano di possibile integrazione. Il percorso non è facile ma è apprezzato da Assopopolari ed è visto di buon occhio dalla Banca d’Italia.

LE TRIBOLAZIONI DELLA POPOLARE DI BARI

Va detto che l’obiettivo finale di questa possibile tornata di aggregazioni è arrivare a coinvolgere anche la Popolari di Bari, guidata dall’amministratore delegato Vincenzo De Bustis, al centro di un processo di risanamento e rafforzamento patrimoniale che dovrà concretizzarsi nei prossimi mesi. In questo senso per il prossimo 21 luglio è stata convocata l’assemblea straordinaria per il rinnovo del cda della Popolare di Bari, che è chiamata a trovare una soluzione definitiva e un cavaliere bianco entro la fine di quest’anno.

(articolo pubblicato su Mf/Milano Finanza)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati