Economia

Come sprinta il mercato azionario negli Stati Uniti

di

capitalismo

Che cosa ha scritto il New York Times sul mercato azionario Usa

 

Il presidente Trump ha dichiarato di essere pronto a dispiegare l’esercito degli Stati Uniti per “dominare” le strade – mentre il suo segretario alla difesa dice di essere contrario all’uso della forza militare contro i civili americani. In bilico su un precipizio costituzionale, il Paese si trova ad affrontare una disoccupazione catastrofica, gravi tensioni commerciali e una profonda recessione. E non c’è bisogno di ricordare che il mondo è stato colpito da una pandemia di coronavirus che ha già ucciso più di 380.000 persone, di cui più di 106.000 negli Stati Uniti.

Eppure – scrive il NYT –  c’è un’eccezione lampante in questo quadro drammatico: il mercato azionario. È stato assolutamente favoloso! Infatti, in alcune misure, il mercato americano non è mai stato migliore.

Considerate queste notevoli statistiche di Bespoke Investment Group. Fino al 3 giugno – i 50 giorni di trading dal minimo del coronavirus del mercato del 23 marzo – l’S&P 500 ha guadagnato il 39,3 per cento.

Questa è stata la migliore performance di 50 giorni da quando sono iniziati i record comparabili nel 1952.

L’indice Nasdaq 100 sta performando molto come nel 1999, quando il boom delle dot-com era fresco, entusiasmante – e presto crollerà. Un importante simbolo di esuberanza irrazionale di quell’epoca, il QQQQ – ora, più formalmente, il fondo quotato Invesco QQQQ – traccia quell’indice, che è servito da proxy per i titoli tecnologici. Nelle ultime settimane, ha sfidato di nuovo la gravità, scambiando il 4 giugno a un nuovo massimo.

Per molti veterani del mercato, questa stridente giustapposizione – l’incubo delle strade e i ritorni onirici del mercato – è deplorevole ma per nulla scioccante. “Il mercato azionario è amorale; lo è sempre stato”, ha detto James Paulsen, chief investment strategist del Leuthold Group di Minneapolis. “Il mercato azionario giudica molte cose”, ha detto Edward Yardeni, economista, che gestisce una società di ricerche di mercato indipendente a Long Island. “Ma la moralità non è una di queste”.

“Se vuoi trovare la moralità, non guardare il mercato azionario”, ha detto Richard Bernstein, che gestisce una propria società di investimento a Manhattan. Il mercato si concentra, come sempre, su una preoccupazione fondamentale: il profitto. Questo può anche essere ripugnante in un momento di intensa e diffusa sofferenza umana, ma è coerente. Ma in questo momento è tutta una questione di soldi. E le domande immediate che si pongono i trader sono se i prezzi attuali sono insopportabilmente alti e, indipendentemente dalla vostra risposta a questa domanda, se è probabile che presto aumentino ancora. La trepidazione sui livelli attuali dei prezzi è molto diffusa.

Ma lo è anche l’ipotesi che sarebbe poco saggio, a breve termine, scommettere pesantemente contro un mercato in crescita quando la Federal Reserve lo sta rafforzando. Ricordiamo che dal 19 febbraio al 23 marzo, con l’intensificarsi della pandemia, l’S&P 500 è sceso del 34%. Ciò che ha ribaltato le azioni è stata la dichiarazione della Fed che avrebbe fatto tutto il necessario per stabilizzare i mercati finanziari.

La Fed ha continuato a seguire la situazione, con un vasto mix di acquisti di titoli e programmi di prestiti d’emergenza che le danno la possibilità di concedere prestiti per oltre 4,5 trilioni di dollari, secondo una stima di Oxford Economics.

Il programma di soccorso del governo federale di 2.000 miliardi di dollari e gli stimoli dei governi e delle banche centrali in Europa e in Asia hanno dato all’economia una spinta, ma da un livello straordinariamente basso. Le previsioni di consenso per il trimestre in corso prevedono un calo di oltre il 30% del prodotto interno lordo, secondo Bloomberg, seguito da un guadagno del 15% nel terzo trimestre. Se questa sequenza è prossima alla correzione, l’economia sarà in miseria in autunno, ma la recessione sarà finita. Questa prospettiva sta aiutando i trader a dare una svolta positiva ai dati economici che si stanno riversando.

L’economia americana ha guadagnato 2,5 milioni e mezzo di posti di lavoro a maggio, il governo ha riferito venerdì mattina, un grande miglioramento rispetto ai 20,5 milioni persi ad aprile. Perché non enfatizzare il positivo e aumentare le quotazioni delle azioni? David Rosenberg, che gestisce una società di ricerche di mercato a Toronto, sostiene con enfasi che, qualunque siano i movimenti a breve termine del mercato, si verificheranno grandi cali e una lunga lotta economica. Egli ha paragonato l’attuale rally al rimbalzo iniziato nel novembre 1929 e durato fino all’aprile 1930. Il mercato ha guadagnato quasi il 50% in quel periodo, ha detto, ma nessuno se lo ricorda. Quello che ricordiamo è la Grande Depressione.

Ma chi vuole sentirselo dire? Non il mercato azionario. Ignora molto e anticipa un futuro migliore.

(Estratto dalla rassegna stampa estera di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati