skip to Main Content

Chi colpirà la tassa minima globale. Report Morgan Stanley

Congresso Usa

Una tassa minima globale del 15% raddoppierebbe il carico fiscale sulle più grandi multinazionali. L’articolo del quotidiano El Pais

 

Un rapporto di Morgan Stanley – si legge su El Pais  – conclude che i gruppi presenti negli Stati Uniti, nelle Isole Cayman, in Canada, alle Bermuda, a Taiwan e in Giappone saranno i più colpiti.

Le più grandi multinazionali del mondo vedrebbero il loro carico fiscale complessivo quasi raddoppiare se fosse applicata un’aliquota minima di imposta sulle società del 15%.

Questa è una delle conclusioni di un rapporto della banca d’investimento Morgan Stanley, che analizza l’impatto potenziale dell’accordo recentemente raggiunto dai paesi del G-7 per tassare di più le grandi imprese. Il consenso raggiunto dai Sette – USA, Canada, Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Giappone – è di fissare una tassa minima di “almeno il 15%” e un sistema per cui i gruppi più grandi siano tassati dove generano profitti anche se non hanno presenza fisica sul territorio.

Il rapporto della banca d’investimento stima che circa 400 aziende che attualmente pagano un tasso effettivo medio dell’8% nell’imposta sulle società potrebbero essere soggette al nuovo livello del 15%, che mira a frenare la corsa fiscale verso il basso che da tre decenni riguarda questa imposta e che mina la riscossione degli Stati. Le multinazionali più colpite saranno quelle che operano nei settori di internet, direct marketing e hardware. “In teoria, un tasso minimo del 15% raddoppierebbe quasi il carico fiscale aggregato di questo gruppo, senza considerare altre variabili, esenzioni, ecc.” evidenzia lo studio. Da un punto di vista geografico, i gruppi più esposti saranno quelli situati negli Stati Uniti, Isole Cayman, Canada, Bermuda, Taiwan e Giappone.

L’entità, tuttavia, qualifica che molti dettagli tecnici del nuovo quadro internazionale e la sua portata sono ancora da definire. “Ci sono una serie di fattori che potrebbero determinare il risultato finale”, dice il rapporto, che cerca di stimare l’impatto potenziale della futura riforma sulla base delle informazioni disponibili. “Mentre la maggior parte dell’attenzione della stampa si concentra sull’aliquota, il modo in cui la base imponibile [importo su cui viene riscossa l’imposta] è determinata rappresenta probabilmente la componente più importante dell’equazione”, aggiunge.

All’inizio di luglio, i paesi del G-20 si incontreranno a Venezia per una riunione che è vista come la chiave per raggiungere un consenso più ampio. Almeno politicamente. A ottobre ci sarà un altro vertice del blocco, una data che l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) considera più realistica per raggiungere il patto. Questo organismo, che insieme al G-20 ha concordato anni fa di lavorare sulla riforma dell’ordine fiscale internazionale di fronte alla sfida della digitalizzazione e della globalizzazione, sta cercando da tempo di portare più di 130 paesi ad accordarsi su nuove regole fiscali.

Due pilastri

L’accordo del G-7, in linea con i due pilastri del quadro inclusivo dell’OCSE e del G-20 sul BEPS (base erosion and profit shifting), prevede anche uno schema per cui le multinazionali siano tassate dove generano profitti anche se non hanno presenza fisica sul territorio, elemento attorno al quale ruota l’attuale sistema fiscale internazionale e che si è scontrato con un mondo sempre più digitalizzato e globalizzato. I sette hanno proposto che i paesi potranno tassare i gruppi che operano nel loro territorio e che hanno un margine di profitto superiore al 10%, in modo che paghino almeno il 20% della parte che supera tale margine. Gli Stati Uniti avevano precedentemente proposto che le 100 più grandi multinazionali del mondo rientrassero sotto questo ombrello.

Secondo il rapporto di Morgan Stanley, una tale formula coprirà una gamma più ampia di settori, e colpirebbe principalmente le aziende che operano in paesi a bassa tassazione. Le attività tecnologiche e sanitarie-farmaceutiche subiranno il maggiore aumento del tasso effettivo che pagano. Dal punto di vista delle entrate, i maggiori impatti sarebbero negli Stati Uniti (48%), Francia (8%), Germania (7%) e Giappone (7%).

L’OCSE ha stimato – in questo caso considerando un’aliquota minima del 12,5% – che entrambi i pilastri potrebbero aumentare le entrate fiscali globali delle imprese tra i 50 e gli 80 miliardi di dollari all’anno. I paesi con basse aliquote fiscali nominali sarebbero i più colpiti. Questi includono stati come l’Irlanda, che è diventata la porta sul retro per le grandi multinazionali per spostare i profitti in giurisdizioni a bassa tassazione e ha un tasso legale del 12,5%, più basso del 15% proposto dal G7. Secondo un recente rapporto dell’Osservatorio fiscale dell’UE, la sola UE raccoglierebbe 48 miliardi in più nel 2021 con un tasso del 15%.

“Mentre la volontà politica di raggiungere un accordo entro luglio sembra chiara, queste sono questioni complesse e un accordo ritardato (forse in ottobre o più tardi) sembra più realistico”, dice il rapporto della banca d’investimento. E indica diverse sfide: dai dettagli tecnici sulla definizione della base imponibile alla portata delle misure, così come il sostegno politico e la potenziale perdita di entrate da alcuni paesi. Il tempo lo dirà.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore