.Ambiente / Energia, Energia

Il vero punto debole dell’economia turca è l’energia

di

Negli anni, Ankara è stata crocevia di oleodotti e di gasdotti per la sua posizione geografica, ma oggi l’ambizione del Paese è quella di diventare un vero e proprio hub energetico, in grado di condizionare le esigenze dell’Europa e le ambizioni di una regione come quella caspica.

E’ il caso del corridoio Sud europeo (Tanap-Tap), oppure del progetto South Stream che dalla Russia raggiungerà l’Italia. La Turchia su quest’ultimo mega-gasdotto, si è offerta più volte come raccordo tra Russia ed Europa, ma per ora Mosca ha risposto con un rafforzamento del gasdotto Blue Stream che collega la città russa di Djubga e quella turca di Samsun (per poi proseguire ad Ankara).

 

Il rapporto Ankara-Mosca: non sempre lineare

Il rapporto tra Turchia e Russia non è sempre stato lineare. Mosca ed Ankara si contendono il controllo degli stretti marittimi sul Mar Nero e un ruolo di leadership nel Caucaso e in Asia Centrale, come testimonia il dialogo costante, ad esempio, tra Turchia e Azerbaijan, sul progetto del gasdotto Tanap (Trans anatolian natural gas pipeline), i cui lavori inizieranno nel 2015. La Turchia, nel 2012, ha importato quasi tutto il gas consumato, mentre solo l’1% è stato prodotto sul territorio nazionale.

Il gas è affluito essenzialmente da Russia (56%) e Iran (18%); a seguire una cospicua quantità di Gnl (16%), è arrivato da Algeria, Nigeria, Qatar, Egitto e Norvegia; infine, dall’Azerbaijan è giunto circa l’8% del gas importato dall’estero. La Turchia è al centro di diversi progetti di costruzione di gasdotti, non solo il Tanap, ma anche il South East European Pipeline (Seep), l’Interconnector Turkey Greece Italy Pipeline (Itgi), il Turkey-Iraq Pipeline. Destinata a non vedere la luce, a causa di instabilità politiche del passato, è invece l’estensione dell’Arab gas pipeline che dall’Egitto avrebbe dovuto trasportare gas nel Paese della mezzaluna.

 

Al via nuove esplorazioni di oil&gas

 

Nonostante la crescita turca, nel 2012, abbia rallentata rispetto ai due anni precedenti, secondo l’Eia, Energy information administration, il consumo totale di combustibili liquidi è aumentato significativamente. La Turchia importa quasi tutto il petrolio di cui necessita; nel 2012, stando ai dati dell’Eia, è stato l’Iran ad importare il maggior quantitativo di greggio verso Ankara (il 35% del fabbisogno totale).

Proprio per questo, da poco, il governo di Ankara ha annunciato un investimento di ben 1,5 miliardi di dollari per intensificare le ricerche di gas e petrolio sul territorio nazionale, per i prossimi due anni. Si parla di ben 116 richieste per la ricerca di petrolio e gas finalizzate ad arricchire l’esigua produzione domestica, che oggi, per ciò che riguarda il petrolio, è di circa 44 mila barili al giorno. Secondo le stime, le principali riserve di greggio si trovano nella regione del sud-est, mentre le riserve offshore si troverebbero soprattutto nel Mar Egeo e nel Mar Nero. Nel caso dell’Egeo sussistono ancora alcune dispute territoriali con la Grecia.

La forza della Turchia è nel suo essere affacciata su quattro mari. A Ceyhan, sulla costa mediterranea del Paese, arriva un oleodotto che parte da Kirkuk, in Iraq, e nella stessa località finisce l’oleodotto BTC, Baku-Tbilisi-Ceyhan, che oltre al greggio azero porta petrolio dal Kazakistan.

L’intenzione del governo turco è quella di fare di Ceyhan una città-hub per l’energia dove non solo converga il greggio azero e iracheno, ma dove possano sorgere raffinerie, con un porto ancora più attrezzato per presentarsi come luogo di passaggio del petrolio verso l’Europa e gli Stati Uniti.

 

Articolo pubblicato nella sezione OIL BOOK di www.abo.net

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati