.Tecnologia / Innovazione, Innovazione

La tecnologia diventa business: 5 progetti presentati a Pisa

di

La tecnologia diventa business, cinque progetti che la Scuola di Sant’Anna di Pisa ha presentato oggi ad una platea di possibili investitori. Progetti che promettono di cambiare le nostre vite, migliorandole

La tecnologia diventa business: dall’estrazione del petrolio ispirata alle radici delle piante, alle nuove protesi per la mano o per gli arti inferiori, passando per le case dove design e tecnologia vanno a braccetto, fino al sistema che verifica in tempo reale se il cibo che stiamo per magiare e’ ben conservato e alla prima protesi robotica del pene.

Sono le idee, destinate a trasformarsi in altrettante imprese ad alta tecnologia, sviluppate nel corso High-tech business venturing, finanziato dalla Regione Toscana e coordinato dalla Scuola Superiore S.Anna di Pisa. Oggi i ‘progetti’ sono stati presentati a una platea di potenziali investitori nella giornata conclusiva del corso coordinato da Andrea Piccaluga, docente di economia e gestione delle imprese e delegato del rettore per il trasferimento tecnologico e il territorio.

Il progetto per la prima protesi robotica del pene ha l’obiettivo di mettere a punto una tecnologica che nel prossimo futuro possa rivelarsi dominante nel campo del trapianto del pene. Ma gli allievi della Scuola hanno lavorato anche nel settore dell’estrazione petrolifera proponendo una tecnologia innovativa e meno impattante sotto il profilo ambientale con un robot ispirato alle radici delle piante, sviluppato una protesi di mano nella quale l’impianto neurale e’ capace di assicurare un controllo efficace e preciso nel tempo, ripristinando anche il ritorno sensoriale o nello sviluppo di un sistema di misurazione di pratiche mediche preventive non cliniche, utilizzando per la sua realizzazione materiali “smart” e sistemi informatici “embedded”, cioè non visibili.

Infine, “Nasum” e’ l’acronimo di “Non-invasive Analysis for Safe Uncontaminated Meals” e mira alla creazione e allo sviluppo di un dispositivo portatile e non invasivo in grado di rilevare la contaminazione e il deterioramento dei cibi, individuando l’eventuale presenza dei principali organismi patogeni, quindi responsabili delle malattie da intossicazione alimentare, come il botulino e la salmonella.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati