.Economia, Economia

Da Samsung a Twitter. Il crollo dei titoli tech

di

titoli tech

Giornate poco felici per Samsung e Twitter, che fanno i conti con il crollo in borsa dei rispettivi titoli

Le motivazioni sono diverse, i risultati sono gli stessi (o quasi): crollano i titoli tech Samsung e Twitter. Mentre il mercato azionario vive giorni di volatilità, dovuti alle incertezze circa le prossime elezioni per la presidenza degli Stati Uniti, al percorso della Gran Bretagna verso Brexit e agli esiti del referendum italiano (in misura minore, però), Samsung e Twitter registrano le loro performance peggiori in borsa.

Titoli Tech: uno sguardo generale

Non solo Twitter e Samsung. A chiudere in perdita la giornata in borsa, sono state, anche Paypal, società che offre servizi di pagamento digitale e di trasferimento di denaro tramite Internet e Intel, la più grande azienda multinazionale produttrice di dispositivi a semiconduttore.

Giornata negativa per Netflix (-1,42%), società di distribuzione di film, serie televisive e altri contenuti d’intrattenimento via internet. C’è da dire che l’azienda americana resta sempre un colosso del settore, ma la crescita di abbonati sui maggiori mercati europei è in rallentamento, come evidenziato dalla ricerca “Western Europe: Pay-Tv & Free-To-Air Forecasts to 2021” di Ovum.

Continuano a salire, invece, i titoli tech di Alibaba, Alphabet (casa madre di Google), Apple, Amazon, Baidu e Facebook.

Titoli tech

Il crollo del titolo Samsung

Non si prospettano giornate felici per il titolo Samsung, che nella giornata di ieri è sceso di oltre il 7 per cento a Seul, dopo che l’azienda ha annunciato la sospensione delle vendite. Samsung avrebbe chiesto agli operatori telefonici e a tutti i suoi partner commerciali di interrompere le vendite dei Galaxy Note 7, e ha invitato i suoi clienti a smettere di usarli e riconsegnarli quanto prima nei negozi, per ottenere un cellulare di un altro tipo in sostituzione o un rimborso totale.

Twitter: nessun acquirente. E il titolo crolla

Se in Asia è stata Samsung ad attirare l’attenzione dei mercati, in America è stato Twitter il protagonista della giornata. In negativo, purtroppo: le azioni sono arrivate a perdere il 14,11%. Il motivo? Non ci sono pretendenti per l’acquisto. Dopo l’uscita di scena di Google, Apple e Walt Disney, anche Saleforce sembra infatti intenzionata a rinunciare all’operazione.

La vendita di Twitter, dunque, diventa affare davvero complicato e Jack Dorsey può solo provare a risollevare le sorti della piattaforma di microblogging cambiando strategia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati