skip to Main Content

Khosrowshahi: Uber sarà redditizia tra tre anni. Ipo nel 2019

Uber

Tra soli tre anni Uber Technologies Inc. sarà redditizia, secondo l’amministratore delegato Dara Khosrowshahi, a lavoro perchè tutto torni alla normalità

 

Uber Technologies Inc., la società che fa concorrenza ai taxi e offre passaggi low cost prenotabili tramite app, sarà redditizia entro tre anni. Parola dell’amministratore delegato Dara Khosrowshahi.

Negli ultimi anni la società ha perso miliardi di dollari all’anno, provando ad estendere il suo dominio in tutto il mondo e, soprattutto, provando ad affermare la sua supremazia contro le rivali Lyft e Didi. Nonostante abbia messo in campo una strategia di espansione davvero aggressiva, però, come ha affermato Khosrowshahi al capo redattore di Bloomberg, John Micklethwait, in occasione del World Economic Forum di Davos, la società ha sempre cercato modi per essere per essere redditizia ed efficiente.

uberQuello appena concluso è stato un anno pessimo per Uber. E a Khosrowshahi spetta una sfida davvero ardua, deve invertire la rotta, cambiare le abitudini della società e ripulire l’immagine. Il fondatore e Ceo Kalanick è stato accusato di molestie sessuali, la società è stata definita razzista, Google l’ha accusata di essersi impossessata di alcuni segreti commerciali (progetto guida autonoma), Kalanic è stato costretto ad abbandonare il timone. In tutto questo, il nuovo Ceo ha parlato di Ipo entro il 2019. Bloomberg si chiede se questa sia una buona soluzione.

Da quando è diventato amministratore delegato, Khosrowshahi ha detto che sta lavorando per cambiare la cultura aziendale di Uber. L’obiettivo del 2018 che si è prefissato Khosrowshahi è “tornare alla normalità”. E ovviamente, cercare di crescere, ma “una crescita a rotta di collo può nascondere problemi culturali”, ha detto il manager.

Khosrowshahi ha anche affermato che la società sta investendo molto nella tecnologia della guida autonoma e dovrebbe portare le drivereless car in città entro i prossimi 18 mesi.

Ha parlato anche di Ipo, Khosrowshahi: il ceo promette il debutto in borsa entro il 2019. Le premesse finanziare ci sarebbero tutte: la società ha recentemente concluso un accordo con il colosso tecnologico giapponese  SoftBank Group Corp. che diventa isuo maggiore azionista.

Rajeev Misra, un dirigente di SoftBank che entrerà a breve a far parte del consiglio di amministrazione di Uber, ha affermato in una recente intervista al Financial Times che Uber si concentrerà su mercati chiave come Stati Uniti, Europa, America Latina e Australia. Ma Khosrowshahi non è d’accordo, sostenendo che la società è pronta ad espandersi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore