skip to Main Content

Alibaba volano per il Made in Italy

Alibaba

Ben 90 nuove aziende italiane sbarcano su Alibaba. L’e-commerce può rappresentare una chance per le piccole imprese 

Alibaba volano per l’economia italiana. O almeno si spera. Dopo che il 25 ottobre il colosso cinese ha aperto il proprio ufficio in Italia, la piattaforma sta per lanciare il nuovo ‘padiglione’ del made in Italy: ben 90 nuove aziende per il catalogo di Alibaba, tra le quali spiccano Coop,Maserati, Yamamay e Pirelli.

A sbarcare sul sito di shopping online sarò anche e l’azienda vinicola Mezzacorona che andrà ad aggiungersi a Barilla e Ferrero, che rappresentano il nostro cibo agli oltre 423 milioni di consumatori cinesi presenti su Alibaba.. E non solo: potranno far parte del padiglione anche Alessi,Smeg, Calzedonia e Locman. “Quello che interessa sono le classiche eccellenze italiane: moda, design e cibo”, spiega Rodrigo Cipriani Foresio, country manager per il nostro Paese, ad Affari&Finanza. “Siamo la porta d’ingresso per la Cina”.

Alibaba si impegnerà, fino al 2 giugno, festa della Repubblica italiana a promuovere sulle principali piattaforme B2C di Alibaba Tmall.com, Tmall global, Tmall supermarket, JuHuaSuan e AliTrip “Amazing Italy”, un padiglione online interamente italiano dove vengono presentati i  prodotti del Made in Italy. Sarà possibile conoscere 60 aziende tricolore,  100 marche e oltre1000 prodotti nostrani, tra cui anche pacchetti per vacanze sulla penisola.

images_Alibaba Borsa

“Al mondo ci sono 2 miliardi di persone nate dopo gli anni ’80. Molte di queste sono in Cina e hanno una grande voglia di Italia e di prodotti di qualità italiani. Non sempre, o forse non ancora, possono venire loro in Italia. Per questo dovete andare voi in Cina. Alibaba e il commercio online vi offrono questa possibilità”, ha spiegato Jack Ma durante il Vinitaly.

L’e-commerce può rappresentare una chance per le piccole imprese che da sole non riuscirebbero ad imporsi in mercati così distanti (e non solo geograficamente).

Alibaba: garantiremo la protezione dei marchi

L’e-commerce non metterà in pericolo i nostri vini: le aziende non dovranno temere la minaccia dei falsi. “Voglio chiarire un punto: noi non amiamo i falsari e i contraffattori. Solo lo scorso anno abbiamo contribuito a farne arrestare 700. Anche per questo confermo che noi siamo i migliori alleati dei produttori italiani. Anche per il rispetto della legalità e non solo per l’incremento dei fatturati”, ha affermato Jack Ma.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore