Mobilità

Perché il piano di Manley non farà sbandare Fca

di

Manley fca aziende Ue

Commenti, analisi e scenari dopo il piano di Fca presentato da Manley. Le “Mille battute” di Giuseppe Sabella direttore di Think-in, esperto di Industria 4.0 e blogger di Start Magazine

 

Potremmo chiamarla la settimana di Torino. Si è infatti tenuto in questi giorni un appuntamento molto importante, quello tra il nuovo management di Fca e i sindacati italiani che naturalmente aderiscono al contratto Fca (l’incontro con la Fiom è avvenuto separatamente). È il primo incontro con i vertici dell’azienda dopo la scomparsa di Sergio Marchionne, quindi molto utile per capire le reali intenzioni dell’azienda. Le indicazioni paiono molto buone e sono confermate anche dalle dichiarazioni che arrivano dai sindacati.

TUTTI I NUMERI DI FCA TRA MANLEY E MARCHIONNE

In sintesi, il piano presentato dall’azienda presenta 13 modelli: 4 completamente nuovi (500 elettrica, C-Suv Alfa, Maserati media, Compass) e 9 restyling; 12 interventi tra ibridazione e elettrificazione(a basso e alto voltaggio); 2 nuovi motori e 2 aggiornamenti Euro6 D final (diesel). Il piano presentato a giugno da Marchionne prevedeva 8,7 mld€ per area Emea nel quinquennio 2018-2022; il piano presentato oggi da Mike Manley è di oltre 5 mld € nel triennio 2018-2021 e solo per l’Italia. Gli stabilimenti saranno tutti aggiornati con piattaforma elettrica o ibrida.

LO SCENARIO CON ELETTRICO E GUIDA AUTONOMA

Che dire, la cessione di Magneti Marelli – per quanto dolorosa – permette a Fca di realizzare un investimento importante in vista del consolidamento, la cui sfida passa attraverso la trasformazione dell’industria. Sarà interessante capire come cambierà il mercato dell’auto nei prossimi 5 anni, quando appunto elettrificazione e guida autonoma cambieranno gli equilibri. E li si vedrà chi ha fatto le scelte migliori. Quel che è certo che il nuovo corso Fca sembra attrezzato per vincere la sfida e rafforzare la sua produzione italiana che è quanto per noi di più interessante.

I MERITI DI MARCHIONNE IN FCA

Un ultima parola per lui: Sergio Marchionne ha portato il Lingotto fino a qui, la sua missione appartiene a un ciclo diverso. In presenza di chi continua ancora a fare il tifo per il fallimento di Fca, possiamo certamente tirare una riga e dire che se Fca oggi si appresta a questa nuova sfida con tutte le carte in regola per vincerla è anche grazie a lui, al suo lavoro e alle sue intuizioni che non abbiamo mai mancato di raccontare. E di chi, con lui, ci ha creduto e ci ha fatto accordi fondamentali non solo per l’azienda ma anche per svecchiare il nostro Paese che, incredibilmente, è riuscito a ostracizzare uno dei più gradi protagonisti della storia dell’industria mondiale.

Twitter: @sabella_thinkin

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati