Mobilità

Ecco quanto intascheranno gli azionisti di Fca per la vendita di Magneti Marelli

di

aiuti di stato

Dettagli, numeri e scenari sui conti di Fca e sul dividendo che porteranno a casa gli azionisti del gruppo grazie alla vendita di Magneti Marelli


Le casse di Fca gioiscono per la vendita di Magneti Marelli, nonostante le critiche e le preoccupazioni di un’azienda e di un know how italiano che vola in Giappone, pur mantenendo la sede operativa in Italia. E a gioire sono anche e soprattutto le tasche degli azionisti: la vendita, come spiega il Sole24Ore, porterà un dividendo straordinario di 2 miliardi di euro proprio agli azionisti di Fca.

A dare il lieto annuncio è stata la stessa casa auto italo-statunitense, in occasione della presentazione gli ottimi risultati del terzo trimestre 2018. Ma andiamo per gradi.

UN DIVIDENDO RECORD

Partiamo dall’argomento che negli ultimi giorni ha animato il settore automobilistico e l’intera industria italiana: Magneti Marelli è stata venduta per 6,2 miliardi di euro a CK Holdings Co, Ltd, che controlla il gruppo giapponese di componentistica giapponese Calsonic Kansei e che fa capo al fondo statunitense Kkr. La vendita, che dovrebbe essere perfezionata nel 2019, dopo l’ok delle autorità, porterà un dividendo straordinario di 2 miliardi di euro. Fca ribadisce che, come già annunciato a giugno al Capital Markets Day, ci sarà la distribuzione di un dividendo annuale ordinario nella primavera del 2019, nella misura del 20% degli utili.

I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE

Passando, invece, ai numeri della trimestrale: la casa auto ha chiuso il terzo trimestre 2018 con un ebit adjusted di 1.995 milioni di euro, in rialzo del 13% (+16% a parità di cambi di conversione) con margine in aumento di 20 punti base al 6,9%. I ricavi netti registrati sono pari a 28,8 miliardi di euro, con un aumento del 9% (+11% a parità di cambi di conversione), trainati anche dalla crescita delle consegne (1.160.000 veicoli, più 3%).

L’utile netto è a 564 milioni di euro, in calo del 38% (-33% a parità di cambi di conversione), mentre l’utile netto adjusted è pari a 1.396 milioni di euro, in rialzo del 51% (+54% a parità di cambi di conversione).

E IL DEBITO?

Il debito del gruppo al 30 settembre è pari a 15,426 miliardi di euro, in miglioramento dai 16,362 miliardi a fine giugno 2018 e dai 17,971 miliardi a fine 2017.

TARGET 2018 CONFERMATI

Fca prevede, per il 2018, ricavi netti tra 115 e 118 miliardi di euro, ebit adjusted tra 7,5 e 8 miliardi di euro, utile netto adjusted di 5 miliardi di euro, liquidità netta industriale tra 1,5 e 2 miliardi di euro, da 3,0 miliardi di euro, confermando i target.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati