skip to Main Content

Perché la Germania ha multato Opel

Opel Multa

Opel, parte del gruppo Stellantis, ha pagato in Germania una multa di 64,8 milioni di euro per aver venduto automobili diesel dai livelli di emissioni più alti di quelli comunicati ufficialmente. Tutti i dettagli

 

La casa automobilistica tedesca Opel, parte del gruppo Stellantis, ha accettato di pagare in Germania una multa di 64,8 milioni di euro per aver venduto automobili con motore diesel dai livelli di emissioni più alti di quelli comunicati all’autorità tedesca di regolazione dei trasporti.

LA MULTA

Come ricostruisce Automotive News Europe, la procura di Francoforte ha imposto la multa a Opel dopo la scoperta, a seguito di un’indagine, che diversi modelli di veicoli a gasolio della casa rilasciavano inquinanti in quantità significativamente superiori a quelle riportate ufficialmente.

Opel ha detto all’agenzia di stampa tedesca Deutsche Presse-Agentur che la multa è stata pagata.

COSA HA DETTO OPEL SULLA MULTA

Un portavoce di Opel ha dichiarato che l’autorità tedesca sui trasporti, la KBA, ha chiuso l’indagine contro Opel per “violazione degli obblighi di documentazione” nell’approvazione delle auto a gasolio lo scorso febbraio.

Ma l’avviso di multa, specifica la casa alla Deutsche Presse-Agentur, non contiene accuse di frode o di reato penale; “non contiene nemmeno la constatazione di un dispositivo di disfunzione illegale”.

I PRECEDENTI

Nel 2016 Opel disse a una commissione investigativa tedesca che il proprio minivan modello Zafira era dotato di un software del motore che spegneva i sistemi di trattamento dei gas di scarico in determinate condizioni di velocità e di pressione dell’aria per proteggere il motore.

Nel 2018 l’autorità tedesca dei trasporti ha imposto a Opel l’obbligo di richiamo di quei modelli che avevano emesso livelli significativamente più alti di inquinanti su strada. Opel rispose modificandone il software.

LO SCANDALO DIESELGATE

Il caso Opel è diverso dallo scandalo Dieselgate che, partito negli Stati Uniti, riguardava la manipolazione dei motori diesel effettuata da alcune società automobilistiche (soprattutto la tedesca Volkswagen) con lo scopo di eludere i controlli sulle emissioni dei veicoli.

Oltre a Volkswagen, il Dieselgate colpì anche FCA (oggi Stellantis), che concordò il pagamento di una somma di 800 milioni di dollari al governo americano. Nello scandalo – più precisamente nel caso aperto dalle autorità francesi – sono finite anche Peugeot e Citroën, entrambe parte del gruppo Stellantis.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore