Mobilità

Tutte le nuove norme di New York su Uber e Lyft

di

lyft Uber

New York ha deciso di approvare una legge che regola le attività di Uber e Lyft: tetto alle licenze e salari minimi. Articolo di Giusy Caretto 

Crescita selvaggia e stipendi troppo bassi. E’ per questo che New York ha deciso di approvare una legge che regola le attività di Uber e Lyft: è la prima nel suo genere ed oltre a fissare un tetto alle licenze da concedere alle app che offrono passaggi, la città americana ha pensato anche di stabilire un piano per regolarizzare il salario degli autisti.

Esultano, ovviamente, i tassisti, che in questi mesi non solo hanno dovuto contrastare la concorrenza digitale, ma hanno anche avuto a che fare con il costo del lavoro che crollava pur di conquistare i clienti.

UN PIANO SALARIALE

Un guidatore Uber può guadagnare, lavorando tantissime ore, solo il salario minimo. A volte anche meno, come evidenzia un articolo di Quartz: i guidatori di Uber sono considerati lavoratori autonomi, e non dipendenti, e non sono protetti dalle leggi sui salari minimi federali, statali e locali.

Tutto questo sta per cambiare: la TLC (Taxi and Limousine Commission), è chiamata a “stabilire un metodo per determinare il pagamento minimo da effettuare” a un conducente Uber o Lyft.

TETTO ALLE LICENZE

E c’è molto di più. New York ha anche deciso di imporre un tetto alle app per auto con conducenti, bloccando per un anno l’emissione di nuove licenze a Uber, Lyft e concorrenti.

Si tratta di un duro colpo per Uber: New York è uno dei mercati più importanti per la società.

SI ATTENDE LA FIRMA DEL SINDACO

Ad approvare le nuove norme è stato il Consiglio Comunale, ma ora si attende la firma dal sindaco perché il tutto diventi legge.

IL CROLLO DEI COSTI

Ad essere felici per le nuove norme sono, ovviamente, i tassisti dal momento che l’arrivo di Uber sul mercato e di app simili ha infatti danneggiato pesantemente la loro attività, riducendo drasticamente gli stipendi e il valore delle licenze dei taxi. Se nel 2013, come scrive Euronews, la licenza valeva 1,3 milioni di dollari, il prezzo è ora crollato a 160.000 dollari.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati