skip to Main Content

Leonardo Kuwait

Leonardo, il Kuwait riceve altri quattro Eurofighter Typhoon

L'aeronautica militare del Kuwait ha preso in consegna altri quattro Eurofighter Typhoon, su un totale di 28 velivoli ordinati dal Paese a Leonardo nel 2016

Leonardo ha consegnato al Kuwait altri quattro Eurofighter Typhoon, destinati alla Kuwait Air Force, parte di un più ampio ordine di 28 aeroplani destinati alla Forza Aerea del paese.

La scorsa settimana l’aeronautica militare del Kuwait ha ricevuto quattro Eurofighter Typhoon, portando la sua flotta a 13 dei 28 ordinati, ha annunciato la Kuwait News Agency, agenzia ufficiale di stampa del Paese, ripresa da Defense News e Sheperd Media.

La precedente consegna comunicata dal gruppo ex Finmeccanica risale al settembre dell’anno scorso quando Leonardo ha reso noto di aver consegnato al Kuwait il quinto e quarto Eurofighter Typhoon, precisando che il programma Eurofighter per il Kuwait “procede con successo e in linea con il piano consegne”.

Nell’aprile 2016 il Kuwait ha firmato infatti un contratto da 7,96 miliardi di euro con Leonardo per 28 aerei Tranche 3A, che includeranno Storm Shadow, Brimstone e altre armi aria-superficie. Nella primavera 2021 Leonardo ha iniziato a incassare dal contratto: circa 300 milioni con un bonifico dal Kuwait. Il contratto ha visto il gruppo di Piazza Monte Grappa investire molte risorse, che hanno assorbito parte della cassa negli ultimi tre anni.

Le consegne sono iniziate nel dicembre 2021. Il programma di acquisizione dell’Eurofighter fa parte di una collaborazione tra Kuwait e Italia, in cui le forze aeree di entrambi i paesi si addestrano insieme. I futuri 28 Eurofighter completeranno la flotta di jet F/A-18 Hornet e Mirage F1 dell’aeronautica kuwaitiana.

Tutti i dettagli.

LA COLLABORAZIONE TRA L’AM ITALIANA E KUWATIANA

Come sottolineava un anno fa Leonardo, “il programma “Eurofighter Kuwait” si inquadra in una più ampia e profonda collaborazione tra l’Aeronautica Militare italiana e l’Aeronautica Militare del Kuwait, che comprende attività operativa, addestramento dei piloti e supporto”. La forza armata infatti sta assicurando, in Italia, la formazione iniziale degli ingegneri e dei tecnici che supporteranno l’attività della flotta dei Typhoon nel paese.

IL RUOLO DI LEONARDO NEL CONSORZIO EUROFIGHTER

Inoltre, si ricorda che al programma Eurofighter partecipano quattro Paesi: Italia, Germania, Spagna e Regno Unito. A gestirlo sul piano industriale è il Consorzio Eurofighter a cui partecipano Leonardo (con il 21%), Airbus Group e Bae Systems. Il gruppo della difesa italiano ha però una quota industriale nel programma del 36%, ricoprendo un ruolo chiave nella componentistica aeronautica e nell’elettronica di bordo, fornendo oltre il 60% dei sistemi elettronici a bordo del velivolo.

Infine, Leonardo svolge un ruolo particolarmente rilevante nell’evoluzione dell’Eurofighter grazie anche al nuovo radar AESA (Active Electronically Scanned Array) che equipaggia gli Eurofighter Typhoon destinati al Kuwait, incrementando le prestazioni e la competitività del velivolo.

Back To Top