skip to Main Content

Ecco cosa farà Leonardo in Brasile

Leonardo Brasile

Tutte le chance di Leonardo in Brasile anche dopo la lettera di intenti sulla cooperazione nella difesa firmata da Italia e Brasile. Fatti e analisi

 

L’Italia e il Brasile hanno siglato recentemente una lettera di intenti per il rafforzamento della cooperazione sul settore della difesa. È stata firmata dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini e dall’omologo brasiliano Walter Souza Braga Netto.

Nel documento viene sottolineato il ruolo delle aziende italiane che operano nel settore della difesa del Brasile e che potrebbero stimolare la crescita del suo comparto industriale.

LA PRESENZA DI LEONARDO IN BRASILE

In Brasile opera – già dagli anni Settanta – Leonardo (gruppo ex Finmeccanica). Si occupa dello sviluppo e della produzione dei velivoli cacciabombardieri AM-X (assieme alla società brasiliana Embraer) e della fornitura di elicotteri, radar avionici e prodotti per lo spazio.

La sede legale di Leonardo in Brasile è a Brasilia, la capitale. Nell’industria della difesa del paese è presente anche Iveco.

LE OPPORTUNITÀ

Banca Akros (il cui rating sulle azioni di Leonardo è buy) considera la lettera di intenti tra i governi italiano e brasiliano come positiva, potenzialmente, per Leonardo. La società infatti, assieme a Iveco, è tra quelle in gara per la fornitura all’esercito brasiliano di un nuovo veicolo blindato 8×8 sotto il programma VBC Cav.

Come riporta Ares-Osservatorio Difesa, il programma “mirerà ad ottenere 98 veicoli entro il 2038, due per il lotto campione e sette per il lote de experimentação doutrinária (LED)”.

Leonardo è in gara con il suo modello di veicolo blindato “Centauro II”, dotato di un cannone da 105 o 120 millimetri.

L’ACCORDO LEONARDO-HENSOLDT

Pochi giorni fa Leonardo ha annunciato la finalizzazione dell’acquisizione di una quota del 25,1 per cento di Hensoldt, società tedesca che si occupa di sensoristica per la difesa. Leonardo è diventata così l’azionista più grande dell’azienda assieme al governo della Germania, che possiede una quota del 25,1 per cento.

L’operazione – dal valore di 606 milioni di euro – ha riguardato Leonardo e Square Lux Holding II, una controllata della società di investimento americana KKR & Co. Quest’ultima manterrà una quota del 18 per cento circa in Hensoldt.

Leonardo e Hensoldt già collaborano al programma sull’Eurofighter Typhoon, il caccia multiruolo di quarta generazione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore