Advertisement skip to Main Content

Israele F-35 Hamas

Ecco come Israele espanderà la flotta di F-35

Israele acquisterà altri aerei da combattimento F-35 dagli Stati Uniti. Gerusalemme ha già effettuato ordini per 50 jet, di cui 36 operativi. Il nuovo ordine espande la flotta del 50% e comporterà la creazione di un terzo squadrone di F-35. Tutti i dettagli

Israele punta ancora sugli F-35.

Gerusalemme ha dato il via libera all’acquisto di 25 caccia multiruolo F-35 dagli Stati Uniti con un accordo del valore di circa tre miliardi di dollari. Lo ha annunciato il ministero della Difesa israeliano in un comunicato, spiegando che il ministro Yoav Gallant ha approvato la raccomandazione proposta dal capo di Stato maggiore delle Forze di difesa israeliane, generale Herzi Halevi, dal direttore generale del ministero, Eyal Zamir, e dal capo dell’Aeronautica militare, Tomer Bar.

Prodotto dalla Lockheed Martin Corp, l’F-35 è il caccia di quinta generazione Jsf che Israele ha adottato nella versione personalizzata “Adir”. Il paese è anche l’unico del Medio Oriente a farli volare. L’acquisto da 3 miliardi di dollari, che porta la flotta israeliana di jet F-35 da 50 a 75, dovrebbe essere finalizzato nei prossimi mesi, ha affermato il ministero.

Gli ultimi tre cacciabombardieri con caratteristiche stealth F-35i “Adir” sono atterrati proprio lo scorso novembre alla base aerea di Nevatim, nel Negev. Gli aerei sono entrati a far parte dello squadrone “Golden Eagle”.

Tutti i dettagli.

I NUOVI F-35 PER ISRAELE

La nuova flotta porterà Israele a 75 aerei da combattimento complessivi nei prossimi anni. “Questo nuovo accordo garantirà la continuazione della cooperazione tra le società statunitensi e le industrie della difesa israeliane nella produzione di parti di aeromobili”, ha spiegato il ministro Gallant, aggiungendo che l’accordo sarà finanziato attraverso il pacchetto di aiuti alla difesa che Israele riceve dagli Stati Uniti.

Lockheed Martin e il produttore di motori Pratt & Whitney hanno concordato di coinvolgere le società di difesa israeliane nella produzione di componenti per aeromobili, ha aggiunto il ministero israeliano.

LA PARTECIPAZIONE DEL PAESE AL PROGRAMMA JSF

Israele è stato il primo paese al di fuori degli Stati Uniti ad acquisire l’F-35. Nel maggio 2018 il suo capo dell’aeronautica ha affermato che Israele è stato il primo a utilizzare l’aereo in combattimento.

Il paese ha accettato di acquistare almeno 50 aerei da combattimento F-35 dall’appaltatore della difesa statunitense Lockheed Martin. Finora Tel Aviv ha ricevuto 36 aerei e gli aerei rimanenti dovrebbero arrivare in lotti di due o tre fino al 2024.

Rapporti dei media già dall’anno scorso rivelavano che Israele avrebbe cercato di acquistare altri 25 velivoli.

LA COLLABORAZIONE CON LE AZIENDE DELLA DIFESA ISRAELIANE

Come ricorda Breaking Defense, l’F-35 include tecnologia collegata alle aziende israeliane, come il casco realizzato da una joint venture tra Elbit Systems e Rockwell Collins e ali F-35 realizzate da Israel Aerospace Industries (Iai). Nel 2022 Iai ha dichiarato che avrebbe dovuto produrre un totale di 811 paia di ali F-35A entro il 2034, accordi per un valore di circa  2 miliardi di dollari.

LA MESSA A TERRA DELLA VARIANTE B LO SCORSO INVERNO

La notizia giunge dopo la messa a terra da parte di Israele di 11 jet F-35 dopo che un caccia statunitense si è schiantato.

Lo scorso dicembre l’aeronautica israeliana ha annunciato di aver deciso di seguire la raccomandazione dell’American Aircraft Production Administration di mettere a terra 11 aerei da combattimento F-35 di tipo B dopo uno schianto avvenuto in una base militare del nord del Texas il 16 dicembre, come riportato da Times of Israel.

L’F-35B è la “variante a decollo corto e atterraggio verticale” dell’F-35, il velivolo da combattimento di quinta generazione del programma Joint Strike Fighter. In particolare, l’esercito ha precisato che avrebbe controllato 11 dei suoi jet F-35I per un problema simile a quello che apparentemente ha causato l’incidente, prima di essere rimessi in servizio, seguendo le raccomandazioni dell’F-35 Joint Program Office.

Back To Top