Mobilità

Perché Alitalia andrà col cappello in mano anche a Bruxelles

di

alitalia

Che cosa hanno detto in Parlamento gli attuali vertici di Alitalia su cassa, stato di salute, prospettive e richieste di nuovi contributi dall’Ue

COME STA ALITALIA SECONDO IL COMMISSARIO

“Alitalia è ancora un problema sul tavolo. È tutt’altro che un problema risolto, è un problema che il Covid non ha agevolato nel reperimento di una soluzione, però Alitalia è un grande problema che riguarda 11 mila famiglie, l’economia di un territorio, lo sviluppo del principale hub del nostro paese e la mobilità del paese, quindi credo che sia una responsabilità di tutti noi, ciascuno per la propria parte, di fare quello che si può per ottenere e spingere a questa soluzione” della newco. Lo ha detto il commissario straordinario di Alitalia Giuseppe Leogrande in audizione alla Camera. “Mi permetto – ha aggiunto – di sollecitare fattivamente perché è necessario che questo percorso di trasferimento alla newco si acceleri il più possibile e abbia compimento in tempi più brevi possibili”.

LA CASSA DI ALITALIA

Alitalia ha in cassa al 30 settembre “260 milioni”, compresi i 199 milioni del contributo concesso dall’Ue, ha anche sottolineato Leogrande.

CHE COSA HA DETTO IL DIRETTORE GENERALE ZENI

Il pessimo stato di salute di Alitalia? “Questa situazione è la sintesi di questo shock economico che ha distrutto tutte le compagnie aeree, si vede nella dinamica dei ricavi: noi abbiamo avuto una riduzione di 2,2 miliardi di euro in questi 9 mesi – ha spiegato il direttore generale di Alitalia Giancarlo Zeni in audizione alle commissioni Trasporti e Attività produttive della Camera – Questo ha determinato un arretramento della cassa di 285 milioni grazie al sistema degli interventi, in parte recuperati con l’accredito a settembre dell’indennizzo” dell’Ue”.

I NUOVI CONTRIBUTI CHE SARANNO CHIESTI DA ALITALIA

Il contributo di 199 milioni per i danni del Covid ricevuto da Alitalia dall’Ue “riguarda il periodo primo marzo-15 luglio 2020 e il provvedimento della commissione prevede la possibilità di presentare nuove istanze sempre con riferimento al 2020, istanza che noi abbiamo presentato lunedì al Ministero dello sviluppo economico e anche qui io sollecito una pronta attivazione della procedura di notifica alla Commissione”, in modo da poter “ottenere anche questa seconda parte del contributo, in attesa che si sviluppi l’operazione della newco”, ha detto il commissario straordinario di Alitalia Giuseppe Leogrande in audizione alle commissioni riunite Trasporti e Attività produttive della Camera.

Il contributo di 199 milioni ricevuto dall’Ue “è stato ottenuto dopo un iter piuttosto lungo e complesso davanti all’Ue, che è stato trascinato un po’ troppo nel tempo e ha trainato qualche tensione finanziaria nella gestione dell’impresa, che abbiamo dovuto affrontare tra agosto e settembre, fino all’erogazione del contributo”, ha detto Leogrande.

TUTTO SULLA NEWCO DI ALITALIA (TRA BLUFF, FUFFA E COMMEDIA)

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati