skip to Main Content

Come sfrecciano le Fremm di Fincantieri dall’Egitto all’Indonesia

Fincantieri Marocco

Fincantieri fornirà 8 unità alla Marina militare indonesiana: commessa per 6 fregate Fremm e ammodernamento altre 2. Tutti i dettagli

 

Il colosso cantieristico di Trieste si è aggiudicato due commesse in Asia.

Fincantieri e il ministero della Difesa dell’Indonesia hanno firmato un contratto per la fornitura di 6 fregate classe Fremm, l’ammodernamento e la vendita di 2 fregate classe Maestrale, e il relativo supporto logistico.

Questo ordine rappresenta un successo per Fincantieri e per il Paese, che si è dotato di una flotta di 10 navi multifunzione Fremm, si legge nella nota diffusa. L’accordo assume inoltre estrema rilevanza nell’ottica di rafforzamento della collaborazione tra due Paesi in un’area strategica del Pacifico.

“L’acquisizione di un ordine di tale portata consente a Fincantieri di assumere anche la leadership globale nel settore delle navi di superficie, ed è la conferma del primato tecnologico di un progetto ritenuto ancora una volta il più innovativo sul mercato che, tra ordini e opzioni, ha portato a 20 navi per diverse Marine straniere”, ha commentato Giuseppe Bono, ad di Fincantieri.

Già, perché oltre all’ordine indonesiano, il riferimento è al contratto con la Us Navy per la fornitura di 10 fregate lanciamissili — di cui 8 ancora in opzione — e alle 2 Fremm vendute all’Egitto (più 2 opzionabili).

Ma il gruppo di Trieste ha incassato anche un altro successo in Asia. Fincantieri ha firmato un contratto con Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering (Dsme) per il supporto al Conceptual Design della nuova classe di portaerei “CVX” per la Marina della Corea del Sud.

Tutti i dettagli.

IL RUOLO DEL GRUPPO DI TRIESTE PER IL PROGRAMMA DELLA MARINA INDONESIANA

Fincantieri ricoprirà il ruolo di prime contractor per l’intero programma.

LE FREGATE FREMM DI FINCANTIERI HANNO BATTUTO LE CONCORRENTI

Le fregate di Fincantieri hanno quindi battuto le tre concorrenti in gara per questa commessa: una versione potenziata delle attuali classe Martadinata (SIGMA 10514) dei cantieri Damen; le fregate giapponesi 30FFM e le Arrowhead 140 del consorzio Babcock.

Come aveva ricordato AresDifesa, “la Marina indonesiana opera attualmente due fregate della classe Martinada, varate nel 2016, e cinque fregate olandesi della classe Van Speijk di fine anni 60′ acquistate circa venticinque anni più tardi dall’Indonesia arrivate ormai al limite della loro vita operativa”.

IL VALORE DELLA COMMESSA

Sebbene Fincantieri non abbia fornito i dettagli finanziari,”il valore della maxicommessa è di 4 miliardi”, riporta Repubblica.

LE RICADUTE ANCHE PER LEONARDO, MBDA ED ELETTRONICA

La costruzione delle fregate assicurerà ricadute occupazionali per diversi stabilimenti italiani del gruppo nei prossimi anni, ma anche per altre società del settore. In particolare Leonardo che fornirà il sistema di combattimento, e numerose piccole e medie imprese nazionali. “Senza dimenticare Mbda, per la componente missilistica, ed Elettronica, per la componente EW”, sottolinea Pietro Batacchi su Rid.

Oltre ai cantieri italiani, il programma vedrà anche la collaborazione del cantiere locale di PT-PAL (isola di Giava).

RIGUARDO ALL’AMMODERNAMENTO DELLE DUE FREGATE MAESTRALE

L’ammodernamento delle due unità classe Maestrale, che Fincantieri acquisirà dalla Marina Militare una volta che saranno dismesse, sarà anch’esso realizzato in Italia.

IL COMMENTO DELL’AD GIUSEPPE BONO

“Questo programma ha una rilevanza strategica straordinaria, sia per il ritorno economico per il nostro Paese e per la filiera della difesa italiana, sia perché assicura a Fincantieri un forte posizionamento nell’area, aprendo di fatto la strada per la finalizzazione di ulteriori importanti trattative per altri programmi in fase di discussione anche nel settore civile”, ha dichiarato il numero uno di Fincantieri. “Voglio infine rivolgere un riconoscimento alla nostra Marina, che ha contribuito in maniera determinante a realizzare assieme all’industria del Paese una nave apprezzata in tutto il mondo e che soddisfa in pieno le proprie esigenze operative” ha concluso Bono.

IL PROGRAMMA FREMM DI FINCANTIERI

Le navi Fremm sono state commissionate a Fincantieri dalla Marina Militare Italiana nell’ambito del programma di cooperazione italo-francese sotto il coordinamento di Occar, l’organizzazione internazionale per la cooperazione in materia di armi.

Come dicevamo all’inizio, tra ordini e opzioni sono 20 le fregate Fremm destinate alle marine internazionali a cui si aggiungono le 10 per la Marina militare italiana.

Oltre alle 6 per l’Indonesia, Fincantieri costruirà due fregate della classe “Constellation” per la Us Navy. Il gruppo guidato da Bono è riuscito a imporsi sui competitor grazie ad un progetto giudicato come il più avanzato e innovativo la cui proposta è basata appunto sulla piattaforma delle fregate Fremm.

Il programma “Constellation” è stato assegnato nel 2020 a Fincantieri Marinette Marine (Fmm), con un contratto per la prima fregata con l’opzione per 9 ulteriori navi, oltre al supporto post vendita e l’addestramento degli equipaggi, del valore complessivo per Fincantieri di circa 5,5 miliardi di dollari. Nell’ambito del programma, la US Navy prevede la costruzione di ulteriori 10 unità, per un totale di 20.

Proprio lo scorso mese il Dipartimento della Difesa statunitense ha annunciato che la US Navy eserciterà l’opzione, del valore di circa 555 milioni di dollari, che assegna a  Fmm la costruzione della seconda fregata della classe “Constellation”.

Dopodiché c’è la questione della vendita alla marina egiziana. Due fregate Fremm, costruite da Fincantieri, destinate inizialmente alla Marina militare italiana, sono state vendute “scontate” all’Egitto. (Qui l’approfondimento di Start su quanto ha pagato l’Egitto per le Fremm di Fincantieri).  Il contratto con l’Egitto dovrebbe includere opzioni per due ulteriori fregate di nuova costruzione, poiché il programma riguardava quattro piattaforme, secondo fonti industriali.

FINCANTIERI SUPPORTERÀ DAEWOO NEL DESIGN DELLE NUOVI PORTAEREI COREANE

Infine, altro successo nel continente asiatico per il gruppo di Trieste.

Fincantieri, nel corso di Madex (International Maritime Defense Industry Exhibition) 2021, uno dei principali saloni navali dell’Asia Pacifico, ha firmato un contratto con Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering per il supporto al conceptual design della nuova classe di portaerei ‘CVX’ per la Marina della Repubblica di Corea.

Il programma relativo all’unità capoclasse, spiega una nota, prevede la gara per il Basic Design a partire dalla seconda metà del 2021, mentre la progettazione di dettaglio e la costruzione prenderanno avvio negli anni successivi.

CONSULENZA SULLA BASE DELLA LHD TRIESTE

Fincantieri fornirà quindi a Dsme una consulenza sulla base dell’esperienza maturata con la costruzione della Lhd (Landing Helicopter Dock) “Trieste”. Quest’ultima sarà consegnata il prossimo anno alla nostra Marina Militare.

Con questo accordo Fincantieri rafforza la propria presenza nel Paese, dando ulteriore impulso al rapporto con la Repubblica di Corea. Il Gruppo, infatti, attraverso la controllata Seastema, collabora alla realizzazione delle otto nuove fregate classe Daegu (FFX-II) per la Marina nazionale, fornendo SeasNavy, un innovativo integrated platform management system.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore