skip to Main Content

Che succede agli F-35 della Corea del Sud?

F-35 Corea Del Sud

Secondo i dati dell’aeronautica della Corea del Sud, ispezioni hanno rilevato che gli F-35 hanno sofferto di 234 difetti in 18 mesi da gennaio 2021 a giugno 2022. L’articolo di Giuseppe Gagliano

Nonostante l’ampia e capillare propaganda relativa alle virtù taumaturgiche sotto il profilo tecnologico dell’F-35, l’aviazione della Corea del Sud ha incontrato difficoltà significative con i suoi due nuovi squadroni di caccia stealth Lockheed Martin F-35, 40 dei quali sono stati consegnati per soddisfare un ordine effettuato nel 2014.

Secondo i dati dell’aeronautica ottenuti da Shin Won-min, membro del Comitato di difesa nazionale dell’Assemblea nazionale sudcoreana, le ispezioni hanno rilevato che gli F-35 hanno sofferto di 234 difetti in 18 mesi da gennaio 2021 a giugno 2022. I tassi di fallimento della missione specifici sono notevolmente più del doppio di quelli dei caccia F-4 e F-5 dell’era della guerra del Vietnam della Corea del Sud, il primo dei quali viene sostituito direttamente dall’F-35.

Per quanto riguarda le implicazioni di questi problemi, Shin ha avvertito: “L’F-35A è stato introdotto con un budget molto elevato per risolvere il problema dei caccia obsoleti e rafforzare l’efficacia dei combattimenti contro la Corea del Nord. Nel caso dell’escalation delle minacce nucleari e missilistiche della Corea del Nord, non si può permettere che questa forza di combattimento di base non possa funzionare correttamente”.

L’F-35 è l’unico caccia occidentale post-quarta generazione in produzione. Essendo stato sviluppato nell’ambito del programma Joint Strike Fighter, è ottimizzato per le missioni di soppressione dell’attacco e della difesa aerea. L’F-35 è effettivamente l’unica opzione della Corea del Sud per garantire la parità tecnologica sia con il vicino Giappone, che è destinato a diventare il più grande operatore F-35 diverso dall’esercito degli Stati Uniti, sia con la Cina, che ha sviluppato un caccia di quinta generazione altrettanto avanzato nell’ambito del programma J-20 e ha un secondo, l’FC-31.

Il capitano del Corpo dei Marines Dan Grazier ha evidenziato “una serie di problemi allarmanti” e “la mancanza di progressi dell’F-35 in quasi tutte le aree essenziali” per avvicinarlo a uno stato pronto al combattimento. Questi problemi includevano continui malfunzionamenti per “la maggior parte dei sistemi informatici cruciali al combattimento”, importanti vulnerabilità della sicurezza informatica e “tante crepe” che richiedevano “tante riparazioni e modifiche” che ha reso il funzionamento dell’aereo tutt’altro che pratico.

Alla fine del 2020, negli Stati Uniti il segretario alla Difesa in carica Christopher Miller aveva fatto riferimento all’F-35 come a un “mostro” creato dal Pentagono.

Più recentemente, a seguito di diversi tristi rapporti del Government Accountability Office sulle prestazioni del velivolo da combattimento, un’udienza di quasi due ore a Capitol Hill ha evidenziato i suoi problemi di motore come una caratteristica particolarmente problematica. Ma queste critiche non devono sorprendere poiché risalgono al mandato del defunto senatore John McCain come presidente della commissione per i servizi armati del Senato, quando tra le molteplici critiche ha sottolineato che “il record di prestazioni del programma F-35 è stato sia uno scandalo che una tragedia per quanto riguarda i costi, i tempi e le prestazioni”.

Sedici anni dopo il suo primo volo, il numero di difetti di fabbrica segnalati è rimasto relativamente consistente, con nuovi difetti che continuano ad essere scoperti man mano che quelli vecchi vengono lentamente risolti, lasciando la cifra a circa 800 alla fine del 2022.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore