Advertisement skip to Main Content

Case Cinesi

Ecco come le Case auto cinesi faranno marameo a Biden. Report Wsj

Le Case automobilistiche cinesi - per rispondere ai nuovi dazi Usa - accelerano le vendite in Europa e nel Sud-Est asiatico e puntano a produrre di più all'estero. L'approfondimento del Wall Street Journal.

Le case automobilistiche cinesi accelerano le vendite in Europa e nel Sud-Est asiatico e puntano a produrre di più all’estero, scrive il WSJ.

Le case automobilistiche cinesi si concentreranno sui mercati globali al di fuori degli Stati Uniti ora che l’amministrazione Biden ha dichiarato l’America off-limits per le auto elettriche made-in-China.

I dazi del 100% sui veicoli elettrici cinesi annunciati martedì a Washington sono più un colpo simbolico che pratico per le case automobilistiche cinesi. Non hanno quasi nessuna attività negli Stati Uniti e hanno già riconosciuto che gli ostacoli politici all’ingresso nel mercato sono insormontabili.

Secondo gli analisti, la freddezza di Washington non cambierà le ambizioni dei produttori cinesi di veicoli elettrici di dominare il mercato globale, ma stimolerà degli aggiustamenti. Le aziende daranno risalto ai mercati emergenti e localizzeranno la produzione dove possibile, cercando di corteggiare i governi più aperti ai veicoli elettrici cinesi.

Inoltre, alcune aziende potrebbero concentrarsi sulla fornitura di tecnologia EV, un approccio che potrebbe attenuare le ripercussioni politiche e offrire un percorso indiretto verso gli Stati Uniti.

“Le aziende cinesi sono molto pragmatiche per quanto riguarda i loro percorsi di mercato”, ha dichiarato Denis Depoux, amministratore delegato della società di consulenza Roland Berger con sede a Shanghai.

Le tariffe riflettono la preoccupazione degli Stati Uniti che i produttori cinesi di veicoli elettrici, che spesso godono di sovvenzioni governative, cerchino di scaricare i loro veicoli in America per conquistare quote di mercato.

L’Europa, da parte sua, ha avviato l’anno scorso un’indagine sui sussidi cinesi ai veicoli elettrici che dovrebbe sfociare in tariffe nei prossimi mesi.

Grazie ai dazi americani, le case automobilistiche statunitensi saranno protette dalla concorrenza cinese a basso costo. Il rovescio della medaglia: “I consumatori statunitensi non avranno accesso ai veicoli elettrici più pregiati e meno costosi del mondo”, ha dichiarato Cory Combs, direttore associato della società di consulenza Trivium China.

In Cina, il principale produttore di veicoli elettrici, BYD, offre un modello compatto con un’autonomia di circa 200 miglia con una singola carica per l’equivalente di meno di 10.000 dollari. Una versione della sua berlina Seal di fascia alta, con un’autonomia di circa 340 miglia, parte da circa 25.000 dollari in Cina. Negli Stati Uniti, una versione della berlina Model 3 di Tesla con un’autonomia simile ha un prezzo di circa 43.000 dollari, secondo il sito web della casa automobilistica.

Un portavoce del Ministero del Commercio cinese ha dichiarato che l’aumento delle tariffe statunitensi è stato il risultato di considerazioni politiche interne.

Ambizioni globali

Nonostante i venti contrari geopolitici, le case automobilistiche cinesi sono ancora desiderose di andare all’estero, aspirando a diventare la prossima Tesla o Toyota Motor. Dopo aver inseguito per decenni le case automobilistiche americane, europee, giapponesi e sudcoreane, hanno trovato nei loro veicoli elettrici un prodotto competitivo a livello globale.

In Cina, oltre 100 marchi di veicoli elettrici si contendono una fetta della torta, facendo scendere i prezzi e la redditività. La capacità produttiva cinese è superiore alla domanda interna e i produttori guardano all’estero, dove ritengono che i margini siano più elevati e la concorrenza meno agguerrita.

Le esportazioni di automobili in Cina sono quasi quintuplicate negli ultimi tre anni, fino a raggiungere circa cinque milioni di veicoli nel 2023. Mentre molte sono auto a benzina spedite in Russia, altre sono veicoli elettrici inviati nel sud-est asiatico, in Europa e altrove.

Un’altra tattica consiste nell’aprire fabbriche al di fuori della Cina in mercati che sono ricettivi ai veicoli elettrici a marchio cinese. BYD sta aprendo nuove fabbriche in Brasile, Ungheria, Tailandia e Uzbekistan e ne sta valutando una in Messico. La casa automobilistica cinese Chery Automobile ha in programma di costruire auto in Spagna con un partner locale, Ebro-EV Motors.

La mossa dell’amministrazione Biden non si esprime direttamente su uno scenario in cui un produttore cinese di veicoli elettrici apra uno stabilimento in Messico e cerchi di spedire le auto oltre il confine ai consumatori statunitensi. Sulla carta, tali auto potrebbero godere di tariffe ridotte.

Ma secondo gli analisti è probabile che Washington blocchi l’ingresso negli showroom statunitensi di qualsiasi veicolo a marchio cinese. La mossa di martedì ha mostrato il tipo di tattica aggressiva che gli Stati Uniti considerano ormai un gioco da ragazzi per combattere quelle che la Casa Bianca ha definito “esportazioni artificialmente a basso prezzo” dalla Cina.

Sia Biden che il suo probabile rivale repubblicano a novembre, l’ex presidente Donald Trump, hanno suggerito che tutti gli impianti messicani di proprietà delle case automobilistiche cinesi potrebbero essere colpiti da tariffe elevate.

I politici europei, pur valutando l’opportunità di imporre dazi sui veicoli elettrici prodotti in Cina, vedono la questione in modo diverso dagli Stati Uniti: vogliono indurre le aziende cinesi a costruire fabbriche in Europa piuttosto che bloccare del tutto i veicoli a marchio cinese, hanno detto gli analisti.

Durante la visita del leader cinese Xi Jinping in Europa questo mese, il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire ha dichiarato che l’industria automobilistica cinese, compresa BYD, è benvenuta a perseguire progetti industriali in Francia.

Al salone dell’auto di Pechino, in aprile, alcune case automobilistiche cinesi hanno espresso interesse a lungo termine per la produzione all’estero. Tra queste, il marchio di veicoli elettrici Zeekr, sostenuto dalla cinese Geely Automobile, e la startup di veicoli elettrici Xpeng.

Arrivare negli Stati Uniti

Quando si tratta di produrre automobili negli Stati Uniti, gli ostacoli per le aziende cinesi sono elevati. Anche se Washington permettesse loro di aprire delle fabbriche – un punto interrogativo nell’ambiente attuale – dovrebbero affrontare il reclutamento dei lavoratori, le pressioni per accettare i sindacati, le differenze culturali e le potenziali reazioni locali.

In occasione di un comizio elettorale tenutosi a marzo in Ohio, Trump ha dichiarato che sarebbe favorevole alla costruzione di fabbriche automobilistiche negli Stati Uniti da parte di aziende cinesi, a patto che queste utilizzino lavoratori americani.

Un approccio delle aziende cinesi ai mercati esteri, compresi gli Stati Uniti, è la vendita di tecnologia legata ai veicoli elettrici, come sistemi operativi o batterie.

La cinese CATL è in trattativa con Tesla e altre case automobilistiche per concedere in licenza la sua tecnologia per le batterie negli Stati Uniti, invece di costruirvi un proprio stabilimento.

Un’altra strada è la partnership con una casa automobilistica non cinese. Leapmotor, una startup cinese di veicoli elettrici, e la casa madre di Jeep, Stellantis, hanno dichiarato martedì che inizieranno a vendere i veicoli elettrici di massa di Leapmotor in Europa a settembre. Le società hanno dichiarato che altri mercati globali, ma non gli Stati Uniti, seguiranno subito dopo.

I veicoli elettrici saranno esportati dalla Cina o prodotti negli stabilimenti Stellantis di tutto il mondo. L’anno scorso Stellantis ha dichiarato di voler investire 1,5 miliardi di euro, l’equivalente di 1,6 miliardi di dollari, in Leapmotor.

L’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, ha descritto la strategia come un modo per adattarsi a diversi scenari di servizio.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top