.Smart City / Mobilità, Mobilità

Smart city. Sogno di una notte di fine estate o prossima realtà?

di

 

E’ facile dire smart city. Sogniamo città libere dal traffico e dallo smog, dove spostarsi sia semplice, con un sistema di trasporto pubblico capace di integrarsi e di funzionare in modo complementare tra i diversi mezzi di locomozione.

Città dove aree pedonali, parchi pubblici e luoghi culturali siano presenti in numero adeguato, resi fruibili e parte integrante del disegno urbanistico; con piste ciclabili e percorsi pedonali in grado di restituire la città ai cittadini.

Un sistema di trasporti che veda sempre più frequenti le forme di condivisione, con bike e car sharing disponibili ovunque per ridurre l’impatto delle auto, liberando spazi e strade da parcheggi, laddove il problema non sia quello della sosta in seconda fila.

Città intelligenti dove i rifiuti non siano un’emergenza ma considerati come un’opportunità, con sistemi di raccolta e di gestione che permettano di eliminare dallo sguardo cassonetti e micro-discariche, innestando circoli virtuosi, con filiere del recupero e del riciclo, in grado di generare risparmio e qualità ambientale.

Non è un film di fantascienza e neppure un libro dei sogni: è la realtà che oggi, in questo istante preciso, contribuisce a creare la differenza tra città impegnate nel favorire l’innovazione e la competitività e città che tentano di affrontare lo sviluppo con ricette e strumenti che sono superati e obsoleti.

Sono fasi storiche che impongono un cambiamento profondo del modo stesso di disegnare le città, di pianificare i servizi e rendere le città capaci di guidare la trasformazione.

In Europa si sta facendo molto in questo senso: esistono gli esempi delle Capitali Verdi, quest’anno è Copenaghen, il prossimo anno sarà Bristol, e, nel 2016, verrà il turno di Ljubljana. Chissà quando sarà una città italiana a rivestire il ruolo di Capitale Verde: la call, per il 2017, è aperta, fino al 20 ottobre 2014.

Le smart cities sono città dove l’uso della tecnologia procede di pari passo con la cura e la visione su come rigenerare le città. Dove linee di tram ed efficienza energetica, parchi e aree pedonali, sono parti di un progetto complessivo che punta a rendere le città più moderne e più vivibili. Dove le infrastrutture verdi svolgono una funzione che è tecnologica ed economica, regolando il clima e rendendo le città più resilienti.

Ecco perché è necessario passare dai sogni alla realtà, perché una app non basta per far diventare smart una città.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati