skip to Main Content

Cosa cambierà con la visita di Xi in Arabia Saudita per gli Usa e il Medioriente

Xi Arabia Saudita

La visita di Xi in Arabia Saudita simboleggia il desiderio della Cina di contare di più in una regione sotto la sfera di influenza degli Stati Uniti. L’approfondimento del Financial Times

 

Questa settimana il presidente Xi Jinping si recherà per la prima volta in sei anni in Arabia Saudita, nell’ambito degli sforzi per rafforzare le relazioni della Cina con la regione del Golfo, cinque mesi dopo che gli Stati Uniti hanno avvertito Pechino che non avrebbero ceduto il Medio Oriente né a loro né a nessun altro. Scrive il Financial Times.

Xi incontrerà a Riyadh il re Salman bin Abdulaziz al-Saud e il principe ereditario Mohammed bin Salman, il governante odierno del regno, e parteciperà a due vertici con i leader arabi e del Golfo. Nessuna delle due parti ha fornito dettagli sull’incontro del leader cinese con i reali sauditi, ma i due Paesi potrebbero firmare un accordo di cooperazione che spazia dal libero scambio all’energia nucleare.

La visita del presidente cinese, che arriva mentre affronta una crescente pressione in patria per l’opposizione alla sua strategia “zero Covid”, sottolinea il desiderio della Cina di rafforzare i legami in una regione che tradizionalmente è considerata da Washington come rientrante nella sua sfera di influenza.

Il messaggio del presidente statunitense Joe Biden ai leader arabi riuniti in visita a Riyadh a luglio è stato: “Non ce ne andremo e non lasceremo un vuoto che sarà riempito da Cina, Russia o Iran.  Gli Stati Uniti non andranno da nessuna parte”.

Tuttavia, i rapporti tra Biden e il principe ereditario Mohammed sono tesi. E nonostante l’impegno del presidente a rimanere, nel Golfo si ritiene che gli Stati Uniti si siano allontanati sempre di più, spostando l’attenzione su altre regioni, e che la Cina sia tra i soggetti più desiderosi di riempire qualsiasi vuoto.

“Tutti pensano che gli Stati Uniti siano in via di estinzione”, ha dichiarato Gedaliah Afterman, esperto di Cina e Medio Oriente presso l’Abba Eban Institute for Diplomacy and Foreign Relations in Israele. Nella battaglia strategica tra Washington e Pechino, “ogni 10 metri che [la Cina] riesce a spostare i sauditi nella loro direzione non è solo una vittoria, ma una doppia vittoria, perché si allontanano dagli Stati Uniti”, ha aggiunto.

I funzionari del Golfo, tuttavia, si guardano bene dal farsi coinvolgere in eventuali controversie tra Cina e Stati Uniti, sapendo di dover mantenere le relazioni con la coppia.

Sia l’Arabia Saudita che gli Emirati Arabi Uniti contano su Washington come fornitore di hardware e protezione militare. L’hardware statunitense sarebbe quasi impossibile da sostituire con quello offerto dalla Cina.

Tuttavia, questo non ha impedito all’Arabia Saudita e ad altre nazioni del Golfo di avvicinarsi a Pechino per cooperare nel commercio, nella tecnologia e persino nella tecnologia dei missili balistici e dei droni armati.

Nissa Felton, senior manager della società di consulenza Janes IntelTrak, ha affermato che, sebbene la Cina non rappresenti attualmente una minaccia per il ruolo storico degli Stati Uniti come fornitore di sicurezza regionale, “l’aumento dei legami politici, sia ai vertici del governo, sia esercitati attraverso i voti in organizzazioni internazionali come l’ONU o il perseguimento di iniziative strategiche congiunte … è potenzialmente problematico per gli interessi statunitensi a lungo termine”.

“Questa cooperazione più ampia – la volontà di sincronizzare la politica estera della Cina con le loro agende interne – segnala un’apertura a diversificare le relazioni tradizionali di questi Paesi con gli Stati Uniti”.

In patria, Xi deve affrontare la diffusa angoscia per la grave recessione economica e la crescente opposizione alle sue politiche, che è sfociata in proteste alla fine del mese scorso in diverse grandi città. “Xi Jinping ha bisogno di distogliere l’attenzione a causa dell’insoddisfazione interna”, ha dichiarato Willy Lam, esperto di politica cinese presso l’Università cinese di Hong Kong.

Secondo i dati di Janes IntelTrak, l’Arabia Saudita è in cima alla lista delle destinazioni degli investimenti esteri cinesi annunciati nella regione del Golfo negli ultimi 20 anni, per un totale di 106,5 miliardi di dollari, davanti al Kuwait con 97,6 miliardi di dollari e ai 46 miliardi di dollari degli Emirati Arabi Uniti.

Le relazioni tra Pechino e Riyad sono sostenute dal petrolio. L’Arabia Saudita è il principale fornitore di greggio della Cina e la Cina è il principale partner commerciale del regno.

Il petrolio incombe sulla visita di questa settimana, che si svolge in concomitanza con un’importante riunione dell’Opec+, con la scadenza del termine entro il quale l’Europa deve imporre un embargo sul greggio russo e con la possibile introduzione di un tetto al prezzo del petrolio russo.

Ma negli ultimi anni le relazioni della Cina con il Regno e con altri Paesi del Golfo sono andate oltre il petrolio, soprattutto per quanto riguarda la tecnologia, che gli Stati Uniti hanno talvolta osteggiato.

Questa cooperazione, in particolare sulla tecnologia 5G di Huawei, preoccupa l’amministrazione statunitense, così come la prospettiva di consentire alla Cina strutture di sicurezza nel Golfo. L’anno scorso gli Emirati Arabi Uniti hanno chiuso una presunta struttura militare cinese nel Paese dopo le obiezioni degli Stati Uniti.

“Ci sono alcuni partenariati con la Cina che creerebbero un limite a ciò che possiamo fare”, ha dichiarato il mese scorso Brett McGurk, il più importante funzionario dell’amministrazione Biden per il Medio Oriente, a una conferenza in Bahrein.

Gli Stati Uniti hanno concordato con l’Arabia Saudita di lavorare sulla tecnologia 5G, ma il regno sta ancora portando avanti la sua cooperazione con Huawei. Gli Stati Uniti sono stati inoltre messi in allarme dalle speculazioni secondo cui l’Arabia Saudita potrebbe firmare un accordo con la Cina per regolare le transazioni petrolifere in renminbi.

Funzionari del governo saudita hanno informato privatamente che un eventuale accordo di questo tipo non includerebbe le transazioni petrolifere, che sono condotte in dollari, ma si estenderebbe ad altri settori. Un alto funzionario saudita ha dichiarato di non essere a conoscenza di alcun accordo commerciale in renminbi che sarebbe stato concordato questa settimana, ma che non ci sarebbe stato nulla di male nel farlo.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore