skip to Main Content

L’Arabia Saudita vuole evitare il distacco mondiale dal petrolio

Arabia Saudita Metalli

L’Arabia Saudita vuole mantenere i combustibili fossili al centro dell’economia mondiale per i prossimi decenni, e sta usando il suo potere diplomatico per ostacolare l’azione climatica. L’articolo del New York Times

Nel deserto brilla un centro di ricerca futuristico con una missione urgente: rendere l’economia saudita basata sul petrolio più verde, e in fretta. L’obiettivo è costruire rapidamente più pannelli solari ed espandere l’uso di auto elettriche, in modo che il regno finisca per bruciare molto meno petrolio.

Ma l’Arabia Saudita ha una visione molto diversa per il resto del mondo. Uno dei motivi principali per cui vuole bruciare meno petrolio in patria è liberarne ancora di più da vendere all’estero. È solo un aspetto dell’aggressiva strategia a lungo termine del regno per tenere il mondo attaccato al petrolio per i decenni a venire e rimanere il principale fornitore mentre i rivali si allontanano.

Nei giorni scorsi, i rappresentanti sauditi hanno fatto pressione al vertice globale delle Nazioni Unite sul clima in Egitto per bloccare l’invito al mondo a bruciare meno petrolio, secondo due persone presenti all’incontro, affermando che la dichiarazione finale del vertice “non dovrebbe menzionare i combustibili fossili”. Lo sforzo ha prevalso: Dopo le obiezioni dell’Arabia Saudita e di alcuni altri produttori di petrolio, la dichiarazione non ha incluso un invito alle nazioni a eliminare gradualmente i combustibili fossili.

Il piano del regno per mantenere il petrolio al centro dell’economia globale si sta sviluppando in tutto il mondo nelle attività finanziarie e diplomatiche saudite, così come nei settori della ricerca, della tecnologia e persino dell’istruzione. È una strategia in contrasto con il consenso scientifico secondo cui il mondo deve abbandonare rapidamente i combustibili fossili, compresi petrolio e gas, per evitare le peggiori conseguenze del riscaldamento globale.

La dissonanza tocca il cuore del regno saudita. La compagnia petrolifera controllata dal governo, Saudi Aramco, produce già un barile di petrolio su 10 al mondo e prevede un mondo in cui ne venderà ancora di più. Tuttavia, il cambiamento climatico e l’aumento delle temperature stanno già minacciando la vita nel regno desertico come pochi altri luoghi al mondo.

Secondo il database Crossref, che tiene traccia delle pubblicazioni accademiche, Saudi Aramco è diventato un prolifico finanziatore di ricerche su questioni energetiche critiche, finanziando quasi 500 studi negli ultimi cinque anni, tra cui ricerche volte a mantenere competitive le auto a benzina o a mettere in dubbio i veicoli elettrici. Aramco ha collaborato con il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti su progetti di ricerca di alto profilo, tra cui uno sforzo di sei anni per sviluppare benzina e motori più efficienti, nonché studi sul recupero migliorato del petrolio e altri metodi per rafforzare la produzione di petrolio.

Aramco gestisce anche una rete globale di centri di ricerca, tra cui un laboratorio vicino a Detroit dove sta sviluppando un dispositivo mobile per la “cattura del carbonio”, un’apparecchiatura progettata per essere attaccata a un’auto che brucia benzina, intrappolando i gas serra prima che escano dallo scarico. Più in generale, nell’ultimo decennio l’Arabia Saudita ha versato 2,5 miliardi di dollari nelle università americane, rendendo il regno uno dei maggiori finanziatori dell’istruzione superiore del Paese.

Dal 2016, gli interessi sauditi hanno speso quasi 140 milioni di dollari in lobbisti e altri soggetti per influenzare la politica e l’opinione pubblica americana, diventando così uno dei Paesi che spendono di più per il lobbismo statunitense, secondo quanto rivelato al Dipartimento di Giustizia dal Center for Responsive Politics.

Gran parte di questa spesa si è concentrata sul rafforzamento dell’immagine generale del regno, in particolare dopo l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi nel 2018 da parte di agenti sauditi. Ma lo sforzo saudita si è esteso anche alla costruzione di alleanze negli Stati americani della Corn Belt che producono etanolo, un prodotto minacciato anche dalle auto elettriche.

Dietro le porte chiuse dei colloqui globali sul clima, i sauditi hanno lavorato per ostacolare l’azione e la ricerca sul clima, opponendosi in particolare agli appelli per una rapida eliminazione dei combustibili fossili. A marzo, in occasione di un incontro delle Nazioni Unite con gli scienziati del clima, l’Arabia Saudita, insieme alla Russia, ha spinto per eliminare un riferimento al “cambiamento climatico indotto dall’uomo” da un documento ufficiale, contestando di fatto il fatto, scientificamente accertato, che la combustione di combustibili fossili da parte dell’uomo è il principale motore della crisi climatica.

“La gente vorrebbe che rinunciassimo a investire negli idrocarburi. Ma no”, ha dichiarato Amin Nasser, amministratore delegato di Saudi Aramco, perché una simile mossa non farebbe altro che creare scompiglio nei mercati petroliferi. La minaccia maggiore è la “mancanza di investimenti nel petrolio e nel gas”, ha detto.

In un comunicato, il Ministero dell’Energia saudita ha dichiarato di aspettarsi che gli idrocarburi come il petrolio, il gas e il carbone “continueranno ad essere una parte essenziale del mix energetico globale per decenni”, ma allo stesso tempo il regno ha “fatto investimenti significativi in misure per combattere il cambiamento climatico”. La dichiarazione aggiungeva: “Lungi dal bloccare i progressi nei colloqui sul cambiamento climatico, l’Arabia Saudita ha da tempo svolto un ruolo importante” nei negoziati e nei gruppi industriali del petrolio e del gas che lavorano per ridurre le emissioni.

L’Arabia Saudita ha dichiarato di sostenere l’accordo sul clima di Parigi, che mira a prevenire l’aumento delle temperature globali di 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali, e intende generare metà della sua elettricità da fonti rinnovabili entro il 2030. Il regno prevede inoltre di piantare 10 miliardi di alberi nei prossimi decenni e sta costruendo Neom, una città futuristica senza emissioni di carbonio che prevede trasporti pubblici veloci, fattorie verticali e una stazione sciistica.

L’Arabia Saudita sta coprendo le sue scommesse. Il governo ha investito in Lucid, l’azienda americana di veicoli elettrici, e di recente ha dichiarato di voler costituire una propria società di veicoli elettrici, Ceer. Sta investendo nell’idrogeno, un’alternativa più pulita al petrolio e al gas.

Tuttavia, la transizione verde in patria è stata lenta. L’Arabia Saudita genera ancora meno dell’1% dell’elettricità da fonti rinnovabili e non è chiaro come intenda piantare miliardi di alberi in una delle regioni più aride del mondo.

Nel frattempo, la minaccia climatica diventa sempre più difficile da ignorare. Ai ritmi attuali, la sopravvivenza umana nella regione sarà impossibile senza un accesso continuo all’aria condizionata, hanno detto i ricercatori lo scorso anno.

Tra i ricercatori del King Abdullah Petroleum Studies and Research Center, un complesso simile a una stazione spaziale alimentata da 20.000 pannelli solari dove si discute di progetti solari ed eolici o di tecnologie come la cattura del carbonio, il compromesso più immediato è chiaro.

“Se continuiamo a consumare il nostro stesso petrolio”, ha detto Anvita Arora, che dirige il team del centro per i trasporti, “non avremo più petrolio da vendere”.

I sauditi e la cintura di mais
All’inizio del 2020, Rob Port, che conduce il podcast “Plain Talk” sulla politica e l’attualità del Nord Dakota, ha ricevuto una telefonata da persone che rappresentano l’ambasciata saudita. Sarebbe interessato a intervistare un portavoce saudita sui mercati del petrolio?

La chiamata è arrivata da Dan Lederman del gruppo LS2, un’agenzia di lobbying dell’Iowa che ha lavorato anche per gruppi agricoli e di etanolo, e una delle poche società di lobbying che è rimasta al fianco dei sauditi mentre altre hanno tagliato i ponti dopo l’omicidio di Khashoggi.

Nel maggio dello stesso anno, Fahad Nazer, portavoce dell’ambasciata saudita, ha partecipato al podcast di Port. Port ha detto che “parlavano di come hanno i nostri stessi interessi”, in particolare l’interesse per “un mercato petrolifero globale fiorente”.

Questa iniziativa fa parte di un grande sforzo da parte di LS2group, per conto del Regno, che ha raggiunto Stati come Dakotas, Texas, Iowa e Ohio. Per un compenso di oltre 125.000 dollari al mese, LS2group si è rivolta a conduttori radiofonici locali, accademici, organizzatori di eventi, funzionari dell’industria sportiva, un ex giocatore di football e il proprietario di un club di sci e snowboard, secondo i documenti depositati presso il Dipartimento di Giustizia.

Gran parte della campagna ha riguardato argomenti generali, come la storia delle strette relazioni con gli Stati Uniti. Tuttavia, Stati come l’Iowa, il principale produttore di etanolo della nazione, potrebbero essere un terreno fertile per il punto di vista dei sauditi sui veicoli elettrici, ha dichiarato Jeff M. Angelo, un ex senatore dello Stato dell’Iowa che ora conduce un talk show e che è stato contattato dai rappresentanti sauditi.

“I produttori di etanolo qui in Iowa stanno dicendo la stessa cosa: “Non è terribile che l’amministrazione Biden vi stia obbligando a comprare un’auto elettrica quando potremmo produrre biocarburanti proprio qui in Iowa, fare soldi, sostenere i nostri agricoltori ed essere indipendenti dal punto di vista energetico?””, ha detto.

Un altro aspetto dello sforzo di Saudi Aramco per perpetuare le auto a benzina è il centro di ricerca vicino a Detroit. Lì i ricercatori stanno lavorando a un dispositivo innovativo. Collegato a un’automobile, aspirerebbe una parte dell’anidride carbonica che riscalda il pianeta dai gas di scarico prima che possa salire nell’atmosfera e riscaldare il mondo.

Il prototipo, sviluppato da un laboratorio di Aramco, trattiene solo una parte delle emissioni. Ma fa parte di uno sforzo per mantenere le auto a benzina competitive. I trasporti utilizzano i due terzi del petrolio mondiale, per cui qualsiasi spostamento dai veicoli a benzina inciderebbe notevolmente sulla domanda di petrolio.

È un cambiamento che Aramco non vuole vedere.

“I veicoli elettrici porteranno alla rovina il petrolio?”. Khalid A. Al-Falih, ministro degli investimenti dell’Arabia Saudita ed ex presidente di Saudi Aramco, ha dichiarato durante un forum sull’energia nel 2019. “La risposta è no”.

Saudi Aramco ha collaborato con le principali case automobilistiche, come Hyundai, per sviluppare un carburante “ultra-lean-burn” per i veicoli ibridi gas-elettrici che utilizzerebbero comunque il petrolio. Inoltre, alcune ricerche finanziate dall’Arabia Saudita mettono in dubbio i veicoli elettrici.

A giugno, il Dipartimento dell’Energia ha pubblicato i risultati della sua iniziativa di sei anni per la ricerca di motori a benzina e carburanti più puliti, secondo cui le auto a benzina “domineranno le vendite di nuovi veicoli per decenni”. Aramco e il Dipartimento hanno anche collaborato a documenti tecnici sui metodi per aumentare il flusso di petrolio dai pozzi.

Il principe Abdulaziz bin Salman, ministro dell’energia dell’Arabia Saudita, era incredulo. L’Agenzia Internazionale per l’Energia, istituita mezzo secolo fa per garantire la sicurezza delle forniture energetiche globali, aveva appena suonato la campana a morto del petrolio: aveva detto che il mondo avrebbe dovuto interrompere immediatamente l’approvazione di nuovi giacimenti di petrolio e gas, e abbandonare rapidamente i veicoli a benzina, per evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico.

Il principe Abdulaziz ha paragonato questa idea a un film di Hollywood. “È il sequel di ‘La La Land'”, ha detto in una conferenza stampa.

L’Arabia Saudita continua ad esplorare petrolio e gas. Pompa petrolio a un prezzo estremamente basso di circa 7,50 dollari al barile, battendo quasi tutti i principali rivali. Rispetto al fracking negli Stati Uniti, ad esempio, e all’ampia emissione di metano che comporta, la produzione saudita è anche più pulita rispetto ai concorrenti.

L’anno scorso, l’Arabia Saudita si è unita a Stati Uniti, Canada, Norvegia e Qatar in un piano per ridurre ulteriormente le emissioni di trivellazione. L’anno scorso Saudi Aramco ha dichiarato di voler raggiungere lo “zero netto” entro il 2050, impegnandosi in sostanza a non aggiungere più gas serra all’atmosfera grazie all’estrazione e alla produzione di petrolio. Tuttavia, questo impegno esclude la principale fonte di emissioni che riscaldano il pianeta, quelle prodotte dalla combustione del petrolio.

“Lo vedono come un vantaggio. Pensano che se gli acquirenti iniziano a discriminare tra barili più sporchi e barili più puliti, l’Arabia Saudita appare molto meglio del petrolio prodotto nel Bacino Permiano degli Stati Uniti” o in altri luoghi, ha dichiarato Ben Cahill, senior fellow del Center for Strategic and International Studies.

I funzionari sauditi sostengono che una rapida transizione verso le energie rinnovabili e i veicoli elettrici più puliti porterebbe al caos economico, un’opinione che, a loro dire, è stata avvalorata dalle recenti turbolenze del mercato energetico globale tra la carenza di offerta e l’impennata dei prezzi.

“L’adozione di politiche irrealistiche per ridurre le emissioni escludendo le principali fonti di energia porterà nei prossimi anni a un’inflazione senza precedenti e a un aumento dei prezzi dell’energia, oltre che a un aumento della disoccupazione e a un peggioramento dei gravi problemi sociali e di sicurezza”, ha dichiarato a luglio il principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, in occasione di un vertice Stati Uniti-Arabia a Gedda.

La strategia dell’Arabia Saudita si sta rivelando nei colloqui globali sul clima.

A marzo, quando l’Arabia Saudita e la Russia hanno spinto per eliminare un riferimento al “cambiamento climatico indotto dall’uomo” da un documento politico in occasione di una riunione delle Nazioni Unite, Valérie Masson-Delmotte, una scienziata climatica francese che guidava la sessione, si è opposta e ha vinto.

“È inequivocabile che l’influenza umana abbia riscaldato il clima”, ha dichiarato in seguito. “Questo è il motivo per cui ho preso la parola per argomentare”.

L’intervento saudita è stato l’ultimo esempio di quello che altri negoziatori descrivono come uno sforzo durato anni per rallentare i progressi puntando sulle incertezze scientifiche, sminuendo le conseguenze, enfatizzando i costi dell’azione sul clima e ritardando i negoziati su punti procedurali.

L’anno scorso, l’Arabia Saudita ha contribuito con successo a cancellare una frase da un rapporto delle Nazioni Unite che chiedeva un abbandono attivo dei combustibili fossili. La frase “limita le opzioni per i decisori”, ha detto un consigliere saudita del ministro del Petrolio e delle Risorse minerarie del regno, secondo i documenti trapelati dal gruppo ambientalista Greenpeace. “Omettete la frase”.

Hanno un’agenda strategica”, ha dichiarato Saleemul Huq, direttore del Centro Internazionale per il Cambiamento Climatico e lo Sviluppo in Bangladesh, “ovvero non vogliono che accada nulla”.

All’ultima tornata di colloqui in Egitto, l’Arabia Saudita ha evidenziato una visione alternativa, che si basa sulla cattura e lo stoccaggio del carbonio su larga scala. Entro il 2027, il Regno costruirà una struttura in grado di immagazzinare una quantità di anidride carbonica pari a quella emessa in un anno da 2 milioni di auto a benzina.

Si tratterebbe di una svolta, perché la cattura del carbonio non è ancora stata dimostrata su scala. Tuttavia, questo è il modo in cui l’Arabia Saudita si prepara a un mondo che si riscalda, ha dichiarato Adel al-Jubeir, inviato del regno per il clima. “In Arabia Saudita ci impegniamo a essere all’avanguardia”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore