Mondo

Virus Cina, che cosa dicono medici ed esperti

di

virus Cina mascherine

Il Punto sul virus in Cina con gli ultimi aggiornamenti e i report di esperti, medici e organizzazioni internazionali

Il verdetto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, i cui esperti ritengono sia troppo presto per dichiarare quella del coronavirus un’emergenza internazionale, potranno anche parzialmente rasserenare un’opinione pubblica mondiale quanto mai turbata e allarmata.

Certo è che la valutazione della somma istituzione medica internazionale stride con le inquietanti immagini che arrivano in queste ore dalla Cina e, in particolare, dalla metropoli focolaio, Wuhan, trasformata in un deserto abitato da 11 milioni di fantasmi messi dalle autorità nel più completo isolamento.

E non c’è solo Wuhan: secondo gli ultimi lanci di agenzia, sono ora nove le città nelle medesime condizioni, ossia paralizzate come i venti milioni di cinesi circa che vi si ritrovano intrappolate.

L’ultima a finire in questo gorgo è stata, poche ore fa, Jingzhou. Esattamente come nelle altre località colpite dall’epidemia, anche in questa città che sorge nella medesima provincia di Hubei dove il coronavirus ha avuto la sua culla le autorità hanno imposto lo stop al traffico ferroviario in uscita dalla città, ai trasporti pubblici, ai bus turistici, ai traghetti e ad ogni altro tipo di imbarcazione. Nessuno entra, nessuno esce.

È salito a 26, nel frattempo, il bilancio dei decessi, con un numero accertato di persone che ha contratto il virus che ha toccato quota 800.

Mentre dagli Usa arriva la n0tizia che Usa e Cina stanno lavorando congiuntamente ad un vaccino contro il coronavirus, che secondo Anthony Fauci, direttore dei National Institutes of Allergy and Infectious Diseases, e Catharine Paules, professore di malattie infettive presso la Penn State University, potrebbe essere pronto in tre mesi, è giunta anche la valutazione sullo stato dell’epidemia del prestigioso MRC Centre for Global Infectious Disease Analysis dell’Imperial College di Londra .

Nel rapporto intitolato Estimating the potential total number of novel Coronavirus cases in Wuhan City, China”, i ricercatori Natsuko Imai, Ilaria Dorigatti, Anne Cori, Christl Donnelly, Steven Riley e Neil M. Ferguson aggiornano anzitutto – raddoppiandole – le stime fatte in precedenza dallo stesso istituto sull’entità dell’epidemia, segnalando contestualmente il dato forse più preoccupante: l’aumento da 3 a 7 dei casi rilevati al di fuori del territorio cinese, tre dei quali – segnala stamattina il South China Morning Post – accertati a Singapore e due a testa in Giappone e Corea del Sud.

Gli stessi studiosi avvertono tuttavia il dovere di precisare che non è ancora possibile determinare il tasso esatto di crescita dell’epidemia, a causa da un lato del ritardo nella conferma e segnalazione dei casi dentro e soprattutto fuori dalla Cina, e dall’altro delle informazioni ancora incomplete sull’effettiva data di esordio dei sintomi.

È presto, insomma, per capire se si è di fronte a una potenziale pandemia o se il coronavirus, dopo tanta paura, seguirà la stessa sorte della SARS, che sedici anni or sono fece gelare il sangue al mondo salvo poi, fortunatamente, estinguersi senza provocare le conseguenze apocalittiche che molti allora davano per certe.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati