Mondo

Verso il no deal? Riunione cruciale del governo May

di

Il punto di Daniele Meloni su Brexit dopo l’ennesima bocciatura del piano May

La Camera dei Comuni ha bocciato ieri sera le 4 mozioni sulla Brexit ammesse al voto dallo speaker dell’aula, John Bercow. Il Parlamento britannico, che aveva rivendicato il suo storico ruolo di centro del sistema politico Uk non è riuscito a trovare alcuna maggioranza, anche se l’ordine del giorno sulla permanenza dell’Unione Doganale firmato da Ken Clarke – storico parlamentare europeista Tory – si è fermato a soli 3 voti dall’approvazione. Una seduta che ha visto anche un fuori programma, con la protesta degli ambientalisti e l’ufficializzazione in diretta da parte di Nick Boles, uno dei leader intellettuali del partito Conservatore, del suo addio ai Tory.

Oggi Theresa May ha riunito il suo Governo per 5 ore di discussioni-fiume per uscire dall’empasse. Allo stato attuale, con il Cabinet diviso tra fautori di una hard Brexit e altri più inclini a un compromesso, il Regno Unito viaggia verso l’uscita dall’Unione Europea il 12 aprile senza alcun accordo, il tanto temuto “no deal” che ha allarma non solo Downing Street ma anche tutte le cancellerie dei paesi dell’Unione Europea.

Il capo negoziatore di Bruxelles, Michel Barnier, si è affrettato a comunicare che, anche se i fatti degli ultimi giorni fanno pendere sempre più la bilancia per un’uscita disordinata dello UK dall’Unione, tutto questo può essere evitato con l’approvazione dell’accordo (già bocciato per 3 volte) ottenuto da Theresa May o con delle nuove elezioni generali che allungherebbero, necessariamente, i tempi della Brexit. Oggi capiremo se May se la sentirà di portare una quarta volta il suo Withdrawal Agreement in aula, e se ancora ci sarà in governo, più o meno compatto, guidato dall’ex remainer riluttante, oggi incapace di essere brexiteer convinta.

La rivista conservatrice Spectator l’ha già messa in croce: sulla copertina dell’ultimo numero, intitolato evocativamente “The end of May”, la fine di May, della premier Tory restano solo le scarpine leopardate, mentre il suo corpo sembra quasi evaporato.

(articolo aggiornato alle ore 12)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati