skip to Main Content

Tutte le tensioni tra Usa, Turchia e Russia nel mar Nero

Mar Nero

L’approfondimento di Giuseppe Gagliano

 

Il 10 febbraio il ministero della Difesa russo ha reso noto che due bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 hanno effettuato un volo di routine sul Mar Nero, volo di ricognizione che deve essere letto come una risposta strategicamente proporzionale a quella attuata il 9 febbraio da parte della Sesta Flotta della Marina degli Usa insieme alla Turchia nelle stesse acque a conferma — ammesso che ce ne fosse bisogno — che la Turchia per gli Usa svolge un ruolo di grande rilevanza in funzione di contenimento anti – russo.

Ebbene, che il Mar Nero rivesta un ruolo di grandissima rilevanza a livello geoeconomico e geopolitico è del tutto ovvio.

Sotto il profilo della sicurezza energetica infatti, la regione del Mar Nero è una zona di transito di importanza strategica sia per i paesi importatori dell’Europa centrale e orientale che per i paesi produttori come la Russia o l’Azerbaigian, o più in generale i paesi della regione del Caspio.

Gli stretti del Bosforo e dei Dardanelli sono tra i più importanti passaggi marittimi del mondo, con tre milioni di barili di petrolio provenienti dalla Russia, dall’Ucraina e dal bacino del Caspio che vi transitano quotidianamente. La libera circolazione nello stretto nel Mar Nero è garantita dalla Convenzione di Montreux firmata nel 1936 dai paesi rivieraschi del Mar Nero (Turchia, URSS, Romania, Bulgaria) e dai paesi europei (Francia, Regno Unito, Grecia, Regno Unito della Jugoslavia).

Dall’inizio degli anni 2000 le crisi Russia – Ucraina hanno ridisegnato la mappa delle reti di trasporto degli idrocarburi. Il volume del gas in transito attraverso l’Ucraina è andato gradualmente diminuendo, la sua quota è passata dall’80% a circa il 35% delle consegne di gas russo in Europa, e l’epicentro del transito del gas si è spostato dall’Ucraina alla Turchia, all’Europa sudorientale e alla regione baltica. Ciò è dovuto in parte alla volontà della Russia di bypassare il territorio ucraino, a nord con i gasdotti Nord Stream 1 e 2, e a sud con il TurkStream.

La posizione geografica della Turchia, al crocevia di regioni ricche di idrocarburi (Russia, Asia centrale, Medio Oriente, Mediterraneo orientale) e paesi europei consumatori, ne fa un hub per paesi importatori e produttori. I paesi dell’Europa orientale e sud-orientale sono al centro delle lotte per l’influenza e della competizione tra i progetti europei e russi.

Infine il 70% dei potenziali giacimenti di gas naturale del Mar Nero sarebbe concentrato su due siti: “Neptune Deep” e “Trident”, situati nella Zona Economica Esclusiva (ZEE) intorno alla Crimea.

Sotto il profilo geopolitico negli ultimi anni la regione ha assistito a una recrudescenza di tensioni e nuove rivalità che hanno portato a un deterioramento della stabilità regionale.

L’annessione illegale della Crimea nel 2014 e il conflitto aperto nel Donbass hanno permesso alla Russia di rafforzare la sua presa militare su questo spazio dove sentiva che la sua influenza stava diminuendo dalla fine dell’Urss. Questa percezione è stata rafforzata dall’allargamento della Nato a Romania e Bulgaria nel 2004, poi dal riconoscimento nel 2008 delle aspirazioni euroatlantiche della Georgia e dell’Ucraina al vertice di Bucarest.

Le tensioni all’indomani dell’incidente avvenuto nel novembre 2018 tra la Marina russa e quella ucraina nel Mar d’Azov, collegata al Mar Nero dallo stretto di Kerch, sottolineano l’importanza dello spazio del Mar Nero per la Russia.

Infatti il Mar Nero è un’area privilegiata in cui la Russia è in grado di esercitare e proiettare la propria proiezione di potenza marittima, soprattutto dal suo intervento in Siria nel settembre 2015. Nel contesto del Mar Nero è centrale l’infrastruttura militare di Sebastopoli.

Due quindi sono le posture politiche che si fronteggiano: da un lato quella degli Usa e della Nato che non accettano — anzi che non hanno mai accettato — la proiezione di potenza marittima russa e dall’altro lato la Russia legge le attività militari occidentali nel Mar Nero come un tentativo di minacciare l’egemonia russa a livello marittimo.

Nello specifico, il ministero della Difesa russo interpreta la presenza di aerei e navi statunitensi che si avvicinano regolarmente ai propri confini simulando occasionalmente attacchi missilistici come una minaccia permanente ed inaccettabile alla sovranità russa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore