skip to Main Content

Niger

Cosa combina la Russia in Niger?

La Russia ha inviato in Niger istruttori militari, un sistema di difesa aerea e attrezzature varie. Mosca rafforza la sua presenza nell'Africa occidentale. L'articolo di Giuseppe Gagliano.

Istruttori militari russi sono arrivati in Niger con un sistema di difesa aerea e altre attrezzature come parte del rafforzamento dei legami di sicurezza del paese dell’Africa Occidentale con Mosca, secondo quanto riportato dai media statali.

LA COOPERAZIONE TRA NIGER E RUSSIA

Il governo militare del Niger aveva concordato a gennaio di intensificare la cooperazione militare con la Russia, dopo aver espulso le forze francesi che aiutavano a combattere le ribellioni armate in diverse nazioni del Sahel.Tele Sahel, un’emittente del Niger, ha mostrato l’arrivo di un aereo di trasporto russo all’aeroporto di Niamey, annunciando giovedì sera che “le ultime attrezzature militari e gli istruttori” del Ministero della Difesa russo erano atterrati nella capitale. La Russia aiuterà a “installare un sistema di difesa aerea… per garantire il controllo completo del nostro spazio aereo”, ha riferito il servizio.

La Radio Televisione del Niger, gestita dallo stato, ha dichiarato sulla sua pagina Facebook che 100 istruttori militari russi sono arrivati a Niamey. non ci sono stati commenti immediati dalla Russia, che ha cercato di aumentare la sua influenza in Africa, promuovendosi come un paese amico senza un passato coloniale sul continente.

IL RECENTE COLPO DI STATO

Niger, uno dei paesi più poveri del mondo, era stato un partner di primo piano dell’Occidente nella lotta contro i combattenti armati nel Sahel, ma si è rivolto alla Russia dopo un colpo di stato lo scorso luglio che ha rovesciato il presidente eletto Mohamed Bazoum.A marzo, il Niger ha deciso di revocare il suo accordo militare con gli Stati Uniti che permetteva al personale del Pentagono di operare sul suo suolo da due basi, inclusa una base per droni costruita a un costo di oltre 100 milioni di dollari.

Gli Stati Uniti mantengono ancora circa 1.000 soldati in Niger, ma i loro movimenti sono stati limitati dal colpo di stato.Il capo del governo militare, il generale Abdourahamane Tchiani, ha parlato a marzo per telefono con il presidente russo Vladimir Putin per discutere della “cooperazione strategica globale” contro le “minacce attuali”, hanno detto le autorità all’epoca, senza fornire ulteriori dettagli.

Il Niger si è unito ai vicini Mali e Burkina Faso — anch’essi governati da leader militari dopo i colpi di stato — per creare una forza congiunta per combattere le ribellioni armate di lunga durata. La violenza nella regione è peggiorata dai colpi di stato, esacerbando una crisi umanitaria nella regione al confine con il deserto del Sahara. A marzo, più di tre milioni di persone erano sfollate lì, ha detto questa settimana l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni.

DA DOVE ARRIVA L’INTERESSE DELLA RUSSIA: LE RISORSE NATURALI

È ovvio – da un punto di vista strettamente politico – che la presenza della Russia in Niger nasce da ragioni molto precise. In breve quali sono queste motivazioni?

In primo luogo il Niger è uno dei principali produttori mondiali di uranio, una risorsa cruciale per la produzione di energia nucleare. La Russia, avendo una significativa industria nucleare sia per uso civile che militare, potrebbe essere particolarmente interessata a garantirsi un accesso stabile a questa risorsa

In secondo luogo, sebbene la produzione di petrolio in Niger sia relativamente recente e non sia ancora su larga scala come in altri paesi africani, ci sono significativi potenziali di esplorazione. Il gas naturale è anche una risorsa emergente che potrebbe interessare la Russia per diversificare le sue fonti energetiche.

In terzo luogo, oltre all’uranio, il Niger può avere depositi di altri minerali importanti come l’oro e possibili giacimenti non ancora pienamente esplorati di altri minerali strategici.

In generale, dunque, la presenza nel Niger e più ampiamente nel Sahel potrebbe offrire alla Russia vantaggi geopolitici, compresa la possibilità di estendere la propria influenza in un’area strategicamente importante, ricca di risorse naturali, e contrapporsi all’influenza di altre potenze globali come la Francia e gli Stati Uniti. L’interesse della Russia per queste risorse si inserisce in un contesto più ampio di competizione globale per le risorse naturali e il controllo strategico di regioni geopoliticamente rilevanti.

Back To Top