skip to Main Content

Università Tedesca Ricercatori Cinesi

Perché l’Università tedesca di Norimberga stoppa ricercatori cinesi

L'Università Friedrich Alexander di Erlangen-Norimberga (FAU) ha annunciato la sospensione dei ricercatori finanziati dal governo cinese. L'articolo di Giuseppe Gagliano

Una delle principali università della Germania ha sospeso i ricercatori finanziati dal governo cinese, sottolineando le preoccupazioni per la libertà accademica e lo spionaggio industriale.

UNIVERSITÀ TEDESCA SOSPENDE RICERCATORI CINESI

L’Università Friedrich Alexander di Erlangen-Norimberga (FAU) ha annunciato la sospensione dei ricercatori finanziati dal governo cinese nel giugno di quest’anno. Nel comunicare la misura, l’università ha dichiarato che la mossa è stata progettata per proteggere la libertà accademica e la libertà di espressione tra i suoi docenti e il suo personale.

All’inizio di questa settimana, tuttavia, i media tedeschi hanno riportato il contenuto di un’e-mail interna della FAU, che ha espresso preoccupazione per il fatto che lo stato cinese potrebbe utilizzare ricerche finanziate dal governo come spie.

COS’È LA FAU

Fondata in Baviera nel 1743, la FAU è tra le principali università tedesche. Il 1° giugno, è diventata la prima università in Germania a sospendere i ricercatori finanziati dal China Scholarship Council (CSC).

IL RUOLO DEL CHINA SCHOLARSHIP COUNCIL (CSC)

Il CSC è un’unità di sensibilizzazione del Ministero dell’Istruzione cinese, che finanzia il lavoro dei ricercatori cinesi nelle università straniere, fornendo anche borse di studio ai cittadini stranieri che fanno domanda per studiare in Cina.

COME I RICERCATORI CINESI POSSONO OTTENERE LE BORSE DI STUDIO CSC

Nel gennaio 2023, il quotidiano svedese Dagens Nyheter ha riferito che, per diventare destinatari di borse di studio CSC, i cittadini cinesi erano tenuti a impegnarsi a “sostenere [la] leadership del Partito Comunista Cinese […] e ad avere una corretta visione del mondo, una visione della vita e del sistema di valori”.

LA DECISIONE DELLA FAU

Il 1° giugno, la FAU ha annunciato che i metodi di finanziamento del CSC sono in conflitto con la Legge fondamentale tedesca (la Costituzione del paese).

Inoltre, secondo l’Università, i metodi di finanziamento del CSC hanno violato i principi della libertà accademica e della libertà di espressione per la sua facoltà, come praticato in Germania.

Secondo un’e-mail interna della FAU, i funzionari dell’università hanno anche espresso preoccupazione per il fatto che lo stato cinese potrebbe utilizzare i ricercatori CSC per spiare la ricerca scientifica e industriale della FAU e per compromettere la sicurezza dei dati e le pratiche di proprietà intellettuale della FAU.

LA POSIZIONE DEL MINISTRO TEDESCO PER L’ISTRUZIONE

Secondo quanto riferito, la decisione della FAU è stata accolta con il sostegno del ministro tedesco per l’Istruzione, Bettina Stark-Watzinger, che ha affermato che le università e gli istituti di ricerca tedeschi hanno “la responsabilità di proteggersi dalle attività di spionaggio condotte dagli studenti che ricevono borse di studio dal governo cinese”. I media riportano inoltre che altre università in Germania e altrove nell’Europa occidentale stanno considerando di seguire la FAU nella sospensione dei ricercatori cinesi finanziati dal CSC.

Back To Top