Advertisement skip to Main Content

Propaganda

Taiwan pizzica gli spioni cinesi

Che cosa succede fra Taiwan e Cina sulle spie

 

Una settima persona è stata arrestata a Taiwan a seguito di un’indagine più ampia su un giro di spie cinesi che avrebbe fornito a Pechino informazioni militari sensibili. L’esistenza dell’indagine è stata rivelata nel gennaio di quest’anno, quando le autorità taiwanesi hanno annunciato l’arresto di un ufficiale militare in pensione e sei in servizio attivo, tutti accusati di spionaggio per conto della Cina.

Il 6 gennaio di quest’anno, un colonnello dell’aeronautica taiwanese in pensione, identificato solo dal suo cognome, Liu, è stato arrestato per spionaggio. Secondo i documenti del tribunale aperti presso la sede dell’Alta Corte di Taiwan a Kaohsiung, Liu si è ritirato dall’Air Force nel 2013. Poco dopo ha iniziato a fare affari in Cina. È stato durante uno dei suoi viaggi in Cina che Liu sarebbe stato reclutato dal governo cinese. Ha poi svolto operazioni di spionaggio per conto di Pechino per circa otto anni.

Durante le sue attività di spionaggio, Liu avrebbe utilizzato i suoi contatti militari per reclutare sei ufficiali dell’aeronautica e della marina taiwanese in servizio attivo per svolgere attività di spionaggio, in cambio di pagamenti in denaro. I sei ufficiali militari in servizio attivo sono stati arrestati insieme a Liu il 6 gennaio. Nell’aprile di quest’anno, tutti e sette gli individui sono stati formalmente accusati di spionaggio per conto della Cina, in violazione del Classified National Security Information Protection Act di Taiwan.

I pubblici ministeri del governo taiwanese hanno affermato che ogni membro della rete di spionaggio ha ricevuto tra NT $ 200.000 e NT $ 700.000 (circa US $ 6.500-23.000) per aver accettato di spiare per conto di Pechino. In qualità di agente principale, Liu ha ricevuto bonus individuali compresi tra NT $ 30.000 e NT $ 100.000 (US $ 1.000-3.200) ogni volta che ha fornito ai suoi gestori cinesi informazioni raccolte da uno dei membri della rete di spie.

Il 16 agosto, il governo taiwanese ha annunciato che un altro individuo, denominato “ufficiale sul campo”, è stato arrestato perché sospettato di spionaggio per conto della Cina.

Il sospetto è stato identificato solo dal suo cognome, Cheng. Secondo quanto riferito, è stato citato in giudizio presso la sezione dell’Alta corte di Taiwan a Kaohsiung, la stessa corte che lo scorso gennaio ha emesso l’accusa di spionaggio contro gli altri sette sospetti coinvolti nelle indagini sulla rete di spionaggio. A tutti e otto i sospettati è stata negata la libertà su cauzione. Il loro processo non è stato ancora fissato.

Back To Top