Mondo

Pic, 3M, Dettol e non solo: chi sono le aziende che producono mascherine anti virus

di

coronavirus

Esaurite in molte farmacie a Roma e Milano la mascherine protettive. Ecco alcune delle aziende che le producono: 3M, PIC Solution, Honeywell, Dettol e non solo

SERVONO DAVVERO LE MASCHERINE? DIBATTITO TRA ESPERTI

C’è una fabbrica, alla periferia di Shanghai, in cui da diversi giorni si lavora 24 ore su 24 per costruire 40.000 mascherine protettive al giorno. I ritmi di produzione saranno aumentati anche in Italia, nella fabbrica PIC Solution? Forse, quel che è certo è che le mascherine protettive sono andate a ruba anche a Milano e Roma, dove è psicosi virus cinese tra turisti e viaggiatori, racconta l’Ansa.

CORONAVIRUS, COSA SUCCEDE IN ITALIA

MASCHERINE SOLD OUT

Nonostante non si sia verificato alcun caso di coronavirus cinese in Italia, a Roma e Milano sono sold out in diverse farmacie le mascherine protettive. “A richiederle sono soprattutto persone in partenza e dirette in aeroporto, oltre ai turisti. E’ scattata una sorta di psicosi, come già accadde ai tempi della Sars, quando andarono esauriti in breve tempo gli igienizzanti per le mani”, ha fatto sapere Federfarma.

VIRUS CINA, CHE COSA DICE L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’

PIC BRINDA?

La notizia potrebbe far piacere al produttore italiano PIC Solution, società italiana che produce soluzioni per la salute delle vie aeree, per la cura della persona, per una gestione più libera di patologie come ipertensione e diabete. L’azienda è salita alla ribalta nel 1982, con la produzione della prima siringa monouso.

SERVONO DAVVERO LE MASCHERINE? DIBATTITO TRA ESPERTI

IN CINA SI LAVORA H24 PER HONEYWELL E 3M

Se i ritmi italiani sono sconosciuti, sono ben noti invece quelli cinesi. Nella fabbrica di Shanghai Yuanqin Purification Technology Co, si lavora 24 ore su 24 per poter far fronte alla domanda crescente di mascherine. Si producono 40.000 mascherine al giorno per Honeywell, multinazionale americana che opera in diversi settori, fra cui controllo e automazione nel settore industriale o domestico, componenti per il settore aeronautico e automobilistico, materiali speciali ad elevate prestazioni, e 3M, gruppo statunitense presente in tutto il mondo, fondato nel 1902 nel Minnesota, che produce prodotti e soluzioni per il settore industriale, domestico e sanitario.

VIRUS CINESE, CHE COSA DICONO I SINOLOGI. L’ARTICOLO DI ORIOLES

NK95 E N95 LE PIU’ RICERCATE

Se è vero che, in generale, nelle ultime settimane, gli acquisti di mascherine si sono impennati (il sito di e-commerce JD.com ne ha spedite, dal 19 al 22 gennaio, 126 milioni e solo il 22 gennaio le vendite giornaliere di maschere sono aumentate di 48 volte rispetto al mese precedente) è anche vero che quelle più ricercate sono le maschere KN95 e N95, oramai difficili da trovare.

SERVONO DAVVERO LE MASCHERINE? DIBATTITO TRA ESPERTI

I PRODUTTORI: DETTOL E BENEHAL

Tra i produttori della maschera KN95 c’è Dettol, che fa capo alla multinazionale britannica di beni di consumo con sede a Slough, Reckitt Benckiser. Realizza prodotti per la salute, l’igiene e la casa. Quotata in Borsa nel FTSE 100, Reckitt Benckiser guadagna l’1,72% a 6.235.

CORONAVIRUS, COSA SUCCEDE IN ITALIA

Tra i maggiori produttori della maschera N95, invece, c’è Benehal, brand che fa capo a Harkrishan Medicals, società fondata nel 2006 e che si occupa di commercio all’ingrosso, importazione e  rivendita di una vasta serie di prodotti per l’igiene e la salute personale, come le maschera respiratorie.

GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE:

SERVONO DAVVERO LE MASCHERINE? DIBATTITO TRA ESPERTI

CORONAVIRUS, COSA SUCCEDE IN ITALIA

VIRUS CINA, CHE COSA DICE L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’

VIRUS CINA, ECCO GLI EFFETTI SU AZIONI E TASSI. REPORT PICTET

VIRUS CINESE, CHE COSA DICONO I SINOLOGI. L’ARTICOLO DI ORIOLES

ECCO I POTENZIALI CHOC DI MERCATO PER IL CORONAVIRUS. REPORT TEMPLETON

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati