Mondo

Roadmap per una ripresa green post pandemia. L’analisi di Aie

di

Aie investitori energia

Sulla base di un’analisi condotta in collaborazione con Fmi il nuovo rapporto Aie delinea politiche e investimenti incentrati sull’energia per far avanzare il mondo verso un futuro più pulito e più resiliente

I governi potrebbero creare milioni di posti di lavoro e al tempo stesso mettere ‘sotto chiave’ le emissioni di Co2 spendendo una cifra pari a 3 trilioni di dollari, più o meno lo 0,7% del Pil globale, in tre anni come risposta alla crisi innescata dalla pandemia globale. La proposta arriva dall’Agenzia internazionale per l’Energia (Aie) che ha presentato un ‘Piano di Ripresa Sostenibile’ incentrato su una serie di azioni che possono essere intraprese nel triennio per rivitalizzare le economie e dare impulso all’occupazione, rendendo al contempo i sistemi energetici più puliti e resistenti.

Lo Special Report on Sustainable Recovery della serie “World Energy Outlook” dell’Aie, offre ai governi una tabella di marcia del settore energetico per stimolare la crescita economica, creare milioni di posti di lavoro e mettere le emissioni globali in declino strutturale. Integrando le politiche energetiche nelle risposte del governo allo shock economico causato dalla crisi Covid-19, il piano accelererebbe anche la diffusione di tecnologie e infrastrutture energetiche moderne, affidabili e pulite.

ANALISI CONDOTTA CON FMI

In un’analisi condotta in collaborazione con il Fondo Monetario Internazionale, il rapporto mostra che l’insieme delle azioni politiche e degli investimenti mirati nel periodo 2021-2023 che sono delineati nel Piano di ripresa sostenibile può raggiungere una serie di risultati significativi, in particolare: stimolare la crescita economica globale in media di 1,1 punti percentuali all’anno; salvare o creare circa 9 milioni di posti di lavoro all’anno; ridurre le emissioni globali annuali di gas serra legate all’energia di un totale di 4,5 miliardi di tonnellate entro la fine del piano.

I BENEFICI DEL PIANO

Inoltre, il piano apporterebbe altri miglioramenti alla salute e al benessere umano, tra cui la riduzione del 5% delle emissioni di inquinamento atmosferico, l’accesso a soluzioni di cottura pulite per circa 420 milioni di persone nei paesi a basso reddito e l’accesso all’elettricità per quasi 270 milioni di persone.

Il raggiungimento di questi risultati richiederebbe un investimento globale di circa 1 trilione di dollari Usa all’anno nei prossimi tre anni. Questa somma rappresenta circa lo 0,7% del Pil globale odierno e comprende sia la spesa pubblica che la finanza privata che verrebbe mobilitata dalle politiche governative.

BIROL: OPPORTUNITÀ DI RIAVVIARE ECONOMIE ACCELERANDO IL FUTURO

“I governi hanno l’opportunità, una volta nella vita, di riavviare le loro economie e di portare un’ondata di nuove opportunità di lavoro, accelerando al contempo il passaggio ad un futuro energetico più resiliente e più pulito – ha affermato i Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell’Aie -. I responsabili politici devono prendere decisioni estremamente conseguenti in un lasso di tempo molto breve, mentre elaborano pacchetti di stimolo. Il nostro Piano di ripresa sostenibile fornisce loro un’analisi rigorosa e consigli chiari su come affrontare contemporaneamente le grandi sfide economiche, energetiche e climatiche di oggi. Il piano non ha lo scopo di dire ai governi cosa devono fare. Cerca di mostrare loro cosa sono in grado di fare”.

I DETTAGLI DEL PIANO

Sulla base di valutazioni dettagliate di oltre 30 misure specifiche di politica energetica, il Piano di ripresa sostenibile prende in considerazione approcci efficienti in termini di costi, le circostanze dei singoli Paesi, i gasdotti esistenti dei progetti energetici e le attuali condizioni di mercato. Si estende su sei settori chiave – elettricità, trasporti, industria, edifici, carburanti e tecnologie emergenti a basse emissioni di carbonio.

Il nuovo database dell’Aie sull’occupazione energetica mostra che nel 2019 l’industria energetica – tra cui elettricità, petrolio, gas, carbone e biocarburanti – ha impiegato direttamente circa 40 milioni di persone in tutto il mondo. Il rapporto speciale stima che 3 milioni di questi posti di lavoro sono andati persi o sono a rischio a causa degli impatti della crisi Covid-19, con altri 3 milioni di posti di lavoro persi o a rischio in aree correlate come i veicoli, gli edifici e l’industria.

La maggior parte dei milioni di nuovi posti di lavoro creati attraverso il Piano di ripresa sostenibile sarebbe destinata all’ammodernamento degli edifici per migliorare l’efficienza energetica e al settore elettrico, in particolare nelle reti e nelle energie rinnovabili. Le altre aree che vedrebbero una maggiore occupazione includono l’efficienza energetica in settori come l’industria manifatturiera, alimentare e tessile; infrastrutture di trasporto a basse emissioni di carbonio; e veicoli energetici più efficienti e nuovi.

I RISULTATI DEL PIANO SE VENISSE ATTUATO

Recenti analisi dell’AIE hanno dimostrato che l’investimento globale nell’energia è destinato a un crollo senza precedenti del 20% nel 2020, sollevando serie preoccupazioni per la sicurezza energetica e le transizioni di energia pulita. Come risultato del Piano di ripresa sostenibile, il settore energetico globale diventerebbe più resistente, rendendo i Paesi più preparati alle crisi future. Investire nel potenziamento delle reti elettriche, nell’ammodernamento degli impianti idroelettrici, nell’estensione della durata di vita delle centrali nucleari e nell’aumento dell’efficienza energetica migliorerebbe la sicurezza dell’elettricità riducendo il rischio di interruzioni, aumentando la flessibilità, riducendo le perdite e contribuendo all’integrazione di quote maggiori di energie rinnovabili variabili come l’eolico e il solare fotovoltaico. Le reti elettriche, la spina dorsale di sistemi energetici sicuri e affidabili, vedrebbero un aumento del 40% degli investimenti dopo anni di investimenti in calo. Questo li metterebbe su una base più solida per resistere alle calamità naturali, alle intemperie e ad altre potenziali minacce.

EVITARE IL RIMBALZO DELLE EMISSIONI DI Co2

Il Piano di ripresa sostenibile è stato concepito per evitare il tipo di brusco rimbalzo delle emissioni di Co2 che ha accompagnato la ripresa economica dalla crisi finanziaria globale del 2008-2009 e che invece le ha portate al declino strutturale. Il rapporto dell’Aie evidenzia gli aspetti chiave della situazione attuale che la rendono un’opportunità unica per l’azione del governo. Rispetto alla crisi del 2008-2009, i costi delle tecnologie leader nel settore dell’energia pulita come l’eolico e il solare fotovoltaico sono molto più bassi, e alcune tecnologie emergenti come le batterie e l’idrogeno sono pronte a crescere. Le emissioni globali di anidride carbonica si sono stabilizzate nel 2019 e quest’anno sono destinate a un calo record. Se da un lato questo calo, dovuto a un trauma economico, non è nulla da festeggiare, dall’altro fornisce una base da cui partire per mettere le emissioni in declino strutturale.

BIROL:PIANO SARA’ DISCUSSO A SUMMIT AIE DEL 9 LUGLIO

“Questo rapporto espone i dati e le analisi che dimostrano che un futuro energetico più pulito, più equo e più sicuro è alla nostra portata. Il Piano di Recupero Sostenibile farebbe del 2019 il picco definitivo delle emissioni globali, mettendole sulla via del raggiungimento degli obiettivi climatici a lungo termine – ha affermato Birol -. L’Aie sta mobilitando le sue risorse analitiche e il suo potere di convocazione globale per riunire una grande coalizione che comprende i ministri del governo, i principali CEO dell’industria energetica, i principali investitori e altri attori chiave che sono pronti a perseguire una ripresa sostenibile che aiuterà a guidare il mondo su una traiettoria più resiliente. Questo è il motivo per cui il Piano di ripresa sostenibile sarà un elemento chiave che informerà le discussioni al Summit dell’AIE sulle Transizioni per l’Energia Pulita del 9 luglio”.

Il vertice ‘Iea Clean Energy Transitions Summit’ del 9 luglio riunirà i ministri dei paesi che rappresentano l’80% del consumo globale di energia, così come i Ceo dell’industria, i grandi investitori e altri leader chiave del settore pubblico e privato di tutto il mondo. Il dialogo virtuale ad alto livello esaminerà sia le azioni a breve termine per la ripresa sostenibile sia le misure per accelerare l’innovazione delle tecnologie energetiche pulite per raggiungere piani di decarbonizzazione a lungo termine.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati