skip to Main Content

Ecco gli effetti (previsti e imprevisti) del boom elettrico. Report Aie

Aie

La generazione di elettricità basata sui combustibili fossili è destinata a coprire il 45% della domanda aggiuntiva nel 2021 e il 40% nel 2022, con l’energia nucleare che rappresenta il resto. Di conseguenza, le emissioni di CO2 del settore elettrico sono previste in aumento secondo Aie

Le energie rinnovabili si stanno espandendo rapidamente, ma non abbastanza per soddisfare il forte rimbalzo della domanda globale dell’elettricità quest’anno, con un conseguente forte aumento dell’uso del carbone che rischia di spingere le emissioni di anidride carbonica dal settore elettrico a livelli record il prossimo anno. È quanto evidenzia un nuovo rapporto dell’Agenzia Internazionale dell’Energia.

LA MAGGIOR PARTE DELL’AUMENTO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITÀ DOVREBBE PROVENIRE DALLA REGIONE ASIA-PACIFICO

Dopo un calo di circa l’1% nel 2020 a causa degli impatti della pandemia Covid-19, la domanda globale di elettricità è destinata a crescere di quasi il 5% nel 2021 e del 4% nel 2022 – guidata dalla ripresa economica globale – secondo l’ultima edizione del rapporto semestrale dell’AIE sul mercato dell’elettricità. La maggior parte dell’aumento della domanda di elettricità dovrebbe provenire dalla regione Asia-Pacifico, principalmente da Cina e India.

RINNOVABILI IN GRADO DI SODDISFARE SOLO LA METÀ DELL’AUMENTO DI DOMANDA 2021-2022

Sulla base delle attuali policy e delle tendenze economiche, la produzione di elettricità da fonti rinnovabili – tra cui l’energia idroelettrica, eolica e solare fotovoltaica – è sulla buona strada per crescere fortemente in tutto il mondo nei prossimi due anni – dell’8% nel 2021 e di oltre il 6% nel 2022. Ma anche con questa forte crescita, le rinnovabili saranno in grado di soddisfare solo circa la metà del previsto aumento della domanda globale di elettricità in quei due anni, secondo il nuovo rapporto dell’Aie.

EMISSIONI DI CO2 NEL SETTORE ELETTRICO IN AUMENTO DEL 3,5% NEL 2021

La generazione di elettricità basata sui combustibili fossili è destinata a coprire il 45% della domanda aggiuntiva nel 2021 e il 40% nel 2022, con l’energia nucleare che rappresenta il resto. Di conseguenza, le emissioni di CO2 del settore elettrico – che sono diminuite sia nel 2019 che nel 2020 – sono previste in aumento del 3,5% nel 2021 e del 2,5% nel 2022, il che le porterebbe a un massimo storico.

La crescita delle rinnovabili ha superato la crescita della domanda solo in due anni: 2019 e 2020. Ma in quei casi, era in gran parte dovuto a una domanda eccezionalmente lenta o in calo.

SEDAMORI (AIE): OCCORRE AUMENTARE GLI INVESTIMENTI IN TECNOLOGIE ENERGETICHE PULITE

“L’energia rinnovabile sta crescendo in modo impressionante in molte parti del mondo, ma non è ancora dove deve essere per metterci su un percorso per raggiungere emissioni nette zero entro la metà del secolo – ha detto Keisuke Sadamori, direttore dell’Aie per i mercati energetici e la sicurezza -. Mentre l’economia si riprende dopo la pandemia, abbiamo visto un’impennata nella produzione di energia elettrica dai combustibili fossili. Per passare a una traiettoria sostenibile, abbiamo bisogno di aumentare massicciamente gli investimenti in tecnologie energetiche pulite – specialmente le rinnovabili e l’efficienza energetica”.

Nel percorso stabilito nella recente tabella di marcia dell’Aie verso Net Zero entro il 2050, quasi tre quarti delle riduzioni delle emissioni globali tra il 2020 e il 2025 avvengono nel settore elettrico. Per raggiungere questo declino, il percorso richiede che la produzione di elettricità da carbone diminuisca di oltre il 6% all’anno.

PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DA CARBONE DESTINATA AD AUMENTARE. LA GENERAZIONE A GAS, CHE È DIMINUITA DEL 2% NEL 2020, DOVREBBE AUMENTARE DELL’1% NEL 2021 E DI QUASI IL 2% NEL 2022.

Tuttavia, la produzione di elettricità da carbone è destinata ad aumentare di quasi il 5% quest’anno e di un ulteriore 3% nel 2022, raggiungendo potenzialmente un massimo storico, secondo l’Electricity Market Report. La generazione a gas, che è diminuita del 2% nel 2020, dovrebbe aumentare dell’1% nel 2021 e di quasi il 2% nel 2022. La crescita del gas è inferiore a quella del carbone perché gioca un ruolo minore nelle economie in rapida crescita della regione Asia-Pacifico e deve affrontare la concorrenza delle energie rinnovabili in Europa e Nord America.

Dall’ultimo rapporto dell’Aie sul mercato dell’elettricità nel dicembre 2020, il freddo estremo, il caldo e la siccità hanno causato gravi tensioni e interruzioni nei sistemi elettrici di tutto il mondo – in paesi che vanno dagli Stati Uniti e dal Messico alla Cina e all’Iraq. In risposta, l’Aie sta mettendo a punto una scala di eventi per la sicurezza dell’elettricità per tracciare e classificare le principali interruzioni di corrente, in base alla durata dell’interruzione e al numero di clienti colpiti. La crisi energetica del Texas a febbraio, dove milioni di clienti sono rimasti senza corrente fino a quattro giorni a causa del tempo gelido, è stata assegnata la valutazione più grave su questa scala.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore