skip to Main Content

Giuseppe Conte: le amicizie, il pensiero politico e il curriculum completo del prof. indicato come premier da Di Maio e Salvini

Il giurista che insegna anche alla Luiss di Confindustria e fa parte tra l’altro della commissione Cultura della confederazione degli industriali, oltre ad avere rapporti solidi con i vertici del Vaticano, è il nome che Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle e la Lega di Matteo Salvini hanno fatto al capo dello Stato, Sergio Mattarella, per la carica di presidente del Consiglio

Quando il nome Giuseppe Conte alcuni giorni fa è balzato agli onori delle cronache come possibile premier di un governo giallo-verde, Matteo Renzi l’ha fulminato con una battuta: «Il M5S vuole fare premier Conte l’amico di Maria Elena Boschi?».

Finora, però, Conte ha operato dietro le quinte dei Cinque stelle: pochi avevano sentito parlare di Giuseppe Conte fino a quando Luigi Di Maio in campagna elettorale lo ha presentato come futuro ministro dei cinque stelle per la Pubblica Amministrazione.

Tanto stretto il suo rapporto con il leader del M5s che Di Maio gli ha dato l’incarico di scrivere il programma elettorale sulla giustizia e lo ha ingaggiato come suo legale di fiducia.

(CHE COSA PENSA CONTE DI STAMINA, CORRUZIONE, LEGALITA’ E DIPENDENTI STATALI)

DOVE È NATO

Nato a Volturara Appulla, un piccolo centro in provincia di Foggia, 54 anni, sposato e poi separato, un figlio di dieci anni, Conte vive a Roma, dove è il titolare di un grande studio legale, e insegna a Firenze diritto privato.

DOVE HA STUDIATO

Il suo curriculum accademico riempie parecchie pagine: laurea in Giurisprudenza all’Università di Roma, poi una sfilza di master e perfezionamenti in giro per il mondo (Yale, Vienna, Sorbona, New York University).

DOVE SI È PERFEZIONATO

Laureato in Giurisprudenza alla Sapienza col massimo dei voti (tesi con Giovanni Battista Ferri, di cui diventa assistente), ha perfezionato gli studi a Yale, Pittsburgh, Vienna, fino alla Sorbona di Parigi e alla britannica Cambridge.

(CHE COSA PENSA CONTE DI STAMINA, CORRUZIONE, LEGALITA’ E DIPENDENTI STATALI)

I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI

Nel 1988 (l’anno della laurea), era già stato inserito nella commissione istituita a Palazzo Chigi per la riforma del codice civile. Non si contano le collaborazioni con riviste giuridiche, università di paesi stranieri, i libri e gli articoli pubblicati.

IL CUORE A SINISTRA

Il cuore a sinistra, è pupillo del professor Guido Alpa, con cui condivide lo studio a Roma, ha scritto Repubblica: “Era con lui anche venerdì scorso a un convegno de La Sapienza dedicato alla figura di Stefano Rodotà, il giurista che i 5 stelle avevano indicato per il Colle cinque anni fa”.

IL CUORE A 5 STELLE

Prima del colpo di fulmine per i cinque stelle, Conte è stato un elettore della sinistra: “In passato ho votato a sinistra. Oggi penso che gli schemi ideologici del ‘900 non siano più adeguati. Credo sia più importante valutare l’operato di una forza politica in base a come si posiziona sul rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali. E sulla sua capacita’ di elaborare programmi utili ai cittadini”.

(CHE COSA PENSA CONTE DI STAMINA, CORRUZIONE, LEGALITA’ E DIPENDENTI STATALI)

L’AMICIZIA CON BONAFEDE

Arrivato al Movimento attraverso il fedelissimo di Di Maio, Alfonso Bonafede, il professore, avvocato civilista, fu indicato nel 2013 dai 5 stelle al Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa ma – fanno sapere dal M5S vantandone la correttezza – «si è dimesso subito dopo aver accettato la candidatura come nostro ministro della Pubblica amministrazione. E non era scontato».

LE PRIME IDEE

Per avere un’idea del suo orientamento, è sufficiente dare un’occhiata alle sue dichiarazioni durante la presentazione della squadra di governo cinque stelle: “Primo: bisogna drasticamente abolire le leggi inutili, che sono molte più delle 400 indicate da Luigi Di Maio. Secondo: bisogna rafforzare la normativa anti-corruzione prevedendo quelle iniziative che si muovono nello spazio oscuro che precede la corruzione. Terzo: bisogna rivedere, pressoché integralmente, la riforma della cattiva scuola”.

I RAPPORTI CON IL VATICANO

Devoto di Padre Pio e non solo.”Nel suo ateneo di Firenze gira la voce (non confermata) che sia soprannumerario dell’Opus Dei – scrive oggi il Fatto Quotidiano – di certo però dal 1992 cura per il Collegio universitario “Villa Nazareth” di Roma scambi di relazioni culturali con le università straniere, in particolare americane; non a caso è membro del cda del Cardinal Tardini Charitable Trust con sede a Pittsburgh. E’ lì, dicono in Vaticano, che Conte strinse un legame che ancora dura con l’attuale segretario di Stato, Pietro Parolin, diretto del convitto tra il 1996 e il 2000″.

(CHE COSA PENSA CONTE DI STAMINA, CORRUZIONE, LEGALITA’ E DIPENDENTI STATALI)

CHE COSA SCRIVE ITALIA OGGI

Spulciando il Cv di Conte – ha scritto Antonino D’Anna su Italia Oggi – “si legge che ha insegnato all’università San Pio V, istituto indicato come teocon vicino a Joseph Ratzinger, ed è anche membro del Board of Trustees (consiglio d’amministrazione) del Cardinal Tardini Charitable Trust, sede a Pittsburgh (South Side), Pennsylvania, Usa. È una struttura fondata negli anni ’90 da una costola della Fondazione Comunità Domenico Tardini Onlus (qui Conte è membro del Comitato scientifico), istituzione voluta dal Cardinale Domenico Tardini, che fu Segretario di Stato di Giovanni XXIII e grande diplomatico, per una formazione umana e cristiana”.

I RAPPORTI CON DI MAIO

Di Maio lo ha conosciuto dopo la sua nomina al Cpga e da allora assicura chi li conosce entrambi – è partito un dialogo proficuo. È stato lui a occuparsi dell’istruttoria che ha destituito il consigliere di Stato Francesco Bellomo, accusato di vessazioni e rapporti impropri con le studentesse dei suoi corsi, dopo un lunghissimo interrogatorio la cui trascrizione occupa 200 pagine ha ricordato Repubblica. Così com’è stato lui a bocciare la candidatura al Consiglio di Stato di Antonella Manzione, capo dei vigili urbani di Firenze e dell’ufficio legislativo di Palazzo Chigi con Renzi, per le «non elevate qualità professionali». Amico dunque di Boschi ma non di Renzi?

(CHE COSA PENSA CONTE DI STAMINA, CORRUZIONE, LEGALITA’ E DIPENDENTI STATALI)

Malevolenze a parte, ecco il curriculum completo di Conte e prima gli approfondimenti di Start Magazine sul programma M5S-Lega:

UTTI GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE SUL PROGRAMMA M5S-LEGA:

ECCO IL PROGRAMMA COMPLETO E DEFINITIVO

ECCO QUANTO COSTA IL PROGRAMMA DI DI MAIO E SALVINI. I CONTI DI COTTARELLI

VI SPIEGO PREGI, DIFETTI E INCOGNITE DELLA FLAT TAX STILE DI MAIO-SALVINI. PARLA ZANETTI

TUTTI I DETTAGLI SULLA WEB TAX SUI COLOSSI STRANIERI DEL TURISMO

COME SARA’ LA POLITICA ESTERA M5S-LEGA SECONDO IL PROF. DOTTORI

PENSIONI, CHE COSA C’E’ SCRITTO NELLA BOZZA DI PROGRAMMA DI MAIO-SALVINI

ALITALIA, MPS, ILVA, LEONARDO-FINMECCANICA. TUTTI GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA M5S-LEGA

FLAT TAX, SIGARETTE, IVA E NON SOLO. TUTTO IL CAPITOLO FISCALE DEL PROGRAMMA

TUTTI I DETTAGLI DEL PROGRAMMA GIALLO-VERDE SULLA GREEN ECONOMY

CDP E DEBITO PUBBLICO, COSA SI FARA’ E COSA NON SI FARA’

COME DI MAIO E SALVINI INCENTIVERANNO L’ACQUISTO DELLE AUTO ELETTRICHE

 

ECCO LA BIOGRAFIA COMPLETA DI CONTE

Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l’Università “La Sapienza” di Roma (1988) con votazione 110/110 cun laude.
Borsista presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) negli anni 1992-1993.
Perfezionamento studi giuridici presso: Yale University (New Haven, USA, 1992), Duquesne University (Pittsburgh, USA, 1992), International Kultur Institut (Vienna, 1993), Université Sorbonne (Parigi, 2000), Girton College (Cambridge, Regno Unito, 2001), New York University (New York, USA, 2008 e 2009).

 

Insegnamento di corsi ufficiali, corsi integrativi e seminari in materia di diritto civile e commerciale presso: Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma Tre (1996-97 e 1997-98), Facoltà di Giurisprudenza dell’Università “Lumsa” di Roma (1996-97 e 1997-98), Università di Malta (1997), Facoltà di Economia dell’Università “S. Pio V” di Roma (2002-03 e 2003-04), Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Sassari (1997-98 e 1999-00).
Nel 2000 conseguimento dell’idoneità a professore associato di Diritto privato.
Nel 2002 conseguimento dell’idoneità a professore ordinario di Diritto privato.
Avvocato patrocinante in Cassazione, iscritto all’Ordine degli avvocati del Foro di Roma, con studio in Roma, piazza B. Cairoli n. 6;

ATTIVITÀ DIDATTICHE

Attualmente professore ordinario di Diritto privato I e Diritto privato II nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Firenze e docente di Diritto privato nella Facoltà di Economia dell’Università “Luiss” di Roma.
Dal 2006 responsabile scientifico dei corsi “Giurista d’impresa”, organizzati dalla Luiss Business School.
Dal 2006 condirettore dei Corsi di perfezionamento e specializzazione in “Il nuovo diritto delle telecomunicazioni”, tenuti dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Firenze e patrocinati dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

ATTIVITÀ DI RICERCA

Nel 1998 nominato membro della “Commissione per la riforma del primo libro del codice civile”, istituita presso la Presidenza del Consiglio dei ministri al fine di introdurre una omogenea disciplina giuridica degli enti non profit e dell’impresa sociale nel primo libro del codice civile.
Membro dell’Association Henri Capitant des amis de la culture juridique française.
Membro del Board of Trustees del Cardinal Tardini Charitable Trust, con sede in Pittsburgh, Pennsylvania, U.S.A.
Componente, per l’Italia, quale rappresentante degli stakeholders, del gruppo di lavoro sul diritto contrattuale europeo (CFR-net) costituito presso la Commissione Europea-DGSanco ai fini dell’unificazione del diritto contrattuale.
Componente dell’European Contract Group istituito presso il CCBE.
Componente del Social Justice Group.
Membro del Board of Trustees della John Cabot University.
Membro dell’International Academy of Commercial and Consumer Law.
Componente del Comitato scientifico della rivista bimestrale “Diritto e formazione”, istituita dal Consiglio nazionale forense per la formazione e l’aggiornamento degli avvocati.
Componente dell’Editorial Advisory Board della rivista European Business Law Review.
Senion Fellow del Centre for Corporate and Financial Law dell’Institute of Advanced Legal Studies di Londra.
Componente del Consiglio di sezione “Attività culturali” della Scuola Superiore dell’Avvocatura istituita presso il Consiglio Nazionale Forense.
Componente del Consiglio Direttivo della Scuola di specializzazione per le professioni legali dell’Università degli Studi di Firenze.
Socio fondatore dell’Associazione denominata “Osservatorio sugli effetti economici della legislazione”, costituita nel 2008 per approfondire i riflessi economici dei più significativi provvedimenti legislativi.

ALTRE INFORMAZIONI

Condirettore della nuova collana dell’editore Laterza dedicata ai “Maestri del diritto”.
Attività di consulenza legale e di assistenza giudiziale a favore di varie Gestioni liquidatorie e di Gestioni commissariali di grandi imprese ammesse ai benefici della c.d. legge Marzano (d.l. n. 347/2003 conv. in l. n. 39/2004).
Componente dei Comitati di sorveglianza delle seguenti imprese assicurative in liquidazione coatta amministrativa: Peninsulare S.p.a.; Concordia s.p.a.; Unica Assicurazioni s.p.a.
Designato, nel 2009, a far parte della Commissione di consulenti ed esperti giuridici istituita per riformare la disciplina dell’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi.
Designato, nel 2008, a far parte della Commissione Cultura istituita presso Confindustria.

ELENCO PUBBLICAZIONI

Autore di varie pubblicazioni, tra cui:

Il volontariato. Libertà dei privati e mediazione giuridica dello Stato, Roma, 1996, pp. 1-269;
L’uniformazione della disciplina giuridica della risoluzione per inadempimento e, in particolare, dell’anticipatory breach dei contratti, in Europa e diritto privato, 1998, pp. 463-492;
Diritto dell’interessato e obblighi di sicurezza, in La disciplina del trattamento dei dati personali, a cura di V. Cuffaro e V. Ricciuto, Torino, 1998, pp. 225-266;
Commento all’art. 24 – Casi di inapplicabilità, in Commentario al testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, a cura di G. Alpa e F. Capriglione, t. II, Padova, 1998, pp. 1143-1147;
Gli enti senza scopo di lucro, in Nuovi temi di diritto privato, a cura di V. Ricciuto, Napoli, 1999, pp. 245-268;
La simulazione, in I contratti in generale – Nuova edizione, a cura di G. Alpa e M. Bessone, in Nuova giur. sist. dir. civ. e comm. fondata da W. Bigiavi, Torino, 1999, tomo I;
La simulazione del matrimonio nella teoria del negozio giuridico, Padova, 1999, pp. 1-417;
L’accesso alla tutela inibitoria cautelare tra le ragioni dei consumatori e le esigenze di coerenza del “sistema”, in Nuova giur. civ. comm., 1999, pp. 255-272;
Associazioni – Legge 11 agosto 1991, n. 266 – Legge-quadro sul volontariato, in Comm. breve al Codice Civile – Leggi complementari, tomo I, Padova, 1999, pp. 202-213;
Giurisprudenza della Corte costituzionale, in Codice del consumo e del risparmio, a cura di G. Alpa, Milano, 1999, pp. 6 ss.;
La donazione, il concetto, la gratuità, la liberalità, in Trattato sulla donazione a cura di G. Bonilini, vol. I, Torino, 2000;
Sul diritto del coniuge divorziato a una quota dell’indennità di fine rapporto spettante all’altro coniuge, in Giur. it., 2000;
Le regole della solidarietà, Roma, 2001, pp. 1-420;
La disciplina della invalidità delle deliberazioni assembleari, in Contratto e impresa, 2003;
Commento alla Legge 11 agosto 1991, n. 266 – Legge-quadro sul volontariato, in Commentario breve al codice civile-Leggi complementari, a cura di G. Alpa e P. Zatti, tomo I, IV ed., Padova, 2003, pp. 229-245;
I limiti dell’autonomia privata nei rapporti coniugali: accordo di separazione, controllo giudiziale e simulazione, in Fam. e dir., 2004;
Mercato globale e responsabilità sociale delle imprese, in AA.VV., Diritto pubblico e diritto privato nella formazione del mercato unico, Giuffrè, Milano, 2005, pp. 311-332;
Codici etici e attività di impresa nel nuovo spazio globale di mercato, in Contratto e impresa, n. 1, 2006, pp. 108-140 e in Codici deontologici e autonomia privata, a cura di G. Alpa e P. Zatti, Giuffrè, Milano, 2006, pp. 431-472;
Tra vocazione lucrativa e responsabilità sociale: il dibattito sugli scopi e sulla responsabilità dell’impresa, in Diritto privato europeo, a cura di G. Alpa, Cedam, Padova, 2007, pp. 577 ss.;
I nuovi paradigmi della ricerca giuridica ed economica nell’epoca della globalizzazione, in Finanza impresa e nuovo umanesimo, a cura di F. Capriglione, Cacucci, Bari, 2007, pp. 139 ss.;
I rapporti personali tra coniugi, in Trattato di diritto di famiglia diretto da Gilda Ferrando, vol. I, Zanichelli, Bologna, 2007;
Riflessioni sul progetto di Common frame of reference e sulla revisione dell’acquis communautaire (insieme a G. Alpa), in Riv. dir. civ., 2008, pp. 141-178;
Diritto ed economia tra regole del mercato e prospettive assiologiche di valutazione, in Studi in onore di Giuseppe Benedetti, vol. I, E.S.I., Napoli, 2008, pp. 425-446;
Vincoli giuridici, princìpi economici e valori etici nello svolgimento dell’attività di impresa, in (Scritti in onore di Nicolò Lipari, Giuffrè, Milano, 2008, pp. 483 ss. e ora in) Contratto e impresa, n. 3, 2009, pp. 679-726;
Il contratto di donazione tra liberalità e gratuità, in Trattato di diritto delle successioni e donazioni diretto da Giovanni Bonilini, vol. VI, Le donazioni, Giuffrè, Milano, 2009, pp. 3-90;
L’eredità della «modernità giuridica». In margine a un recente volume di Paolo Grossi sulla storia giuridica europea, in Riv. trim. dir. proc. civ., fasc. 1, 2009, pp. 371-392;
Il difficile equilibrio tra l’essere e l’avere: alcune considerazioni critiche sulla nuova configurazione del danno non patrimoniale, in Giur. it., aprile 2009, pp. 1030-1037;
La costruzione del diritto dei consumatori (insieme a G. Alpa e L. Rossi Carleo), in Tratt. di diritto europeo, Giappichelli, Torino, 2009, pp. 1-121;
Alcune riflessioni sulla formazione professionale dell’avvocato nel contesto globale e sul suo carattere “specialistico”, in Diritto e formazione, n. 4/2009, pp. 638-645;
Sulla riforma del diritto societario del Regno Unito e sul rapporto tra case law e statutory law, in Riv. dir. comm., 2009, pp. 455-483.
Ho curato il Libro I e il Libro II del Codice civile commentato, a cura di G. Alpa e V. Mariconda, Ipsoa Editore, 2005 (in tale opera ho anche specificamente commentato gli artt.: 36-38, 769-773, 783, 1343-1345 c.c.).

Ho coordinato gli artt. 283-304 e commentato l’art. 293 del Codice delle assicurazioni private. Commentario al d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209 diretto da F. Capriglione, vol. III, t. II, Cedam, Padova, 2007.

Ho curato, per i tipi di Laterza, il volume collettaneo dal titolo: La responsabilità sociale delle imprese, Laterza, Bari-Roma, 2008 (con contributi di: Guido Alpa, Antonio Baldassarre, Giorgio Oppo, Antonino Buonocore, Fabio Gobbo, Francesco Favotto, Francesco Capriglione, Luciano Hinna, Stefano Grassi, Riccardo Del Punta).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore