Mondo

Deutsche Bank e non solo. Ecco magagne e salvataggi delle banche tedesche svelati da un prof. tedesco

di

In Germania c’è un economista esperto di banche che ha un sospetto, anzi una certezza: “La simbiosi fra politici tedeschi e istituti di credito locali e regionali ha spinto il ministero delle Finanze a convincere i regolatori tedeschi a una certa benevola distrazione mentre le banche assumevano rischi sempre più scriteriati“.

E‘ quello che scrive oggi Federico Fubini sul “Corriere Economia”, dorso del lunedì del Corriere della Sera su economia e finanza.

L’economista in questione si chiama Martin Hellwig, 69 anni, autore di una ricerca in corso di pubblicazione intitolata “La Germania e la crisi finanziaria 2007-2017“.

“Le conclusioni non sono uno scoop solo perché Hellwig non ha disseppellito chissà quali documenti segreti, ha solo messo in ordine informazioni esistenti”, scrive Fubini.

Secondo le stime dell’economista tedesco, dopo interventi pubblici per oltre 250 miliardi di euro per finanziare dei salvataggi, il costo totale delle crisi bancarie per il contribuente tedesco è di oltre 70 miliardi di euro. Hellwig fa anche notare che questo costo sarebbe stato più alto se non fossero arrivati i salvataggi indiretti con denaro di altri governi, aggiunge l’editorialista del Corsera.

Quello del governo americano a favore di Aig ha tutelato l’esposizione di Deutsche Bank sull’assicuratore americano. Quindi i pacchetti di salvataggio europei a Grecia (2010), Irlanda (2010) e Spagna (2012) hanno indirettamente aiutato le banche tedesche nel complesso esposte su quei 3 Paesi per centinaia di miliardi di euro.

Questi pacchetti, per la parte Ue dell’intervento, furono finanziati al 70% da governi diversi da quello di Berlino. Le conclusioni di Hellwig non fanno sconti, scrive il Corsera: “Senza l’aiuto pubblico indiretto in queste situazioni, le perdite delle banche – e probabilmente anche l’esigenza di un aiuto diretto da parte dei contribuenti tedeschi – sarebbe stato anche maggiore di quanto sia stato nella realtà“.

In Germania invece non è mai andata veramente così. Hellwig nota che i creditori sono stati sempre integralmente tutelati, anche quelli esposti su titoli subordinati, ad un alto costo per i contribuenti. E aggiunge che il governo ha preferito stendere un velo sui dissesti di molte banche.

“Al contrario degli Stati Uniti, dell’Islanda, della Gran Bretagna, o della Svizzera (e a questo punto potremmo aggiungere anche dell’Italia, ndr), la Germania non ha mai avuto un’indagine sulla crisi e le sue cause da parte di una commissione indipendente. L’accordo di coalizione del nuovo governo nel 2009 prevedeva che una tale commissione fosse creata, ma quel piano non venne mai attuato“.

Eppure in Germania non sono mancati, oltre alla crisi di Deutsche Bank – veri e propri dissesti come le banche pubbliche regionali WestLB, Hsh Nordbank, SachsenLB, Landesbank Baden-Wuttermberg, Hypo Real Estate o di Commerzbank e Dresdner Bank.

Il perché della “dimenticanza“? Risposta di Fubini sulla base dello studio dell’economista tedesco: “Al governo servivano (e servono) nel Bundesrat i voti dei politici regionali, legati alle banche del loro territorio”.

APP Intesa Sanpaolo Mobile SNAM

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati