Mondo

Cosa succederà alle megalopoli dopo la pandemia

di

Brexit megalopoli

È possibile che la corsa magica delle megalopoli stia per finire? Ci sono motivi per preoccuparsi. Covid-19 ha colpito le città più eccitanti e globali. Ecco come secondo l’Economist

Fino a poco tempo fa le grandi città erano inarrestabili, scrive The Economist. Anno dopo anno luoghi come New York, Londra e Parigi sono diventati sempre più ricchi e affollati. Dall’inizio del secolo si sono scrollate di dosso un crash delle dotcom, una crisi finanziaria, attacchi terroristici e populismo politico causati in parte dal risentimento per la loro prosperità e arroganza. È possibile che la loro corsa magica stia per finire? Ci sono motivi per preoccuparsi. Covid-19 ha colpito le città più eccitanti e globali.

Con il 3% della popolazione americana, New York ha subito il 19% dei decessi attribuiti alla malattia . Un decesso francese su quattro è avvenuto a Parigi e nella sua regione. Anche se le restrizioni di viaggio internazionali e la paura di un’infezione persisteranno: Londra è occupata solo per il 15% come al solito. Il virus ha attaccato il nucleo di ciò che rende queste città vibranti e di successo. Prosperano non tanto per quello che fanno per le imprese, ma perché riuniscono persone di talento. Gli americani nelle città con più di un milione di abitanti sono il 50% più produttivi rispetto a quelli di altre città. Ma vedere affollare la gente negli uffici e nei bar ora sembra irresponsabile. E, a differenza di quando l’influenza spagnola ha colpito un secolo fa, molti lavoratori hanno alternative. La gente sta imparando a lavorare da casa; alcuni hanno scoperto che gli piace. Facebook, fino a poco tempo fa un grande costruttore di uffici, ha annunciato che permetterà a molti dipendenti di continuare a lavorare a distanza anche dopo che il virus sarà stato eliminato. I mercati delle proprietà commerciali e residenziali potrebbero crollare con il trasferimento dei posti di lavoro fuori dalle città, anche se solo per una parte della settimana. I negozi e i caffè delle strade principali rischiano di fallire quando si adeguano al taglio degli impiegati, dei turisti e degli studenti. Se perdono persone, anche le città andranno incontro a un crollo fiscale. Il loro reddito da cose come le tasse degli alberghi e le tariffe degli autobus è evaporato. L’ufficio indipendente per il bilancio di New York riporta “un’assoluta depressione e incertezza” e teme che il gettito fiscale possa diminuire di 9 miliardi di dollari nei prossimi due anni fiscali. Il grande pericolo è che le città entrino in una spirale di tagli al budget, di servizi che si deteriorano, di criminalità in aumento e di voli della classe media. Sarebbero di nuovo gli anni Settanta. Eppure le città sono più forti e più resistenti di quanto sembrino. Come per tante altre cose, il destino delle città dipende dallo sviluppo di trattamenti e vaccini. Ma la loro magia non può essere tessuta da lontano con la facilità che alcuni suppongono.

Le città rimangono preziose come luoghi dove le persone possono costruire reti e imparare a collaborare. I cervelloni che ora si collegano alle riunioni di Zoom  dai cottage di campagna possono fare il loro lavoro perché hanno formato relazioni e assorbito culture negli uffici delle aziende. Le loro teste sono ancora in città, anche se i loro piedi non lo sono. Anche un ufficio socialmente distante e mezzo pieno è essenziale per insegnare ai nuovi assunti come funziona un’azienda. Se gli uffici facilitano le chiacchiere e i pettegolezzi, funzionano bene.

Le risposte alle e-mail possono essere fatte da casa. La speranza è che, anche se i banchieri e i programmatori smettono di venire in città, le città si adegueranno. I giovani, che sono meno a rischio di covid-19 e meno preoccupati dalla criminalità, potrebbero scoprire improvvisamente che la vita nella grande città è di nuovo accessibile. Per incoraggiare questo, le città devono correre da sole per l’era post-covid. Sono già alle prese con il modo di spostare milioni di persone quando nessuno vuole infilarsi su autobus e treni affollati.

Alcune hanno piani audaci per ampliare le reti di piste ciclabili. Questo è incoraggiante. Ma le città che temono che i pendolari lascino  i treni e gli autobus per le auto private, intasando le strade, farebbero ancora meglio a gestire la domanda con prezzi più alti per l’accesso e i parcheggi. Le città hanno anche bisogno di maggiore autonomia. Lo sfortunato sindaco di New York, Bill de Blasio, è stato una cattiva pubblicità per un governo locale potente. Ma la risposta del coronavirus di Seoul, che batte il mondo, è stata organizzata in gran parte dal governo metropolitano e dai funzionari locali. Al contrario, il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha dovuto fare pressione sul governo nazionale per insistere sulle maschere facciali sui mezzi pubblici.  I governi nazionali e gli stati dovranno convincersi che  le città abbiano più potere. Le grandi città sono odiose, ma di solito sono grandi contribuenti dei bilanci nazionali. Le città sono il luogo in cui si impara a vivere in una società moderna e aperta. Sono macchine per creare cittadini.

(Estratto dalla rassegna stampa internazionale a cura di Epr Comunicazione) 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati