Mondo

Che cosa non si sa del Coronavirus. Il Post di Burioni

di

coronavirus

È molto complicato valutare la reale situazione e la pericolosità del coronavirus. Il post di Roberto Burioni per Medical Facts

I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità non sono particolarmente utili per valutare la reale situazione e la reale pericolosità del Coronavirus, ma possono essere di spunto per un’importante riflessione.

Tabella presa da Time Magazine: oltre 42mila casi e oltre 1.000 morti. Poi ci sono quasi 4.000 guariti. Ma se sottraiamo a 42.000 prima 1.000 e poi 4.000 rimangono ancora in ballo 37.000 pazienti. Dove sono finiti?

Sono in ospedale e stanno combattendo con la malattia.

Questo è un problema per fare i conti precisi con questo virus. Tra il momento del contagio e il momento dei primi sintomi passano sei giorni.

Quindi, i casi che vediamo oggi sono il risultato dei contagi di sei giorni fa. Poi la gente si ammala e va all’ospedale. In seguito alcuni si aggravano e finiscono in rianimazione. Dopo molti giorni dal momento del ricovero i pazienti guariscono (per fortuna in gran parte) o non ce la fanno e muoiono.

Ma la morte o la guarigione possono avvenire a un mese dal contagio. Noi paragoniamo questi dati di mortalità (e di guarigione) ai contagi che avvengono oggi, ma in realtà dovremmo usarli con i dati di un mese fa.

Tutto questo rende molto complicato in questo momento valutare gravità e letalità di quest’infezione. Una cosa è certa: un’epidemia sarebbe in grado di mettere in ginocchio anche il sistema sanitario più efficiente del mondo. Faremmo bene a pensarci ora, per essere pronti nel malaugurato caso in cui la Cina non riuscisse a contenere l’infezione, e non ci riuscissimo neanche noi attraverso l’isolamento di chi da quelle parti proviene.

(Articolo pubblicato su Medical Facts, qui la versione integrale)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati