skip to Main Content

Yahoo: dove sta la verità sulla questione 007

Yahoo

Difficile capire dove sia la verità: Il New York Times svela alcuni dettagli su cosa gli 007 hanno chiesto a Yahoo di cercare, ma l’azienda di Marissa Mayer nega

Yahoo avrebbe consentito agli 007 Usa (ad Fbi e Nsa), in gran segreto, di spiare centinaia di milioni di email dei propri utenti. A riverarlo sarebbe stato un rapporto di Reuters, basandosi su indiscrezioni di due ex dipendenti della società californiana e di una terza persona al corrente di questo meccanismo. Yahoo ha smentito.

L’accusa arriva in un periodo molto delicato: solo qualche giorno fa  si è scoperto che Yahoo è stata hackerata. L’hacker ha avuto accesso a 500 milioni di account e ha venduto online le sue informazioni (nomi utente, password, informazioni personali come date di nascita, e altri indirizzi e-mail) per poco più di 1.800 dollari. “L’azienda californiana perde sempre più valore”, ha detto Sameet Sinha, analista di B. Riley. “E’ una delle società più deboli che operano sul Web”.

Ma torniamo alla questione 007. E proviamo a capire dove sta la verità.

Le accuse

Come dicevamo le accuse a Yahoo sono state mosse da Reuters, ma è stato il New York Times a svelare qualche particolare in più. Secondo il quotidiano americano, che avrebbe citato un funzionario del governo, gli 007 Usa avrebbero ordinato a Yahoo di cercare nelle mail la firma digitale utilizzata da un’organizzazione terroristica straniera.

yahooLa società avrebbe obbedito agli ordini, scansionando le singole e-mail in arrivo. Yahoo avrebbe utilizzato una versione di un suo sistema esistente che controlla spam, malware e qualunque cosa che possa rimandare a pornografia infantile.

“Sulla base di questo rapporto, l’ordine emesso a Yahoo sembra essere senza precedenti e incostituzionale,” ha commentato Patrick Toomey, un avvocato di American Civil Liberties Union. “E ‘profondamente deludente che Yahoo si sia rifiutata di sfidare questo ordine di sorveglianza, gli utenti contano sul fatto che le aziende tecnologiche si oppongano alle richieste di spionaggio.”

Yahoo nega tutto

Yahoo ha negato di aver ricevuto richieste simili, e che se fossero arrivate non avrebbe consentito l’accesso. Il report pubblicato da Reuters è “fuorviante”, ha detto la società californiana.

“Interpretiamo in modo restrittivo ogni singola richiesta governativa di accedere a dati dei nostri utenti, in modo da limitare al massimo la rivelazioni di dati sensibili. Il meccanismo di scannerizzazione delle mail descritto nell’articolo non esiste nel nostro sistema”.

E Verizon?

Verizon si è rifiutata di commentare il nuovo rapporto. Quel che è certo è che, dopo la notizia dell’hackeraggio avvenuto nel 2014, ma confermato solo il mese scorso, Verizon intende “valutare il proseguio dell’indagine”, facendo “gli interessi generali Verizon”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore