Innovazione

Tv, arriva la seconda era del digitale terrestre. Cosa cambia per gli utenti

di

tv Dvb-t2

Entro il 2022, le frequenze tv passeranno alla tecnologia DVB-T2. Alcuni apparecchi non funzioneranno più, se non con decoder

 

La nuova rivoluzione del digitale è alle porte: per la tv del domani, tutti gli italiani il primo luglio del 2022. L’Articolo 89 della Legge di Bilancio, in cui si spiegano appunto ‘Uso efficiente dello spettro e transizione alla tecnologia 5G’, definisce il recepimento del Piano della Commissione Europea sul 5G: serve posto nelle frequenze per la nuova modalità per la telefonia mobile, e per liberarle le tv dovranno passare al DVB-T2 che appunto permette la trasmissione dei canali in meno spazio.

L’iter verso il passaggio al DVB-T2

Il processo che porterà alla nuova era del digitale, parte dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, che entro il 31 marzo 2018, in tempi strettissimi, dovrà definire ”le procedure per l’assegnazione dei diritti d’uso di frequenze radioelettriche’‘. Entro il 30 settembre del 2018, poi, il Ministero dello sviluppo economico provvederà all’assegnazione dei diritti d’uso della delle frequenze in banda con disponibilità dal 1 luglio 2022. La palla passerà nuovamente ad Agcom, che dovrà adottare entro il 31 maggio del 2018 il piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo in digitale terrestre, ovvero il cosiddetto PNAF 2018 (secondo standard trasmissivo DVB-T2). Entro il 28 febbraio del 2019 avverrà il rilascio da parte del Ministero dello sviluppo economico dei diritti d’uso, che prevedono per il servizio pubblico ”radiofonico, televisivo e multimediale sino al 40% della capacità trasmissiva del multiplex regionale”.

Definito il tutto, ci sarà un periodo transitorio (dal primo gennaio 2020 al 30 giugno 2022) , per il passaggio da una tecnologia all’altra.

Cosa cambia per gli utenti?

Facciamo attenzione. La seconda era del digitale interesserà anche gli utenti, che non solo vedranno una nuova numerazione sul telecomando, ma dovranno adattare anche i propri apparecchi televisivi ai nuovi standard.

Il Governo, proprio con questo obiettivo, ha messo sul piatto 100 milioni di euro entro il 2022 come contributo alle famiglie per l’adeguamento delle tv in vista dello switch off.

Quali Tv funzioneranno ancora?

Tutti, ma con decoder. Proviamo a capire meglio. Tutti i televisori acquistati dal 1 luglio 2016, data in cui tutti i televisori venduti dai produttori ai negozianti devono avere un sintonizzatore per ricevere programmi in tecnologia DVB-T2, con tutte le relative codifiche approvate dall’Unione internazionale delle telecomunicazioni, dovrebbero tranquillamente funzionare.

Se il televisore è stato acquistato prima del 1° luglio 2016, è molto probabile che da luglio 2022 non funzioni più, se non con un decoder a parte.

Maggiore qualità

La buona notizia è che il passaggio al digitale terrestre permetterà un aumento della qualità visiva e sonora, oltre a più contenuti in alta e altissima definizione.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati