Innovazione

Cosa combina Palantir con Tiberius sui vaccini?

di

Tiberius palantir vaccini

Tiberius, la piattaforma software di Palantir per la distribuzione dei vaccini alla popolazione statunitense, analizzata da esperti e osservatori. Fatti, commenti e polemiche

 

Tiberius, come il secondo nome del capitano James Tiberius Kirk di Star Trek.

Si chiama così la piattaforma software messa a punto dalla controversa società di data mining Palantir per “aiutare i funzionari sanitari locali a decidere dove allocare le dosi di vaccino” anti Covid negli Stati Uniti.

Come ha spiegato il Dipartimento della Difesa, “Tiberius è stato sviluppato specificamente per l’operazione Warp Speed, lo sforzo collaborativo guidato dal Dipartimento della salute e dei servizi umani e dal DoD per sviluppare, produrre e fornire vaccini Covid-19 sicuri ed efficaci agli americani”.

Nel tentativo di raggiungere l’obiettivo di vaccinare 100 milioni di americani entro il primo trimestre del 2021, il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha collaborato con la società Palantir per sviluppare una piattaforma software chiamata Tiberius.

Funzionari sanitari statali e locali hanno affermato che il sistema Tiberius potrebbe contribuire a identificare le popolazioni ad alta priorità e quindi assegnando le dosi agli operatori sanitari, agli anziani e ad altri a più alto rischio di infezione.

Ma secondo la testata Venturebeat, gli algoritmi (tra cui quello alla base di Tiberius) possono codificare pregiudizi contro alcuni gruppi demografici, in particolare le minoranze e le persone a basso reddito.

Tutti i dettagli.

IL LAVORO DI PALANTIR PER TIBERIUS

Per tenere traccia della distribuzione dei vaccini, il governo degli Stati Uniti ha sviluppato una nuova piattaforma software chiamata Tiberius.

Il software aiuterà il governo federale ad allocare la quantità di vaccini che ogni stato riceverà e i funzionari locali useranno Tiberius per “decidere dove andrà ogni dose assegnata, dagli studi medici locali ai grandi centri medici”, spiega la nota del Dipartimento della Difesa.

COSA FA IL SOFTWARE TIBERIUS

Tiberius consente quindi agli stati e alle agenzie federali di vedere i loro ordini e monitorare le dosi dei vaccini. Il programma copre 50 stati, otto territori, la Veterans Health Administration, l’Ufficio delle prigioni, il servizio sanitario indiano e i dipartimenti della difesa e dello stato.

La piattaforma si basa sul lavoro che Palantir, la più controversa società californiana di data mining con profondi legami con i servizi segreti e le agenzie militari statunitensi, recentemente sbarcata a Wall Street.

CONTRIBUISCE ALLA DECISIONE

Tiberius consente a ogni dipartimento sanitario statale di “vedere tutti i loro fornitori iscritti lì e possono immergersi e entrare davvero nei dettagli su come prendere decisioni su dove inviare il vaccino all’interno della loro giurisdizione”, ha spiegato Deacon Maddox, colonnello dell’esercito in pensione, ora capo dei piani dell’Operazione Warp Speed.

Parafrasando, l’autorità sanitaria statale decide i soggetti da sottoporre ai vaccini anti-Covid attraverso i dati di Tiberius.

TENERE TRACCIA DEI VACCINI

Come spiega la nota del Dipartimento della Difesa, ogni giovedì, i produttori di vaccini informano l’Operation Warp Speed su quanto vaccino è disponibile per la settimana successiva.

Venerdì, Tiberius esegue un algoritmo che attinge a variabili tra cui la popolazione adulta e l’assorbimento del vaccino e assegna il numero di dosi disponibili a ogni stato.

Sabato, ogni stato finalizza i propri ordini e le consegne arrivano lunedì.

COME FUNZIONA L’AGORITMO DI PALANTIR

Deacon Maddox, ha descritto l’algoritmo di Tiberius come “semplice”, “equo” e “giusto”.

Secondo Maddox, prende come input le stime di produzione “aggiustate per il rischio”, una piccola parte da cui viene sottratta per fornire una “scorta di sicurezza” e il resto è diviso per le stime della popolazione dall’American Community Survey 2018 dell’US Census Bureau.

LE FONTI ALLA BASE DI TIBERIUS

La piattaforma Tiberius raccoglie e mostra quindi i dati dello US Census Bureau (è un’agenzia del dipartimento del commercio degli Stati Uniti d’America che si occupa dei censimenti), del dipartimento della salute e dei servizi umani, dagli uffici sanitari dello stato e dal CDC.

Come sottolinea VentureBeat, sebbene sia impossibile sapere esattamente quali variabili l’algoritmo di Tiberius prende in considerazione nelle sue decisioni — queste informazioni non sono pubbliche — la sua dipendenza dai dati dell’US Census Bureau è motivo di preoccupazione.

LA SOTTOSTIMA DEGLI UOMINI NERI NEGLI USA

“A causa dei limiti di tempo, della carenza di manodopera e di altri fattori di confusione, il Census Bureau sottostima regolarmente le popolazioni in alcune regioni del paese. Ad esempio, gli studi hanno dimostrato che la sottostima per gli uomini neri, in particolare quelli di età compresa tra 30 e 49 anni, è molto più alta del tasso netto di sottostima per la popolazione nera totale o per la popolazione maschile totale” spiega VentureBeat.

L’impatto potrebbe essere devastante secondo la testata. “In base ai dati della Johns Hopkins University, i neri americani sono infettati da Covid-19 a un tasso quasi tre volte superiore a quello dei bianchi americani e hanno più del doppio delle probabilità di morire a causa del virus. Ciò è in parte dovuto al fatto che i neri hanno maggiori probabilità di avere condizioni preesistenti che li predispongono alle infezioni, meno probabilità di avere un’assicurazione sanitaria e maggiori probabilità di lavorare in lavori che non consentono il lavoro a distanza” sottolinea VentureBeat.

I TIMORI DI OS KEYES DELL’UNIVERSITÀ DI WASHINGTON

Come si diceva, il software Tiberius di Palantir fornisce strumenti di pianificazione per gli stati per ottimizzare i loro piani di allocazione e distribuzione dei vaccini.

Sulla base delle raccomandazioni prioritarie, Tiberius fornisce supporto decisionale ai leader in tutto il paese, attingendo ai dati che includono le informazioni sulla pianificazione fornite dalle giurisdizioni.

“C’è la questione della sottostima e della sovrastima. [L’algoritmo] non influisce solo sulle valutazioni di quante dosi sono necessarie in una particolare area, ma anche sulla priorità di tali dosi”, ha detto a VentureBeat Os Keyes, ricercatore di intelligenza artificiale presso il Dipartimento di Human Centered Design and Engineering dell’Università di Washington. “Se non includi le popolazioni vulnerabili così spesso, stai sottostimando la popolazione, il che significa che hai un falso senso di densità geografica. Inoltre, nel tuo senso di densità geografica mancano le persone che, a causa del loro trattamento e della loro vita, hanno maggiori probabilità di vivere in alloggi densi, alloggi di bassa qualità, luoghi in cui l’allontanamento sociale è particolarmente difficile e disuguaglianze di salute preesistenti che esacerbano la vulnerabilità a Covid sono particolarmente alti”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati