Innovazione

Netflix, Disney Plus e Amazon Prime. Chi vincerà la guerra dello streaming?

di

Netflix Disney

La competizione nel mercato del video streaming si è intensificata man mano che Disney Plus sta raggiungendo Netflix come numero di sottoscrittori

Netflix mantiene lo scettro di re del video streaming ma la “guerra per il trono” è aperta.

A inizio settimana Disney ha annunciato una ristrutturazione della società e delle sue divisioni di media e intrattenimento più orientata alla distribuzione di contenuti e a vendite di annunci sul suo canale Disney Plus.

Nel regno dei servizi di streaming, Disney Plus sembra rappresentare la più grande minaccia per Netflix. Quando è stato lanciato lo scorso novembre, il gruppo Disney ha dichiarato di aspettarsi che il servizio avrebbe raggiunto da 60 a 90 milioni di abbonati a livello globale entro il 2024. Disney Plus ha già superato i 60,5 milioni di iscritti.

L’offerta combinata streaming Disney (Disney Plus più altri servizi) è diventata in 12 mesi il terzo servizio per sottoscrittori al mondo con 100 milioni. Si piazza infatti dopo Netflix (193 milioni di abbonati) e Amazon Prime Video (150 milioni), superando rivali come Hulu (32 milioni) e Hbo Max (36 milioni).

Ecco chi vince e chi tra le piattaforme video la guerra dello streaming.

LA CRESCITA SPASMODICA DEGLI UTENTI DI DISNEY PLUS

Dei nuovi servizi di video streaming lanciati nell’ultimo anno, l’offerta combinata Disney sembra la più riuscita con oltre 100 milioni di utenti.

si è riorganizzata ad agosto per unire le sue operazioni cinematografiche e televisive sotto un’unica testa di studio per competere meglio nelle guerre dei media in streaming. Al 30 giugno HBO Max contava 4,1 milioni di utenti.

Un po’ meglio Peacock, il servizio di NbcUniversal (di proprietà Comcast) lanciato lo scorso aprile, che ha raggiunto i 15 milioni di utenti. Ma al momento lo scettro del re dello streaming resta a Netflix. Il pioniere dello streaming vanta 193 milioni, anche se ha costruito quella base di clienti in 13 anni.

Infine Apple. Il colosso di Cupertino non riporta i dati per Apple TV +, ma Ampere Analysis ha stimato che il servizio aveva 33,6 milioni di utenti a gennaio.

NETFLIX RESTA IN VANTAGGIO… MA…

La principale guida indipendente allo streaming per i consumatori, Reelgood, ha mostrato i dati di ogni piattaforma streaming, dimostrando che Netflix continua infatti a mantenere il suo vantaggio con una quota di mercato del 25% (anche se inferiore alla sua quota del 32% nel secondo trimestre). Prime Video ha registrato un aumento dell’1% a una quota del 21% nel terzo trimestre, rimanendo al secondo posto.

Attenzione però, il divario tra le prime due piattaforme si è ridotto in modo significativo.

Nel caso di HBO Max e Disney Plus, le due nuove piattaforme si sono ritagliati la loro quota nel mercato rispettivamente al quarto e al quinto posto. HBO Max è aumentato al 9%, mentre Disney Plus è rimasto stabile al 6%. Con queste cifre, HBO Max ha superato Disney Plus del 50% nel secondo trimestre, nonostante il primo sia stato lanciato solo a fine maggio. Hulu ha mantenuto la sua terza posizione nonostante sia scesa dal 19% al 15%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati